Seleziona una pagina

Meridionale ed ebreo

Southern & Jewish celebra le storie, le persone e le esperienze passate e presenti della vita ebraica nel sud americano. Ospitato dal Goldring/Woldenberg Institute of Southern Jewish Life, i post provengono da educatori, studenti, rabbini, genitori, artisti e molti altri visitatori e fegati quotidiani dell'esperienza ebraica meridionale. Dai viaggi su strada alle ricette alle riflessioni, esplora bene un po' di tutto, almeno tutto ciò che è meridionale e/o ebraico. Shalom, tutti voi!

Prima di iniziare, lasciami promettere che questo post non contiene spoiler sulla seconda stagione di Stranger Things , ma potrebbe rivelare alcune cose sulla prima stagione, quindi leggi a tuo rischio

C'è molto che amo dello show Stranger Things . Adoro la sua ambientazione perfetta negli anni '80, che rievoca i film della Amblin Entertainment della mia infanzia (e alla mia infanzia reale meno le cose soprannaturali, per la maggior parte). Adoro l'eccellente narrazione. Adoro il fatto che abbia dato a Winona Ryder una possibilità di redenzione, e lei ha corso con esso. Adoro il fatto che gli attori giovanili stellari siano la forza trainante dello spettacolo.

Non mi aspettavo di amare il modo in cui mi ha anche fatto pensare a grandi idee, e soprattutto non mi aspettavo che i temi che emerge avessero così tante connessioni con l'ebraismo in generale e la mia esperienza ebraica in particolare. Ma qui ci sono cinque cose che il mio programma televisivo inquietante preferito mi fa contemplare e/o con cui mi connetto:

Un estraneo da un altro mondo che trova una nuova comunità (ma è comunque diverso).

Mio padre è un americano di prima generazione; entrambi i suoi genitori erano immigrati da due diversi vecchi mondi, essendo un estraneo che deve imparare la lingua, fare amicizia e trovare un posto per te stesso non è solo la storia di Elevens, è la nostra. Inoltre, crescendo in una piccola città in cui la mia era l'unica famiglia ebrea, anche se a distanza di qualche decennio dall'arrivo della mia famiglia, ho sempre saputo cosa si prova ad essere L'unico, L'estraneo, L'undici.

Raggiungere la maggiore età intorno ai 12 o 13 anni e assumere responsabilità adulte.

I protagonisti di Stranger Things stanno navigando in quegli anni imbarazzanti intorno ai 12 e 13 anni, quando tutto sta cambiando e la posta in gioco si alza. Certo, questi ragazzi hanno anche pericoli e demoni in agguato dietro ogni angolo, ma comunque. Tutto ciò che fa è alzare la posta in gioco intorno alla realtà che stanno diventando maggiorenni e non sono in grado di sottrarsi al proprio ruolo nel sistemare le cose (questo Web ha un articolo interessante su questo raggiungimento della maggiore età che si collega anche al concetto di Yetzer Hara e Yetzer Hatov, che potrebbe essere la sua stessa esplorazione di Stranger Things ) Fondamentalmente, invece di prepararsi per un bar mitzvah, questi ragazzi devono affrontare scienziati malvagi e il mondo sotterraneo. Quindi, parlando come ex tutor di bnai mitzvah, sento che i miei studenti sarebbero d'accordo sul fatto che si tratta di un livello di stress abbastanza simile.

The Upside Down suona molto come Sheol.

L'ebraismo non è grande all'inferno, cosa che ho sempre apprezzato, ma c'è l'antico concetto di Sheol, descritto come una regione oscura e profonda, la Fossa, e la Terra dell'Oblio, dove gli esseri umani discendono dopo la morte. Il suggerimento è che negli inferi di Sheol, il defunto, sebbene separato da Dio e dall'umanità, viva in uno stato di esistenza oscuro eh, se questo non descrive The Upside Down, non so cosa lo faccia.

Tre (o più) lati per ogni argomento.

Sia che tu decida di dirlo agli adulti, affrontare il Demagorgon, fidarti di Undici, nessuna scelta è semplice. A volte portano a discussioni, ma alla fine le amicizie vengono ripristinate e si va avanti. Sì.

Più domande che risposte.

Forse la mia cosa preferita e più frustrante dell'ebraismo e dello spettacolo: ci sono sempre più domande che risposte. Erano dotati e tormentati dal mistero. La storia è complessa e la trama continua ad infittirsi. E diciamo amen!

I fratelli Duffer sono gemelli

I gemelli identici sono nati nel 1984 nella Carolina del Nord. Fin da piccoli i fratelli erano molto legati. Fin dalla terza elementare hanno iniziato a girare film con una piccola videocamera Hi8 e da allora il loro amore per il cinema non è mai venuto meno.

Cosa ha ispirato i Duffer Brothers

Fortemente ispirato dai pilastri della fantascienza e del fantasy della loro infanzia e degli anni '80, Matt Duffer ha rivelato a quali proprietà, in particolare, il duo ha attinto per la ripresa finale in particolare. Ha detto: "Siamo stati molto ispirati da Empire Strikes Back, quel finale in cui stanno guardando fuori dalla finestra.

I fratelli Duffer possiedono Stranger Things

Il gigante dello streaming ha rivelato mercoledì che i creatori della serie di successo, Matt e Ross Duffer, hanno formato la Upside Down Pictures, una nuova società di produzione che svilupperà progetti cinematografici e televisivi, incluso uno spin-off di "Stranger Things", come parte del accordo generale dei fratelli con Netflix.

Come hanno fatto i Duffer Brothers a inventare Stranger Things

Dopo circa dodici incontri di rifiuto con altre reti, i Duffer Brothers hanno avuto l'opportunità di presentare Stranger Things a Netflix. Continua a leggere per saperne di più sulla loro presentazione modificata di Stranger Things.