Seleziona una pagina

L'idea che un essere umano, il Messia, aiuterà ad inaugurare la redenzione del popolo ebraico ha radici nella Bibbia. Tuttavia, le fonti ebraiche, come regola generale, non hanno focalizzato l'attenzione sulle specifiche qualità personali del Messia. Immagini del Messia umile o bambino sono giustapposte alle immagini di un sovrano vittorioso e saggio, forse in contrasto con lo stato attuale e irredento di Israele e la visione profetica del futuro. In tempi recenti, alcuni ebrei hanno democratizzato il concetto del Messia, vedendo il processo o la preparazione alla redenzione nelle azioni delle persone normali.

Un bambino che cresce per governare in pace

Perché a noi è nato un bambino, a noi è stato dato un figlio; e il governo è sulle sue spalle; e il suo nome sarà chiamato mirabile consigliere del Dio potente, del Padre eterno, del Principe della pace.

Isaia 9:5

Giudice e discendente del re Davide

E uscirà una verga dal ceppo di Iesse [il padre del re Davide], e un ramo crescerà dalle sue radici; e lo spirito del Signore riposerà su di lui, lo spirito di sapienza e di intelligenza, lo spirito di consiglio e di potenza, lo spirito di conoscenza e di timore del Signore. E la sua gioia sarà nel timore del Signore; e non giudicherà da ciò che i suoi occhi vedono, né deciderà da ciò che i suoi orecchi odono. Ma con rettitudine giudicherà i poveri e deciderà con equità per gli umili della terra; ed egli colpirà la terra con la verga della sua bocca, e con il soffio delle sue labbra ucciderà gli empi.

Isaia 11:1-4

Grande guerriero

Quanto grande era la forza di Ben Koziva [alias Bar Kokhbathe leader della rivolta della Giudea del 132-135 d.C. contro Roma]? Avrebbe intercettato le pietre colpite dalle catapulte romane con una delle sue ginocchia, le avrebbe sollevate indietro e così avrebbe ucciso tanti soldati romani. Quando R. Akiba vide Ben Koziva, esclamò: Una stella ( kokhav ) è sorta da Giacobbe [Numeri 24:17] Koziva è sorta da Giacobbe! Egli è il re Messia.

Lamentazioni Rabba 2:2 4

Abile giudice

Bar Koziva regnò per due anni e mezzo, e poi disse ai rabbini: Io sono il Messia. Risposero: Sta scritto che il Messia può giudicare dall'olfatto (basato su Isaia 11:3); vediamo se lui [Bar Koziva] può farlo. Quando videro che non poteva giudicare dall'olfatto, lo uccisero.

Talmud babilonese, Sinedrio 93b

L'arrivo del Messia dipende dal popolo Israele

R. Alessandrino disse: R. Giosuè contrapponeva due versetti: Sta scritto: Ed ecco, uno come il figlio dell'uomo venne con le nubi del cielo (Daniele 7:13), e un altro versetto dice: [Ecco, il tuo re viene a tu] umile e cavalca un asino (Zaccaria 9:7). Se Israele lo merita, [verrà] con le nubi del cielo; in caso contrario, [sarà] umile e cavalca un asino.

Talmud babilonese, Sinedrio 98a

Il Messia come un mendicante corrotto

R. Joshua ben Levi [domandò a Elia, il profeta che si dice sarà il presagio dell'età messianica] Quando verrà il Messia? Vai a chiederglielo lui stesso. Dove è seduto? Alle porte di Roma. Cosa lo identificherà? È seduto tra i poveri lebbrosi; mentre tutti loro sciolgono tutte [le loro bende] in una volta, e le fasciano insieme, lui scioglie e rifascia ciascuna separatamente, [prima di trattare la successiva], dicendo che potrei essere necessario, quindi non devo tardare.

Talmud babilonese, Sinedrio 98a

Il disprezzato ma bellissimo Messia

Mi sono girato e qualcuno mi ha toccato. Ho visto un uomo spregevole e storpio e mi ha detto: Non temere, sei stato portato qui perché ti potessi vedere. Questa è Roma, dove sono rinchiuso in prigione fino alla mia fine.

Quando ho sentito questo, ho nascosto la mia faccia; poi mi voltai di nuovo a sbirciare e nascosi ancora una volta il viso dalla paura. Perché hai paura? Ho sentito delle voci. Tu sei il Messia. Allora mi apparve come un giovane incomparabilmente bello.

[Un angelo mi spiegò:] Menachem, figlio di Amiel, verrà improvvisamente nel mese di Nisan e starà nella valle di Arbel. Tutti i saggi d'Israele usciranno da lui e il figlio di Amiel dirà loro: Io sono il Messia che Dio ha mandato come buona novella per salvarvi dai vostri nemici. E i saggi lo disprezzeranno, come tu [inizialmente] lo disprezzavi e non gli credevi. La sua furia brucerà e si vestirà di vendetta e verrà alle porte di Gerusalemme con il profeta Elia e resusciterà Neemia ben Hushiel che fu ucciso, e allora crederanno in Menachem ben Amiel.

Lo pseudonimo Sefer Zerubavel, c. VII secolo, pubblicato su Jellinek, Bet haMidrash .

