Seleziona una pagina

Yitzhak Rabin è nato a Gerusalemme il 1 marzo 1922 da Rosa e Nehemia Rabin (Rubitzov). Poco dopo, la sua famiglia si trasferì a Tel Aviv. Ha frequentato la Beit Hinukh Leyaldei Ovdim (Workers Children School) a Tel Aviv e, dall'età di 15 anni, la scuola agricola Kadourie. Inizialmente non ha superato l'esame di ammissione a Kadourie, ma in seguito ha vinto il premio degli Alti Commissari per l'eccellenza accademica.

A Kadourie, Rabin fece amicizia con Yigal Alon, in seguito leader della Palmah, la forza d'attacco d'élite della clandestinità dell'Haganah. Nel 1941 Rabin si unì alla metropolitana di Palmah. Nel 1945 fu vice comandante dell'operazione che liberò 200 clandestini dal campo di detenzione di Atlit. Nel 1947 fu nominato vice comandante della Palmah. Sposò Leah Shlossberg nel 1948 e ebbero due figli, Yuval e Dalia.

LEGGI: ​​Come la Palestina obbligatoria è diventata Israele

Ruolo nella guerra d'indipendenza di Israele

Come comandante della brigata Harel, Rabin ha svolto un ruolo cruciale nella difesa di Gerusalemme nel 1948, in particolare nell'operazione Nahshon, che ha revocato il blocco a Gerusalemme all'inizio di aprile 1948, e nei combattimenti nei Katamonim. Per un capriccio del destino, Rabin era anche il comandante in carica nel giugno del 1948, quando David Ben Gurion diede l'ordine di affondare l'Altalena, una nave che trasportava armi per i sotterranei dell'Irgun, che Ben-Gurion e altri sospettavano stesse pianificando un colpo di stato .

Carriera militare

Rabin studiò al Camberly Staff College in Gran Bretagna fino al 1953. Nel 1954 fu nominato capo del ramo di addestramento dell'IDF (Forze di difesa israeliane) da Moshe Dayan e fu promosso generale di brigata. Ha progettato il college di addestramento degli ufficiali israeliani. Dal 1956 al 1959 è stato Capo delle Operazioni del Comando Nord e nel 1961 vice Capo di Stato Maggiore dell'IDF. Il 1 gennaio 1964 divenne capo di stato maggiore dell'IDF e guidò l'IDF alla vittoria nella Guerra dei Sei Giorni nel 1967.

LEGGI: ​​Gerusalemme, Gaza e la Cisgiordania dopo la Guerra dei Sei Giorni

Inizio carriera politica

Rabin si ritirò dall'esercito nel 1968. Sebbene non fosse stato membro del partito Mapai, si unì al partito laburista successore e successivamente fu nominato ambasciatore negli Stati Uniti, un esilio politico destinato a impedirgli di essere un serio contendente per la carica . In qualità di ambasciatore, è stato l'artefice dello stretto rapporto tra Israele e gli Stati Uniti che si è sviluppato dopo la Guerra dei Sei Giorni, che a suo avviso doveva basarsi su preoccupazioni strategiche condivise e sul valore strategico di Israele per gli Stati Uniti piuttosto che su appelli al potere del voto ebraico.

1974-1977 Mandato del Primo Ministro

Nel 1973 Rabin tornò in Israele e divenne ministro del lavoro nel gabinetto di Golda Meir. Dopo le dimissioni di Golda Meir, Rabin divenne Primo Ministro il 2 giugno 1974, il più giovane nella storia di Israele e il primo nativo israeliano (Sabra). Nel 1977, tuttavia, Rabin si è dimesso da Primo Ministro e capo del partito laburista a favore di Shimon Peres dopo che è stato rivelato che sua moglie, Leah, aveva mantenuto illegalmente un conto in valuta estera contenente circa $ 3.000 negli Stati Uniti.

