Seleziona una pagina

Come oggetto cerimoniale o arte, la candela è generalmente trascurata, ma ha un grande significato. Che siano intese per scopi pratici come fornire luce, o per fini più evocativi e quasi magici, come riaccendere il sole invernale, quasi tutte le feste e le celebrazioni incorporano l'uso di candele a un certo punto.

Il significato del fuoco nel giudaismo

Il fuoco è universalmente riconosciuto come uno degli elementi fondamentali del mondo. È misterioso, spaventoso, affascinante. La sua attrazione è quasi irresistibile. Nella Kabbalah (misticismo ebraico), l'immagine di una fiamma multicolore che emana da una candela è presa come metafora del rapporto di Dio con il mondo e l'uomo. La fiamma è un'unica entità, eppure sembra in costante mutamento. La fiamma aderisce, fa affidamento e sembra emanare dalla candela, eppure è un'entità distinta e separata. L'interno bianco della fiamma è costante, ma il suo esterno è sempre in movimento e cambia colore.

Ridurre il fuoco a poche metafore, tuttavia, lo priva del suo potere naturale e della sua mistica. Fortunatamente la tradizione, incorporando l'accensione delle candele nel ciclo celebrativo in diversi modi [es. candele Shabbat, Havdalah (alla fine dello Shabbat), candele Hanukkah, candele commemorative], ha lasciato aperte le possibilità di riconoscere i molti potenzialità del fuoco. Sta a noi riscoprire quelle potenzialità e permettere loro di illuminare i nostri occhi.

Il venerdì sera, è necessario accendere candele in casa per amore di shalom bayit (armonia in casa) e oneg Shabbat (gioia del sabato). Le candele dovrebbero essere nella stanza dove si mangia il pasto del sabato.

Come accendere le candele

L'ora esatta in cui le candele vengono accese varia ogni settimana a seconda dell'ora in cui il sole tramonta. (Trova gli orari di accensione delle candele dello Shabbat di questa settimana qui.)

Le donne tradizionalmente accendono candele, ma nelle comunità liberali l'accensione delle candele può essere eseguita da qualsiasi adulto ebreo.

Le candele possono essere accese, al più presto, 1-1/4 ore prima del tramonto, ma il tempo [normale] è fino a 18 minuti prima del tramonto. Se il limite di tempo [tradizionale di 18 minuti] non può essere rispettato, le candele possono essere accese durante i 18 minuti immediatamente precedenti il ​​tramonto.

Almeno due candele dovrebbero essere accese. Questi rappresentano shamor [mantenere] e zakhor [ricordare], le prime parole dei comandamenti [nei due passaggi dei Dieci Comandamenti nella Torah] riguardanti lo Shabbat (Esodo 20:8; Deuteronomio 5:12). Simboleggiano anche l'unità che sta alla base di ogni apparente dualità, come l'uomo e la donna, il corpo e l'anima, la parola e il silenzio, la creazione e la rivelazione.

È consentito accendere più di due candele. In effetti, è considerato particolarmente meritorio farlo. Questo è implicito in un'interpretazione di E Dio benedisse il settimo giorno (Genesi 2:3). Con cosa lo benedisse? Luce.

Alcune persone accendono una candela aggiuntiva per ogni bambino della famiglia. Una volta acceso un certo numero, è consuetudine non diminuire mai quel numero.

Gli studenti fuori casa dovrebbero accendere le candele per se stessi, poiché non sono più all'interno della famiglia dei genitori.

Benedizione dell'accensione della candela

Il rituale dell'accensione delle candele prevede:

1. L'effettiva illuminazione delle candele

2. Disegnare le mani attorno alle candele e verso il viso da una a sette volte (tre è il più comune)

3. Coprire gli occhi con le mani

4. Dire la benedizione
Barukh atah Adonai Eloheinu melekh haolam asher kidshanu bmitzvotav vtzivanu lhadlik ner shel shabbat .

Benedetto sei Tu, Signore nostro Dio, Sovrano dell'Universo, che ci hai santificato con i comandamenti e ci hai comandato di accendere le candele dello Shabbat.

L'halacha per questo [cioè il metodo prescritto nella legge ebraica] è un po' complicato. Una benedizione deve [normalmente] essere pronunciata prima di un atto. Tuttavia, poiché la benedizione sulle candele dello Shabbat è anche l'atto che inizia lo Shabbat, è vietato accendere un fuoco dopo che è stata detta la benedizione [a causa della tradizionale restrizione contro l'accensione di una fiamma durante lo Shabbat]. Per superare questo vincolo, si accendono le candele e poi si coprono gli occhi mentre si pronuncia la benedizione. Quando si aprono gli occhi, le candele già accese vengono gustate per la prima volta, per così dire, completando così la benedizione e non violando lo Shabbat.

Ci sono diverse intenzioni associate all'agitare delle mani attorno alle candele: serve per inaugurare la Sposa dello Shabbat mentre la luce dello Shabbat riempie la stanza e circonda la persona; simboleggia il culmine dei sei giorni della creazione nel settimo giorno di riposo; attira il calore e la luce dentro di sé.

Dopo aver pronunciato la benedizione, puoi pronunciare dolcemente preghiere per te stesso o per gli altri.

Non dovresti usare la luce (ad esempio, mangiando o leggendola); altrimenti [può essere considerata] una benedizione sprecata e invalidata.

Se non ci sono candele disponibili, puoi fare la benedizione su luci elettriche oa gas (es. lanterne da campeggio).

Da The Jewish Catalog, ristampato con il permesso della Jewish Publication Society.

Adonai

Pronunciato: ah-doe-NYE, Origine: ebraico, nome di Dio.

halacha

Pronunciato: hah-lah-KHAH o huh-LUKH-uh, Origine: ebraico, legge ebraica.

Shabbat

Pronunciato: shuh-BAHT o shah-BAHT, Origine: ebraico, il Sabbath, dal tramonto del venerdì al tramonto del sabato.

Perché ci sono 2 candele allo Shabbat

Alcuni dicono che le candele rappresentino i due comandamenti di "ricordare" e "osservare" lo Shabbat. Poco prima dell'inizio dello Shabbat, vengono accese due candele che segnano la divisione tra luce e oscurità descritta nella storia della Creazione e viene recitata una benedizione, generalmente dalla matriarca della casa.

Qualsiasi candela può essere usata per lo Shabbat

Qualsiasi candela può essere utilizzata per lo Shabbat e acquistata in un negozio ebraico o altrove.

Cosa fanno le candele dello Shabbat

Shabbat. Lo scopo dell'accensione delle candele dello Shabbat è di nobilitare il Sabbath; prima dell'avvento dell'illuminazione elettrica, quando l'alternativa era mangiare al buio, era necessario accendere delle lampade per creare un ambiente adeguato.

Quanto tempo devono bruciare le candele dello Shabbat

Idealmente, si dovrebbero usare candele che rimarranno accese fino a dopo il pasto dello Shabbos (Kitzur Shulchan Aruch 75:2). Come minimo, una candela deve bruciare finché non è buio, in modo che si possa trarre qualche beneficio dalla candela (Mishnah Berurah 263:41).