Capo accademico

Tutti i giusti sono stati capi di accademie sulla terra e sono diventati discepoli dell'accademia celeste, e il Messia visita tutte queste accademie e mette il suo sigillo sulla Torah che esce dalla bocca degli insegnanti.

Zohar Bereishit 1, 4b

Un filosofo/re/generale di successo

Se un re della Casa di Davide studia la Torah, si occupa dei comandamenti come faceva Davide, osserva le leggi della legge scritta e orale, convince Israele a camminare sulla via della Torah e a riparare le sue violazioni, e combatte il battaglie del Signore, si può presumere che egli sia il Messia. Se riesce in queste cose, ricostruisce il Tempio sul suo sito e raduna i dispersi d'Israele, è fuori di ogni dubbio il Messia, ma se non riesce pienamente, o viene ucciso, è ovvio che non è il Messia promesso in la Torà.

Maimonide, Leggi dei Re 11:3-4 (versione non censurata)

Non c'è alcun Messia, solo un'era messianica

La Piattaforma di Pittsburgh del 1885 [che afferma i principi del giudaismo riformato] respinse la tradizionale speranza ebraica che un erede del re Davide sorgesse quando il mondo fosse pronto a riconoscere quell'erede come l'unto (il significato originale di mashiach, anglicizzato in Messia). Nell'Avot, la prima [benedizione] dell'Amidah [una preghiera centrale nella liturgia ebraica], i riformatori cambiarono la speranza dei libri di preghiere per un go-el, un redentore, in geulah, redenzione

Commento sulla piattaforma di Pittsburgh, www.ccarnet.org

Il Messia potrebbe essere chiunque

La cosa che amo di più dell'essere ebreo è aspettare il Messia! Questo è ciò che amo di più in attesa, in attesa, come gran parte della vita noi ebrei stiamo aspettando il Messia Mi piace che il libro sia ancora aperto sulla questione dell'identità di Moshiach [messia] Eleanor Roosevelt, George Balanchine, Martin Luther King, Nadine Gordimer, Fred Rogers, Richard Pryor, Cruz Irizarry, la donna che si prende cura dei miei figli quando lavoro, l'uomo dell'UPS che è così gentile da portare nelle scatole e sistemarle dove serve, i ragazzi sexy della compagnia via cavo sono come una grande festa di Halloween, la vita è una festa in costume in cui chiunque può farsi avanti da dietro le maschere e rivelarsi come Moshiach.

Deb Margolin, artista performativa, Oh Wholly Night and Other Jewish Solecisms, 1996

Ci aspetta, tra coloro che hanno bisogno di guarigione

Invece di provocare l'inizio della redenzione, il messia ne annuncerà il completamento. L'opera vera e propria di redenzione del mondo è rivolta a noi nella storia, e viene compiuta da tutti noi, giorno per giorno. Il Messia ha aspettato dietro le quinte, per così dire, fin dall'inizio della storia, pronto a farsi avanti quando sarà il momento giusto. Secondo una leggenda, siede tra i lebbrosi alle porte di Roma, oggi potremmo trovarlo in un ospizio per l'AIDS che cura le loro ferite. Solo quando la redenzione sta per essere completata, il messia potrà arrivare. Piuttosto che il messia che ci redime, noi redimiamo il messia.

Rabbi Arthur Green, cerca la mia faccia, pronuncia il mio nome

Iscriviti per un viaggio attraverso il dolore e il lutto: se hai perso una persona cara di recente o vuoi semplicemente imparare le basi dei rituali di lutto ebraici, questa serie di e-mail in 8 parti ti guiderà attraverso tutto ciò che devi sapere e ti aiuterà a sentirti supportato e confortato in un momento difficile.

Bereishit

Pronunciato: buh-RAY-SHEET, Origine: ebraico, letteralmente, all'inizio, è il nome ebraico della Genesi, il primo libro della Torah.

Nisan

Pronunciato: nee-SAHN, Origine: ebraico, mese ebraico, solitamente coincidente con marzo-aprile.

Torah

Pronunciato: TORE-uh, Origine: ebraico, i cinque libri di Mosè.

Qual è il nome del Messia ebreo

In ebraico, il Messia è spesso indicato come melekh mashiach (מלך המשיח tiberiano: Meleḵ ha-Mašኺḥ, pronunciato [ˈmeleχ hamaˈʃiaħ]), che letteralmente significa 'il re unto'.

Quali sono le credenze ebraiche sul Messia

Nel giudaismo si crede che il Messia sia un re giusto che sarà inviato da Dio per unire le persone in tutto il mondo indipendentemente da razza, cultura o religione. Molti ebrei credono che quando il Messia verrà, farà quanto segue: ricostruirà il Tempio a Gerusalemme.

Chi è il Messia d'Israele

Cristianesimo ebraico

Mentre l'antico giudaismo riconosceva più messia, i due più rilevanti erano il Messia ben Joseph e il tradizionale Messia ben David, il cristianesimo riconosce solo un Messia ultimo. Gesù sarebbe stato visto da molti come uno o entrambi.

Chi afferma di essere il Messia

Nel 2015 si stima che ci siano 2,3 miliardi di cristiani nel mondo, il che rende Gesù di Nazaret il pretendente al Messia più seguito e famoso. I musulmani credono anche che Gesù fosse il Messia ma non il Figlio di Dio.