Seleziona una pagina

Con costumi, discorsi e tanto bevute, Purim, che nel 2022 inizia al tramonto di mercoledì 16 marzo, è una delle feste più chiassose del giudaismo. Potresti conoscere la bella Esther che contrasta i piani malvagi di Hamans, l'usanza di ubriacarsi e cosa sono gli hamantaschen. Ma stavamo indovinando che ci sono alcune cose di questa vacanza che potrebbero sorprenderti.

1. Ester era vegetariana (o almeno flessibile).

Secondo midrash, mentre la regina Ester viveva alla corte del re Assuero, seguiva una dieta vegetariana composta principalmente da legumi in modo da non infrangere le leggi delle kashrut (leggi alimentari). Per questo motivo esiste una tradizione di mangiare fagioli e piselli su Purim. (Dopo tutto, avrai bisogno di qualcosa di sano dopo tutto l'alcol e l'hamantaschen.)


Quando è Purim 2023? Scopri tutto sulla vacanza qui.


2. Dovresti trovare un intermediario per consegnare il tuo mishloach manot, i cesti regalo tradizionalmente scambiati con amici e familiari su Purim.

Il versetto del Libro di Ester sul mishloach manot stabilisce che dovremmo inviarci doni l'un l'altro, non solo darci doni l'un l'altro. Di conseguenza, è meglio inviare i tuoi pacchetti di chicche a un amico tramite un messenger, piuttosto che darli a titolo definitivo. Chiunque può fungere da intermediario, quindi sentiti libero di reclutare il servizio postale o anche quel bravo ragazzo nell'ascensore per aiutarti a consegnare i tuoi regali.

3. Il Libro di Ester è uno dei due soli libri biblici che non includono il nome di Dio.

L'altro è Cantico dei Cantici. Anche il Libro di Ester non fa alcun riferimento al Tempio, alla preghiera o alle pratiche ebraiche come kashrut [mantenere kosher].

4. Hamantaschen potrebbe essere stato progettato per simboleggiare il cappello di Haman o le sue orecchie o tasche. O qualcosa di un po' più femminile.

Alcuni dicono che questi biscotti rappresentino le orecchie di Haman (il nome ebraico per loro, oznei Haman , significa proprio questo) e si riferiscono all'usanza di tagliare le orecchie a un criminale prima della sua esecuzione. Un'altra teoria è che i tre angoli rappresentino i tre patriarchi il cui potere indebolì Aman e diede forza a Ester per salvare gli ebrei. Ancora un'altra teoria: poiché la parola tedesca tasche significa tasca o tasca, i biscotti potrebbero significare le tasche di Haman e il denaro che ha offerto al re per il permesso di uccidere gli ebrei. Infine, negli ultimi anni, alcune femministe hanno suggerito che i biscotti, che dopotutto non sono dissimili nell'aspetto dalle parti riproduttive femminili, fossero intesi come simboli di fertilità.

5. Nel 1945, un gruppo di soldati americani tenne tardi servizi Purim all'interno del propagandista nazista Joseph Goebbels confiscò il castello.

Secondo la copertura della JTA dell'epoca, il cappellano ebreo dispose con cura le candele su una libreria ornata di svastica nella sala da pranzo principale di Goebbels, e i soldati ebrei spiegarono ai loro compagni cristiani presenti di Haman e perché era così appropriato che i servizi di Purim dovessero essere tenuto in un castello di Goebbels.

6. Il Libro di Ester, che molti studiosi teorizzano come immaginario, potrebbe essere un adattamento di una storia babilonese.

Alcuni studiosi sostengono che il Libro di Ester abbia adattato storie su questi dei pagani Marduk che divennero Mordecai e Ishtar si trasformò in Ester per riflettere le realtà dei suoi stessi autori ebrei in esilio

7. Il calendario ebraico ha un anno bisestile regolare con due mesi di Adar (ma solo un Purim, che cade durante il secondo Adar).

Per garantire che le festività rimangano nelle loro stagioni obbligatorie, il calendario ebraico è stato ingegnosamente adattato per accogliere la differenza di 11 giorni tra l'anno lunare e quello solare. Nel IV secolo d.C., Hillel fissò un mese in più alla fine dell'anno biblico, se necessario. L'anno biblico inizia in primavera con Nissan (Esodo 12,1-2) e termina con Adar. Hillel, in collaborazione con il Sinedrio (corte suprema ebraica) scelse di ripetere Adar (Adar I e Adar II) ogni 3°, 6°, 8°, 11°, 14°, 17° e 19° anno per un periodo di 19 anni.

8. Purim viene celebrato un giorno dopo all'interno delle città murate che altrove.

Il Libro di Ester distingue tra gli ebrei che vissero e combatterono i loro nemici per due giorni all'interno della capitale, Shushan, e coloro che vivevano in città senza mura, dove era necessario un solo giorno per sottomettere il nemico. I rabbini decisero che avremmo dovuto fare la stessa distinzione quando si commemorava l'evento. Di conseguenza, se una persona vive in una città che è stata murata sin dai tempi di Giosuè (circa 1250 aEV), come era Sushan, Purim viene celebrato il quindicesimo del mese di Adar, un giorno indicato come Shushan Purim.

9. Subito dopo la Guerra del Golfo del 1991, il costume di Purim più popolare d'Israele era quello del portavoce delle forze di difesa israeliane, il cui volto appariva in TV ogni volta che suonava un allarme missilistico Scud e la gente mangiava Saddamtaschen invece che hamantaschen.

I toni rassicuranti del portavoce Nachman Shais gli valsero il soprannome di National Valium, mentre Israele veniva colpito da missili iracheni, secondo un rapporto della JTA dell'epoca. Quell'anno, mentre molti costumisti evitarono la tentazione di realizzare costumi di Saddam Hussein (sarebbe come un costume di Hitler, ha detto un venditore a JTA), le panetterie vendevano Saddamtashen, che hanno l'aspetto e il sapore esattamente come Hamantashen.

Adar

Pronunciato: uh-DAHR, Origine: ebraico, mese ebraico solitamente coincidente con febbraio-marzo.

kashrut

Pronunciato: kahsh-ROOT, Origine: ebraico, le leggi dietetiche ebraiche.

mishloach manot

Pronunciato: meesh-LOE-akh mah-NOTE, Origine: ebraico, letteralmente inviando porzioni l'una all'altra. Una frase tratta dal Megillah [Libro di Ester] che ordina alla comunità ebraica di dare piccoli pacchetti di cibo o regali agli amici nel giorno di Purim.

Purim

Pronunciato: PUR-im, la festa dei lotti, origine: ebraico, festa gioiosa che racconta la salvezza degli ebrei da un minacciato massacro durante il periodo persiano.