Rabin come ministro della Difesa

Dal 1984 Rabin ha servito come ministro della Difesa nei governi di unità di Shimon Peres e Yitzhak Shamir. Rabin era responsabile del ritiro dalla maggior parte del Libano ed era anche responsabile della politica israeliana durante la [prima] Intifada. È notoriamente citato per aver detto dei palestinesi, gli spezzeremo le ossa, ma sua moglie, Leah Rabin, ha insistito nel suo libro Rabin: Our Life, His Legacy che non l'ha mai detto. Altre versioni affermano che Rabin ha fatto la dichiarazione per incoraggiare i soldati ad astenersi dal sparare ai palestinesi che lanciano pietre.

Accordi di pace di Oslo

Yitzhak Rabin (a destra) con il re Hussein di Giordania. (Yaakov Saar/Israele GPO)

Nel 1992 Rabin è stato scelto come leader del partito laburista, in sostituzione di Shimon Peres. Ha guidato il suo partito alla vittoria sul Likud per la prima volta dal 1977 ed è diventato Primo Ministro nel giugno del 1992, assumendo anche la carica di Ministro della Difesa e affidando a Peres la carica di Ministro degli Esteri. Le sue ineguagliabili credenziali di eroe di guerra e anziano statista gli hanno permesso di superare le divisioni politiche interne del partito laburista e, successivamente, di portare Israele all'accordo di pace di Oslo con i palestinesi e alla pace con la Giordania. Nel 1994 Rabin ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace insieme a Yasser Arafat e Shimon Peres in riconoscimento del loro ruolo nel processo di pace di Oslo.

Rabin era noto per la sua schiettezza, mente analitica e colorati idiomi colloquiali Sabra, pronunciati nella sua voce di basso lento e profondo che divenne un segno distintivo di rassicurazione per due generazioni di israeliani e una fonte di fastidio per i nemici politici.

Istigazione e assassinio

La famiglia Yitzhak Rabins al suo funerale. (GPO Israele)

Man mano che la realtà delle probabili concessioni israeliane ai palestinesi si avvicinava e poiché i gruppi terroristici palestinesi lanciavano sempre più imboscate e attacchi terroristici (sebbene all'epoca ancora relativamente minori), la popolarità di Rabin crollò. Violente manifestazioni hanno messo in carica Rabin come un ufficiale delle SS e a un certo punto i manifestanti hanno iniziato a vandalizzare la sua auto ufficiale. Un gruppo di manifestanti di destra si radunava ogni giorno fuori dal suo appartamento di Ramat Aviv per cantare insulti e minacce. L'apparato di sicurezza ha fatto ben poco per fermare questa attività. Ariel Sharon ha affermato che gli avvertimenti di minacce alla vita di Rabin erano invenzioni politiche. Rabin ha risposto organizzando una gigantesca manifestazione per la pace, con il tema Sì alla pace, no alla violenza.

La manifestazione si è tenuta nella piazza principale di Tel Aviv la sera del 4 novembre 1995 ed è stata molto partecipata. Rabin ha condiviso il podio con il suo ex rivale Shimon Peres, cantando canzoni di pace e dichiarando la sua determinazione a portare a termine gli accordi di pace, e poi è andato alla sua macchina. Mentre si avvicinava alla sua automobile, un fanatico di destra, Yigal Amir, infiammato dall'istigazione dei rabbini coloni estremisti, ha fatto irruzione nella sicurezza della polizia molto debole e ha sparato diversi colpi alla schiena di Rabins. Rabin fu portato d'urgenza all'ospedale di Ichilov e morì poco dopo. Al suo funerale hanno partecipato numerosi leader mondiali, tra cui il presidente degli Stati Uniti Clinton, che ha reso famosa la frase Shalom, Chaver (addio, compagno), e in particolare Sua Maestà il re Hussein di Giordania.

LEGGI: ​​L'eredità di Yitzhak Rabin

Questa biografia di Rabin è protetta da copyright e ristampata con il permesso di MidEastWeb for Coexistence, RA.

Mosè

Pronunciato: moe-SHEH, Origine: ebraico, Mosè, che Dio sceglie per condurre gli ebrei fuori dall'Egitto.

Yitzhak

Pronunciato: eetz-KHAHK, origine: ebraico, nome ebraico di Isacco.