Seleziona una pagina

Negli anni precedenti e successivi alla formazione dello stato ebraico, la danza popolare israeliana è emersa come parte di uno sforzo consapevole per aumentare la cultura popolare ufficiale di Israele. La convinzione dell'epoca era che gli ebrei che vivevano in Israele, provenienti da tutte le parti della diaspora, avessero bisogno di simboli di unificazione per rafforzare la loro identità nazionale. Le danze popolari sono state create per la prima volta con questo obiettivo in mente.

Negli ultimi 60 anni, la società israeliana ha visto molti cambiamenti e oggi c'è poco accordo su cosa significhi essere un israeliano o cosa costituisca l'identità israeliana. Poiché Israele è arrivato ad accettare la diversità della sua popolazione ebraica con un eclettico background europeo, mediorientale, africano e ora americano, la logica politica originale per la danza popolare è diventata ampiamente antiquata. Nelle arti e nella cultura in generale, Israele non è più apertamente preoccupato della formazione di un'identità nazionale unificata e monolitica.

Nonostante il cambiamento del clima politico e sociale, in alcuni circoli israeliani, la danza popolare continua a fiorire ea godere di popolarità. Molti ballerini folk israeliani affermano di ballare per il piacere che deriva da un sentimento di appartenenza, non sono interessati ai valori originali che le danze intendono sposare.

Un futuro incerto

Eppure il futuro della danza popolare israeliana non è certo. Alcuni temono che la danza popolare diventi importante solo per un gruppo marginale di persone, come nel caso di danze simili in molti altri paesi. Il fatto che la maggior parte dei ballerini folk israeliani (professionisti e dilettanti) abbia più di 30 anni non è certo promettente. Gli appassionati di danza popolare esprimono comunemente la preoccupazione che la prossima generazione di israeliani preferisca i bar e le discoteche, con le forme contemporanee di danza che li accompagnano.

Altri sostenitori della danza popolare israeliana temono che i valori sociali e nazionali simboleggiati nella danza israeliana si stiano rapidamente estinguendo e che questo sia emblematico di un problema più ampio: i valori condivisi della società israeliana nel suo insieme sono in pericolo.

Allora e adesso

Senza dubbio, le danze popolari israeliane sono state create per ragioni sioniste. Dopo il 1948, quando la prima generazione di bambini nati nello stato di Israele ha cominciato a maturare, la nuova società ha cercato materiale culturale autentico da chiamare proprio. Gurit Kadman, una delle figure seminali del movimento di danza popolare israeliano, ha affermato che per le persone che desideravano ferventemente avere danze proprie durante la nostra vita, non c'era altra scelta che rompere con la visione tradizionale secondo cui la danza popolare richiede generazioni per creare .

I primi coreografi israeliani hanno creato danze popolari basate su nessuna tradizione esistente. Hanno lavorato con alcuni elementi di base di passi di danza chassidici, balcanici, russi, arabi e yemeniti, ma le danze che hanno creato trasmettevano una visione sionista distintamente moderna. I pezzi hanno enfatizzato quello che si potrebbe definire un ideale sionista classico di ritorno alla terra di un tempo, di far rivivere lo spirito dei giorni della Bibbia e di approfondire l'amore per il paese e il suo paesaggio.

Forse la più nota di queste prime danze popolari è Mayim Mayim (Acqua, Acqua), creata dalla ballerina Ilse Dubon alla fine degli anni '30, quando l'acqua fu scoperta nel Kibbutz Naan. Le creazioni di danza popolare di Gurit Kadman includono Yasem Midbar LeAgam Mayim (Hell Turn Desert Into Lake, 1944) ed Etz Harimon (The Pomegranate Tree, 1948) i cui titoli alludono ai temi della produttività dell'agricoltura israeliana. Rivka Sturman, una delle creatrici di danze popolari più prolifiche e di successo in Israele, ha prodotto innumerevoli altri classici tra cui Kuma Eha (Rise Up, Brother, 1945), Dodi Li (My Beloved is for Me, 1948) e Zemer Atik (Ancient Song, 1955 ).

E le nuove danze popolari? Le danze popolari israeliane contemporanee si basano sugli stessi elementi di base delle danze composte da coreografi come Dubon, Kadman e Sturman. La formula che gli esperti ritengono abbia preservato e continuerà a preservare le danze popolari israeliane è un equilibrio tra continuità e cambiamento; un equilibrio necessario per la conservazione di ogni tradizione e folklore.

