Seleziona una pagina

Perché è difficile essere buoni? È una domanda che i pensatori ebrei si pongono da più di 1000 anni. Mentre i comandamenti nella Torah e in altri testi ebraici sono disposti in modo abbastanza chiaro, le persone spesso hanno difficoltà a seguirli.

Mussar (scritto anche Musar), una pratica spirituale ebraica che fornisce istruzioni concrete su come vivere una vita significativa ed etica, è nata come risposta a questa preoccupazione. Mussar è un'etica basata sulla virtù basata sull'idea che coltivando le virtù interiori, miglioriamo noi stessi. Ciò è in contrasto con la maggior parte degli insegnamenti etici ebraici, che sono basati su regole. Oggi, un certo numero di persone che non seguono le regole e i rituali ebraici tradizionali sono attratti da Mussar perché offre opportunità di trasformazione personale attraverso una lente ebraica.

I maestri Mussar hanno riconosciuto che il semplice apprendimento della gentilezza non ci rende più gentili. Inoltre, hanno capito che le nostre pulsioni interiori, ferite e appetiti spesso si manifestano come Yetzer Hara (l'inclinazione al male), impedendoci attivamente di comportarci come sappiamo che dovremmo. Un insegnante Mussar, il rabbino Elya Lopian (1876-1970), descrisse Mussar come un insegnamento al cuore di ciò che la mente comprende già.

Storia di Mussar

La parola Mussar compare nella Bibbia 51 volte, più della metà nel libro dei Proverbi. Portava una connotazione di istruzione etica secondo gli insegnamenti della Torah. Nel periodo rabbinico, testi come Pirkei Avot portavano il filo di insegnamenti etici personali.

Nel periodo medievale, Mussar divenne una branca di studi incentrata sull'etica della virtù (in contrapposizione all'etica basata sulle regole), la pratica di lavorare per affinare il proprio carattere per diventare una persona migliore e più vicina a Dio.

Le opere seminali di quest'epoca sono un capitolo dell'opera del X secolo The Book of Beliefs and Opinions di Rabbi Saadiah Gaon (scritto in quello che oggi è l'Iraq) e il primo libro di Mussar, Duties of the Heart , scritto da Rabbi Bahya Ibn Pakudah nella Spagna dell'XI secolo. Ibn Pakudah ha definito Mussar come la scienza della vita interiore e nell'introduzione ha spiegato di aver scritto il libro perché nessuno aveva mai scritto un libro sui fondamenti [delle vite interiori]. Ha inoltre spiegato che la base stessa di un atto dipende dall'intenzione e dalla vita interiore del cuore, motivo per cui dobbiamo studiare il mondo interiore. Questa tesi è stata la base per ulteriori esplorazioni da parte dei saggi Mussar fino ai giorni nostri.

Per secoli Mussar è stato un campo di studio e una pratica individuale. La letteratura Mussar continuò a crescere mentre studiosi di molte diverse comunità ebraiche scrivevano consigli pratici su come essere una persona migliore. Tuttavia, i libri Mussar erano considerati una parte minore della letteratura ebraica, fino al 19° secolo, quando il rabbino Israel Salanter creò il movimento Mussar.

Il Movimento Mussar del XIX secolo

Mussar passò dalla pratica individuale a quella comunitaria sotto la guida del rabbino Israel Salanter nella Lituania del XIX secolo. Salanter, come molti all'epoca, era preoccupato che la pratica ebraica tradizionale fosse minacciata dall'acculturazione pratica dell'Haskalah (illuminismo ebraico), che criticava la pratica tradizionale come meccanica e priva di significato. Il movimento Mussar ha offerto un movimento riformista alternativo; Ha mantenuto le pratiche ortodosse tradizionali, aumentando al contempo l'attenzione sull'etica personale e sulla disciplina morale. Anche così, Mussar non fu abbracciato dai tradizionalisti ebrei e dai leader dell'epoca.

Salanter ha cercato di creare un movimento di massa nella società per consentire agli individui di vincere l'inclinazione al male e di servire Dio con tutto il cuore. Salanter ei suoi discepoli hanno creato una serie di innovazioni per raggiungere questi scopi all'interno del giudaismo. Ad esempio, hanno introdotto l'idea che ogni individuo ha sfide spirituali uniche e quindi ha bisogno di una pratica personalizzata per superarle. Salanter ha anche introdotto pratiche di introspezione e canto, per ottenere emozioni sufficienti a superare gli appetiti negativi sepolti nel profondo della psiche. Infine, Salanter ei suoi discepoli hanno creato un nuovo tipo di yeshiva che ha preso tempo dallo studio del Talmud per consentire di concentrarsi sullo studio Mussar, così come sulla pratica Mussar individualizzata. Ad esempio, gli studenti cercherebbero la guida di insegnanti e compagni studenti per comprendere e superare le loro particolari sfide morali.

Nel 1939 Mussar era diventato un'influenza significativa sulla maggior parte delle principali yeshiva dell'Europa orientale. Ma quasi tutti questi praticanti e insegnanti Mussar furono assassinati durante l'Olocausto. Di conseguenza, Mussar era quasi perso dal mondo.

Mussar oggi

Oggi Mussar continua ad esistere all'interno delle comunità ebraiche sia ortodosse che liberali. In alcune parti del mondo ortodosso, Mussar è visto come una cura per il carattere povero. Coloro che praticano Mussar si concentrano sul percorso verso l'essere devoti e santi, lavorando sulle loro sfide spirituali individuali, basandosi sul loro alto livello di alfabetizzazione ebraica. E non è raro che coloro all'interno e all'esterno della comunità ortodossa pensino semplicemente a Mussar come a un rimprovero oa un consiglio. Sebbene questa traduzione letterale della parola Mussar sia corretta, manca la natura amorevolmente trasformativa della pratica.

