Seleziona una pagina

Nella Bibbia ebraica, la parola shalom , solitamente tradotta come pace, significa più dell'assenza di conflitto; connota un sicuro senso di benessere e integrità (quest'ultima è forse la migliore definizione letterale). La parola appare centinaia di volte nella Bibbia, in tutti i tipi di contesti: individui, città, nazioni e persino il mondo intero in vari punti cercano la pace e, nelle parole del salmista, la perseguono. In effetti, i rabbini insegnarono persino che Shalom è uno dei nomi segreti di Dio. (Levitico Rabba 9:9) Molte delle eloquenti espressioni di pace della Bibbia trovano eco nel siddur, il libro di preghiere ebraico, e nella cultura più ampia. Ecco alcuni dei più amati.

Così benedirai il popolo d'Israele:

Il Signore ti benedica e ti protegga.

Possa il Signore trattare gentilmente e benevolmente con te!

Il Signore ti conceda grazia e ti conceda pace.

Numeri 6:2326

Questa è la famosa benedizione Aronne, il primo sommo sacerdote usato per benedire il popolo, e in seguito i sacerdoti ebrei nel Tempio avrebbero fatto lo stesso. Ancora oggi viene recitato nelle sinagoghe dai discendenti dei sacerdoti, e i genitori lo usano per benedire i propri figli il venerdì sera.

I suoi modi sono modi piacevoli,

E tutti i suoi percorsi, pacifici.

Lei è un albero di vita per coloro che la afferrano,

E chi si aggrappa a lei è felice.

Proverbi 3:1718

L'interpretazione ebraica comune sostiene che l'Albero della Vita qui descritto nel Libro dei Proverbi, i cui sentieri portano alla pace, non è l'albero che si trova nel Giardino dell'Eden ma la stessa Torah. Viene cantato liturgicamente quando la Torah viene rimossa dall'arca per il servizio della Torah.

Pace! Pace! Vicino e lontano ha detto il Signore e io li guarirò.

Isaia 57:19

Il profeta Isaia era noto per aver registrato molte esortazioni poetiche di Dio. Alcuni, come questo, offrono parole di profondo conforto, promettendo al popolo la pace completa. In effetti, il senso di integrità e guarigione (non solo assenza di guerra) evocato da questo passaggio è un significato essenziale della parola shalom .

Sì, te ne andrai con gioia e sarai ricondotto a casa in pace.

Davanti a te monte e colle grideranno forte,

E tutti gli alberi del campo batteranno le mani.

Isaia 57:19

Questo versetto, anch'esso tratto da Isaia, descrive il ritorno a casa del popolo ebraico dopo il suo difficile esilio in Babilonia. La prospettiva di tornare a casa per vivere in pace è così gioiosa che tutta la natura festeggia.

Pregate per la pace di Gerusalemme;

Possano coloro che ti amano trovare la serenità.

Possa esserci benessere tra i tuoi bastioni,

serenità nelle tue cittadelle.

Salmi 122:67

I salmi sono alcuni degli esempi migliori e più amati della prima preghiera ebraica e sono usati costantemente nella preghiera ebraica fino ad oggi. Questo verso del Salmo 122 chiede la pace a Gerusalemme ed è spesso messo in musica.

Allontanati dal male e fai il bene.

Cerca la pace e perseguila.

Salmi 34:15

Questo è uno dei versetti biblici più succinti e spesso citati sulla pace. Cattura sia il nostro desiderio di pace sia il nostro obbligo di realizzarla. Molti testi ebraici, inclusi alcuni qui, descrivono Dio come la fonte della pace. Molti altri ci immaginano come partner di Dio, che operiamo attivamente per realizzare questo stato ideale.

In pace mi sdraio e dormo, perché tu solo, o Signore, proteggimi.

Salmi 4:9

Questo verso dei Salmi esprime la sicurezza e la pace che la fede in Dio può impartire.

Il Signore dia forza al suo popolo;

Il Signore benedica il suo popolo con la pace.

Salmi 29:11

Questa è la riga finale del Salmo 29, la cui totalità è recitata come parte dei servizi della Kabbalat Shabbat. Esprime la speranza che Dio porti la pace al popolo ebraico.

Dite la verità gli uni agli altri, rendete la pace vera e perfetta alle vostre porte.

Zaccaria 8:16

Poche righe più in basso, il profeta Zaccaria lo esprime in modo ancora più conciso: Amerai la verità e la pace. (Zaccaria 8:19) Zaccaria riassume due dei valori più importanti del giudaismo, che riteneva dipendessero in modo critico l'uno dall'altro, pace e verità. Tuttavia, cosa abbastanza interessante, i rabbini hanno detto che dei due, la pace era primaria e talvolta l'unica realizzabile. Citano Genesi 18, notando che quando Sara si lamentò che suo marito era troppo vecchio per avere figli, Dio riferì questa lamentela in modo impreciso ad Abramo, dicendo che Sarah aveva detto che lei stessa era troppo vecchia, una bugia bianca intesa a mantenere la pace tra marito e moglie. (Levitico Rabba 9:9)

Impone la pace nelle Sue altezze.

Giobbe 25:1

Le persone che hanno familiarità con la liturgia ebraica potrebbero riconoscerlo meglio in ebraico: oseh shalom bimromav . Nel suo contesto originale nel Libro di Giobbe è un'espressione del saggio governo di Dio dei regni superiori. Come prima riga di Oseh Shalom, è una delle preghiere ebraiche più riconoscibili per la pace, che si trova nella conclusione del Mourners Kaddish.

Scopri il significato più profondo della parola shalom .

Qual è il motto del giudaismo

È fortemente identificato con le agende politiche e sociali progressiste, principalmente sotto la tradizionale rubrica ebraica tikkun olam, o "riparazione del mondo". Tikkun olam è un motto centrale del giudaismo riformato e l'azione fine a se stessa è uno dei canali principali per gli aderenti per esprimere la loro affiliazione.

Qual è il messaggio della Torah

Il messaggio principale della Torah è l'assoluta unità di Dio, la Sua creazione del mondo e la Sua preoccupazione per esso, e la Sua alleanza eterna con il popolo d'Israele.

Cosa dice la Torah sulla felicità

Secondo il rabbino Eliyahu Eliezer Dessler 'Non c'è felicità nel mondo delle cose materiali; c'è solo felicità nelle preoccupazioni spirituali. Chi gode di una ricca vita spirituale è felice. Non c'è nessun altro tipo di felicità in esistenza.'

Cosa dice la Torah sull'aiutare gli altri

La Torah afferma che "non cesseranno mai di essere bisognosi nella tua terra" (Deuteronomio 15:11) (United Jewish Communities 2004).