Seleziona una pagina

Commento al Parashat Nasso, Numeri 4:21 – 7:89

Ogni anno, lo Shabbat dopo Shavuot lascia alcuni ebrei che seguono i giorni della lettura della Torah perplessi, sconvolti o imbarazzati. Un elemento importante della parte della Torah Naso riguarda la sotah, o moglie infedele, e comporta qualcosa di strano, e in effetti senza precedenti nella Torah: un'apparente prova per calvario.

Molte culture antiche e anche meno antiche, come i puritani del XVII secolo che condussero i processi alle streghe di Salem, usarono mezzi apparentemente soprannaturali per determinare la colpevolezza o l'innocenza di qualcuno accusato di un crimine. L'imputato ha subito un'esperienza spiacevole, o addirittura tortuosa. Dimostrare l'innocenza spesso significava solo sopravvivere al calvario, ma a volte significava non sopravvivere, nel qual caso il verdetto portava conforto solo ai sopravvissuti degli accusati.

Secondo la Torah, la legge sotah entra in vigore quando un uomo sospetta che sua moglie sia infedele e la avverte di non isolarsi con un altro uomo in particolare. Se è accertato che ha ignorato l'avvertimento, diventa soggetta a un rituale che la prevede di bere un miscuglio d'acqua, un po' di terra da sotto il pavimento di marmo del Tempio, un'erba amara e l'inchiostro secco cancellato dal testo di la descrizione della Torah del rituale sotah, incluso il nome di Dio.

Se la donna è colpevole, lei e l'uomo con cui ha peccato subiranno una morte terribile. Il Talmud dice che se la donna ha un grande merito nel promuovere lo studio della Torah, potrebbe non morire immediatamente ma mostrare solo i sintomi al momento di una malattia che alla fine le toglierà la vita. Ma se è innocente, non solo non subirà alcun effetto negativo, ma sarà benedetta con i bambini se era senza figli e con quelli sani se i precedenti erano malati.

Gli ingredienti della bevanda sotah sono, anche se sgradevoli, del tutto innocui. E quindi ci vorrebbe un intervento divino per attuare la punizione descritta. Meditare bene questi fatti è l'inizio della comprensione del perché il rituale esiste e perché, a differenza di ogni altra legge nella Torah, la sotah non deve affrontare una prova ma un calvario.

Quando una legge della Torah punibile veniva commessa intenzionalmente nei tempi antichi, se testimoni attestavano la violazione, un tribunale era autorizzato a infliggere la punizione prescritta. Se non c'erano testimoni qualificati, il crimine è stato ignorato dal tribunale. Nelle parole del Talmud, Dio ha molti messaggeri. Quindi, se Dio scegliesse di punire il trasgressore, Dio potrebbe trovare un modo per farlo. Allora perché il sotah è soggetto a questo rituale?

Beh, in realtà, non è soggetta. Se sceglie semplicemente di sciogliere il suo matrimonio e rinunciare al sostegno finanziario promessole, il marito è costretto a concederle il divorzio e lei non subisce altra sanzione. E qui sta la seconda chiave per comprendere la strana legge di sotah. Il rituale non ha lo scopo di punire la donna se è colpevole. È assolverla se è innocente e preservare l'amore e la fiducia nel suo matrimonio.

L'intero scopo del rituale sotah, in altre parole, è convincere un marito che ha tutte le ragioni per sospettare della fedeltà della moglie, dal momento che si è isolata con un altro uomo. Dio è coinvolto solo per convincere il marito che sua moglie non è adultera. La gelosia del marito si dissolverà così e permetterà a lui e alla moglie di riprendere il loro matrimonio nella fiducia e nell'amore. La moglie potrebbe aver ancora fatto qualcosa di sbagliato, ma i peggiori sospetti del marito sono stati divinamente esplosi.

Si può immaginare la riconciliazione che ne sarebbe certamente seguita. Ecco perché la massima talmudica più associata alla legge della sotah è: Così grande è la pace tra un uomo e sua moglie che la Torah comanda che il nome del Santo, Benedetto sia, scritto nella santità, dovrebbe essere cancellato sul [ sotah] acqua.

Cos'è sotah nella Bibbia

di Ishay Rosen-Zvi. Richiesto alle donne sospettate di aver commesso adulterio, la sotah è un rituale che coinvolge un sacerdote per confermare se l'atto è avvenuto o meno; una donna che è stata infedele è resa sterile.

Cosa succede al sotah

Se non si confessa al processo, si sottopone al rituale sotah. Il rituale inizia con l'umiliazione, e poi è costretta a bere le acque amare. Secondo i testi, se è colpevole, le acque causeranno sintomi orribili e alla fine la morte. Il processo fu infine abbandonato dai rabbini.

Qual è la punizione per l'adulterio nel giudaismo

Nella legge ebraica, il reato di adulterio è considerato molto grave e meritevole di punizione. La punizione biblica per le donne che commettevano adulterio intenzionalmente, in presenza di testimoni, dopo essere state ammonite, era la morte (Levitico 20,10).