Poiché Mussar è diventato più ampiamente praticato nel mondo ebraico liberale nel 21 ° secolo, molti ebrei sono attratti dagli aspetti di consapevolezza di Mussar. I suoi concetti sono universali e possono essere implementati da persone a qualsiasi livello di alfabetizzazione ebraica. I praticanti Mussar si concentrano su una serie rotante di Middot, che sono tratti dell'anima come Umiltà, Ordine o Verità. Ci sono tre parti in una pratica quotidiana: un mantra mattutino che viene letto ad alta voce o cantato per inquadrare la giornata, un'azione consapevole durante il giorno e poi un diario notturno.

Alcuni testi importanti di Mussar

Orchot Tzaddikim (Le vie dei giusti, 1542, Germania)

Questo ha un autore anonimo, è stato scritto in yiddish e usa un'analogia con la cucina per descrivere il trucco spirituale di una persona, spingendo molti a ipotizzare che sia stato scritto da una donna.

Tomer Devorah (La palma di Deborah, XVI secolo; Safed, Israele)

Questo lavoro di Moses Cordovero adotta un approccio cabalistico (mistico) a Mussar, in quanto specula su come le nostre scelte personali si riverberano nel cosmo.

Mellisat Yesharim (Sentiero dei giusti, 1740 Amsterdam)

Moses Chaim Luzzatto ha scritto questo come una guida esplicita per diventare una persona pia, che vive oltre i requisiti minimi di Halacha. Luzzatto pensava che agli studenti rabbinici dovesse essere insegnato a concentrarsi maggiormente sulla propria condotta personale e meno sulle minuzie del Talmud.

Cheshbon Ha-Nefesh (An Accounting of the Soul, 1812 Ucraina)

Di Rabbi Menachem Mendel Levin, questo è stato il primo libro Mussar con un programma sistematico per la pratica quotidiana. È stato influenzato dalla pratica quotidiana della virtù di Ben Franklin. Gli aspetti pratici quotidiani nascono dalla sensibilità di Levins Haskalah (illuminista).

Pelé Yoetz (1824, Costantinopoli)

Questo libro del rabbino Eliezer Papo è stato ampiamente studiato da un'ampia popolazione di élite e gente comune. I suoi 391 brevi capitoli includono consigli pratici su giurare, dormire ed essere equilibrati in tutte le cose.

Ohr Yisrael (La luce di Israele, 1890 Lituania)

Questo libro del rabbino Israel Salanter contiene molte delle sue lettere e dei suoi saggi, inclusa una bellissima lettera che incoraggia coloro che conoscono Mussar a insegnarlo agli altri. Sei quindi fortunato che questa grande Mitzvah di rafforzare gli altri nello studio di Mussar sia arrivata nelle tue mani! È un regalo magnifico.

Risorse Mussar contemporanee

La Società AishDas, il Progetto delle Donne Ebraiche per Ahavas Yisrael, l'Organizzazione Internazionale per Mussar Vaadim e la Fondazione Salant sono organizzazioni Mussar che servono principalmente la comunità ortodossa.

Il Mussar Institute, The Center For Contemporary Mussar, American Mussar (guidato da Greg Marcus, l'autore di questo articolo) e il Kirva Institute hanno libri, strumenti, programmi e classi creati per essere accessibili all'intera comunità ebraica.

chassidico

Pronunciato: khah-SID-ik, Origine: ebraico, un flusso all'interno del giudaismo ultra-ortodosso che è cresciuto da un movimento di revival mistico del 18° secolo.

Talmud

Pronunciato: TALL-mud, Origine: ebraico, l'insieme degli insegnamenti e dei commenti alla Torah che costituiscono la base della legge ebraica. Composto dalla Mishnah e dalla Gemara, contiene le opinioni di migliaia di rabbini di diversi periodi della storia ebraica.

Torah

Pronunciato: TORE-uh, Origine: ebraico, i cinque libri di Mosè.

halacha

Pronunciato: hah-lah-KHAH o huh-LUKH-uh, Origine: ebraico, legge ebraica.

halachico

Pronunciato: huh-LAKH-ic, Origine: ebraico, secondo la legge ebraica, conforme alla legge ebraica.

yeshiva

Pronunciato: yuh-SHEE-vuh o yeh-shee-VAH, origine: ebraico, una scuola religiosa tradizionale, dove gli studenti studiano principalmente testi ebraici.

Cosa sono i Mussar Middot

Middot è il plurale di Middah, un valore, e la pratica middot è chiamata Mussar. Mussar (o Musar) è una pratica spirituale ebraica che dà istruzioni concrete su come vivere una vita significativa ed etica.

Come si pratica Mussar

Quando è stata scritta Gemara

La Gemara

La Gemara, che in aramaico significa "studiare e conoscere", è una raccolta di discussioni accademiche sulla legge ebraica che vanno dal 200 al 500 d.C. circa.

Cos'è l'ebraico Musar

Sebbene la parola ebraica musar significhi "etica", il movimento non era diretto principalmente all'esposizione di principi etici o allo studio delle virtù personali, ma piuttosto a plasmare la vita degli studenti rabbinici secondo linee pietistiche.