Seleziona una pagina

I libri della Bibbia, o Tanakh, sono i testi fondanti del popolo ebraico. Gli studiosi ritengono che i libri della Bibbia siano stati scritti per un lungo periodo di tempo, risalendo alcuni già al periodo del re Davide e del re Salomone (intorno al 1000 a.C.) e altri fino al II secolo a.C. Dopo la distruzione del Secondo Tempio nel 70 d.C., emerse un'altra significativa tradizione letteraria ebraica. La Mishnah (redatta intorno al 200 d.C.) e il Talmud (redatto intorno al 500 d.C.) costituivano il nucleo della letteratura rabbinica che commentava e chiariva le leggi bibliche.

Tuttavia, tra il periodo biblico e quello rabbinico, emerse un'altra serie di scritti. Questi includono Apocrypha, Pseudepigrapha e i Rotoli del Mar Morto. Sovrapponendosi ad alcuni dei libri biblici tardivi, questi testi antichi catturano la vita alla fine del periodo del Secondo Tempio. Sebbene non siano conservati come parte del canone letterario ebraico tradizionale, questi testi sono importanti testimoni storici, collegano i periodi biblico e rabbinico, forniscono informazioni sulla fondazione del cristianesimo e aiutano a chiarire il processo di canonizzazione biblica ebraica.

Apocrifi, che in greco significa cose nascoste, si riferisce a un insieme di opere ritenute canoniche dalla comunità ebraica egiziana, con sede ad Alessandria, ma non incluse nel canone più piccolo della comunità ebraica palestinese che divenne l'attuale Tanakh. La Chiesa primitiva ha conservato queste opere nelle versioni latina (Vulgata) e greca (Settanta) dell'Antico Testamento, e rimangono una parte del canone per vari rami del cristianesimo. Esempi di questo genere includono aggiunte ai libri di Ester e Daniel, Ben Sira e la saggezza di Salomone e i primi tre libri dei Maccabei.

Il primo e il secondo libro dei Maccabei raccontano le battaglie di Giuda Maccabeo e dei suoi fratelli per la liberazione della Giudea dalla dominazione straniera. Gli studiosi hanno avanzato una serie di teorie per spiegare perché i primi riferimenti alla storia di Hanukkah non erano inclusi nel canone biblico ebraico.

Alcuni suggeriscono che solo i libri scritti in ebraico fossero considerati per l'inclusione nella Bibbia ebraica; i libri dei Maccabei furono esclusi perché scritti in greco. Altri sostengono che la data relativamente tarda della rivolta dei Maccabei ne precluderebbe l'inclusione nella Bibbia. Entrambe queste teorie sono problematiche perché il libro di Daniele, che fa parte della Bibbia ebraica, è stato scritto parzialmente in aramaico ed è datato allo stesso tempo della rivolta dei Maccabei. Altri studiosi suggeriscono che l'esclusione dei Maccabei sia stata una decisione dei farisei protorabbinici che non volevano canonizzare un documento che elogiava la classe sacerdotale. Un'altra spiegazione è che gli ebrei che vivevano sotto l'occupazione romana non pensavano che fosse politicamente saggio promuovere un testo che annunciasse l'esito positivo di una rivolta ebraica.

Queste diverse spiegazioni per l'esclusione dei Maccabei riflettono la posizione generalmente incerta tra gli studiosi riguardo alla domanda sul perché alcuni testi siano entrati nel canone ebraico, mentre altri no. Questa incertezza si applica non solo agli Apocrifi, ma anche agli Pseudepigrapha e ai Rotoli del Mar Morto.

Pseudepigrapha significa falsa scrittura in greco. Si riferisce a una raccolta di testi la cui paternità è volutamente (errata) attribuita a personaggi della Bibbia ebraica. Simile ad Apocrypha, alcune opere degli Pseudepigrapha hanno temi apocalittici. Esempi notevoli di Pseudepigrapha includono i Libri dei Giubilei ed Enoch.

I Rotoli del Mar Morto, scoperti nel 20° secolo, sono la documentazione storica più importante della vita ebraica nel periodo del Secondo Tempio. Questa collezione comprende più di 900 documenti e frammenti di documenti che sono stati trovati nelle grotte di Qumran e dintorni, in Israele. Gli studiosi ritengono che i testi che includono testi biblici, Apocrifi, Pseudepigrapha, nonché testi unici di Qumran appartenessero a una comunità settaria che viveva nel deserto della Giudea.

I Rotoli del Mar Morto ci hanno fornito una maggiore comprensione di quando e come furono canonizzati diversi libri biblici. Offrono anche uno sguardo sullo stile di vita di una comunità settaria del Secondo Tempio che si considerava ebrea sebbene le sue pratiche differissero notevolmente da quelle odierne.

Hanukka

Pronunciato: KHAH-nuh-kah, anche ha-new-KAH, una festa di otto giorni che commemora la vittoria dei Maccabei sui Greci e la successiva ridedicazione del tempio. Cade nel mese ebraico di Kislev, che di solito corrisponde a dicembre.

Mishnah

Pronunciato: MISH-nuh, Origine: ebraico, codice di diritto ebraico compilato nei primi secoli dell'era volgare. Insieme alla Gemara, costituisce il Talmud.

Talmud

Pronunciato: TALL-mud, Origine: ebraico, l'insieme degli insegnamenti e dei commenti alla Torah che costituiscono la base della legge ebraica. Composto dalla Mishnah e dalla Gemara, contiene le opinioni di migliaia di rabbini di diversi periodi della storia ebraica.

Qual è il più antico testo ebraico

Il Codex Leningradensis è il più antico manoscritto completo della Bibbia ebraica in ebraico. I manoscritti anteriori al XIII secolo sono molto rari.

Come si chiamano le sacre scritture ebraiche

La Bibbia ebraica è conosciuta in ebraico come Tanakh, acronimo delle tre serie di libri che la compongono: il Pentateuco (Torah), i Profeti (Nevi'im) e gli Scritti (Ketuvim).

Come è stato scritto l'ebraico antico

I testi ebraici furono scritti e trascritti su rotoli non in libri rilegati e la Bibbia dei tempi biblici sembrava molto diversa dalla Bibbia di oggi. L'equivalente moderno di come potrebbe essere stata la Bibbia ebraica nei tempi antichi sono i rotoli di disegni architettonici nel dipartimento di pianificazione del municipio.

Qual è il più antico testo biblico conosciuto

I primi manoscritti esistenti

Il primo manoscritto di un testo del Nuovo Testamento è un frammento delle dimensioni di un biglietto da visita del Vangelo di Giovanni, Rylands Library Papyrus P52, che potrebbe risalire alla prima metà del 2° secolo.