Seleziona una pagina

Jack Hazan è stato in modalità sopravvivenza per anni, finché la figlia di Madonna non ha provato il suo challah. Al giorno d'oggi, il fornaio ebreo siriano di 34 anni, è uno psicoterapeuta autorizzato e collaboratore di Food Network con un'azienda di successo che vende prodotti challah.

La sua storia inizia, mi spiega Hazan al telefono dalla sua casa di New York City, nel 2015, quando suo cugino lo invitò a una cena di Shabbat al Kabbalah Center. Ha portato challah fatto in casa ed era seduto a un tavolo con la figlia di Madonne, Lourdes Leon, che chiama Lola.

Era il più pazzo! Hazan ricorda. Eccomi qui, nel centro della Kabbalah con il mio challah, e c'è Lola, e tiro fuori il mio challah, è come Oh mio Dio, mia madre lo adorerebbe! E sto sudando. Sono appena morto. Ho pensato che fosse un commento usa e getta. E poi chiama sua madre e le fa: Oh mio dio, prova il suo pane challah, assaggialo!

Da lì, Madonna gli ha detto, Tu, con le sopracciglia. Questo è così bello. Lo voglio ogni settimana. All'inizio, Hazan pensava che fosse uno scherzo Madonna, la superstar mondiale, vuole mangiare la sua challah ogni settimana?! Alla fine, lo ha spronato a fondare JackBakes, una società con sede a challah. Vendono challah intrecciati a mano, bagel di challah (che ho provato e sono assolutamente deliziosi) e altro ancora.

Jack Hazan con il suo JackBakes challah (per gentile concessione di Hazan)

L'ingresso nell'industria alimentare è stata una grande curva di apprendimento.

Qualunque cosa possa andare storta andrà storta. L'industria alimentare è una di quelle cose che le persone possono dirti quanto sia dura, ma finché non ci sarai davvero, non lo saprai davvero. Ma c'è qualcosa da dire sulla persistenza e sulla resilienza.

Questa persistenza ha portato in Baking Therapy un modo per Hazan di combinare la sua passione per la cottura e la sua abilità per la psicoterapia. È iniziato con un giovane cliente che non si sentiva a suo agio nell'aprirsi. Continuo a provare tutte queste diverse tecniche, non va da nessuna parte, e [poi dico] Alziamoci.' Hazan la condusse nell'angolo cottura della suite. Sto pensando, va bene, la cottura è ciò che mi aiuta quando sono nella mia testa a entrare nel mio corpo.'

La cottura si è rivelata proprio il trucco. Comincio a notare che non appena la sua mente e la sua concentrazione si allontanano da me, inizia a fidarsi di me. E ora che sto lavorando con lei in tandem su questo progetto, inizia a fidarsi di me. Ora eravamo in questo insieme e la conversazione inizia a fluire.

Hazan ora fa la terapia del forno per tutti, dalle coppie che lavorano sulla costruzione dell'intimità alle persone che affrontano il dolore e la perdita. E la cottura al forno è importante per la propria salute mentale soprattutto durante la quarantena.

Per me, la ricetta del pane challah mi ricorda mia nonna. Durante la quarantena, ho scoperto che mi mancava davvero. Ero molto solo, molte cose mi sono venute fuori quando eri in un monolocale, e sei solo da solo, quelle cose tendono a venire fuori. Quando mi sono ritrovato a desiderare l'amore di mia nonna, ho cotto il pane challah. Mi sono appena ricordato di lei, della ricetta e del nostro tempo insieme, ed è stato molto catartico per me.

Nonostante sia circondato da una famiglia allargata e amorevole, crescere gay nella comunità ebraica siriana non è stata un'impresa facile.

C'è l'aspettativa che tu lavori in un'azienda di famiglia, o amico di famiglia, e ti sposi, e poi hai figli e poi segui le stesse strade. E ora eccomi qui, ed ero tipo, diavolo no", dice Hazan con una risata.

Eppure dà credito al suo passato per il suo successo. È una comunità bella e generosa. Fanno molta beneficenza. C'è un sacco di servizi disponibili per chi ne ha bisogno; sono davvero lì l'uno per l'altro, ed è una cosa bellissima. Parte del motivo per cui sono stato in grado di avere successo negli affari, così come nella mia professione, darò credito alla mia etica del lavoro siriana per questo. Quel senso lo chiamo un sano senso di diritto: se lui può farlo, posso farlo io.

Quella spinta lo ha portato al Food Network, dove ha iniziato ad apparire come collaboratore. Mi dà questa opportunità di condividere e invitare altre persone nella mia famiglia e nella mia eredità.

Visualizza questo post su Instagram

#Repost @foodnetwork Il nostro nuovo spuntino preferito a tarda notte = BABKA!! . . .

Un post condiviso da Jack (@jackbakesnyc) su

Sono così felice di essere stato in grado di condividere queste ricette con persone in tutta l'America che non hanno davvero accesso a prodotti da forno come il pane challah o il babka. È semplicemente meraviglioso avere l'opportunità di condividerlo con le persone e connettersi. Basta leggere i messaggi e rispondere e poi [vedere quando] ce la fanno. Sono tipo, oh mio dio, prima di tutto ti sei fidato di me e di questa ricetta abbastanza da prenderti il ​​tempo di sederti e prepararla. Questo è il più grande complimento che tu possa mai farmi.'

Dovrai sintonizzarti per le ricette complete, ma ti lascerò con il segreto di Hazan per il grande challah: tripla prova. Quindi, quando si alza, picchiettalo di nuovo, lascialo lievitare di nuovo. Colpiscilo di nuovo. E lascialo lievitare ancora. E poi intreccialo, e poi lascialo lievitare. Avete sentito prima qui.

Molte grazie a Maddy Albert per l'aiuto con la trascrizione. Tutte le immagini per gentile concessione di Jack Hazan.