Tendenze musicali

Ad esempio, le canzoni usate nella danza popolare oggi sono molto diverse dalle canzoni del passato. Sono finiti i riferimenti a pastori, cammelli e armenti antichi. Ma le canzoni più recenti continuano ancora a esprimere l'amore per il paese e il suo bellissimo paesaggio e l'amore per tutti gli esseri viventi.

Alcune delle nuove canzoni chiamate Mediterranean Pop sono un misto di musica greca, turca e araba. Nonostante il loro background eclettico, queste canzoni non sono rimosse dalle speranze e dalle ansie degli israeliani. E nonostante una superficialità nel loro linguaggio e temi banali, molte di queste canzoni esprimono il vecchio desiderio di essere israeliani e sperimentare la normalità con una nuova consapevolezza che non c'è consenso su cosa significhi effettivamente essere israeliani o essere normali.

Vecchie danze, nuove danze

L'abbondanza di nuove danze riflette anche continuità e cambiamento. I ballerini oggi sono abituati alla stimolazione costante; risentono della stagnazione e producono nuove danze a un ritmo frenetico. Il fatto che negli ultimi anni sia stato fondato un movimento no-profit, Reyim , per preservare le antiche danze popolari israeliane, combinato con serate speciali dedicate alle antiche danze in cerchio, dimostra che i ballerini sentono il bisogno di preservare le radici fondamentali della loro arte. Il passato evoca una varietà di ricordi rilevanti che aiutano i ballerini ad affrontare il loro presente e futuro.

E, naturalmente, la nostalgia non è propriamente un'espressione degli anziani. Alcuni giovani sono anche incuriositi dal passato. Vogliono sapere cosa provavano e credevano i loro genitori e vogliono provare quelli che considerano sentimenti primari e basilari.

Combinare continuità e cambiamento

Oggi alcuni istruttori di danza riescono a capitalizzare sia gli elementi di continuità che di cambiamento nella danza popolare israeliana insegnando antiche danze popolari in un'atmosfera di liberazione, estasi, entusiasmo e relax, la stessa atmosfera che attira i giovani nelle discoteche.

Continuità e cambiamento convergono anche negli eventi di danza Teimaniada. A questi incontri, centinaia di persone, giovani e meno giovani, ballano un passo tradizionale yemenita per ore e ore. Ballano su nuovi ritmi ritmici di canzoni contemporanee ispirate alla musica tradizionale yemenita.

Festival di danza in Israele

Quando si tratta di danza popolare israeliana, la continuità senza cambiamento non può durare a lungo. Ad esempio, il festival di danza nel Kibbutz Dalia, fondato da Gurit Kadman, ha suscitato grande entusiasmo alla fine degli anni Quaranta e per tutti gli anni Cinquanta. Ma questa istituzione un tempo vivace è stata interrotta dopo il 1968; gli organizzatori originari del kibbutz erano invecchiati e i valori di collettività trasmessi dalle danze avevano perso la loro importanza per la generazione successiva. Le convenzioni di danza popolare a Tzemah, progettate per sostituire il Dalia Festival, sono state interrotte dopo 10 anni a causa di un opprimente senso di stagnazione.

Sulla scia di questi fallimenti, il Festival di Karmiel è emerso epocale nel 1988. Era una novità, una fruttuosa combinazione di danza popolare e moderna. Rifletteva la ricerca artistica del coreografo Yonatan Karmon e un'esplosione generale di creatività e innovazione. Karmon ha sfruttato appieno la splendida posizione di Karmiel e la partecipazione di frotte di ballerini per creare uno spettacolo estetico, in sincronia con il paesaggio della Galilea circostante.

Il festival ha uno status unico nella cultura israeliana. È un'espressione distinta dell'amore per la danza popolare israeliana e l'identificazione con i valori e i simboli che hanno rappresentato in passato e rappresentano ancora oggi per alcuni. Cerca e mette in mostra espressioni di danza dell'identità israeliana, in tutta la sua complessità. Il festival è un evento multiculturale che rispetta i valori delle sue radici e la continuità e il cambiamento della sua comunità multilingue al meglio.

Adattato e ristampato con il permesso di Rokdim.

kibbutz

Pronunciato: ki (breve i)-BOOTZ (oo come nel libro), Origine: ebraico, una comunità di proprietà e gestione collettiva in Israele.

Come si chiama una danza israeliana

La hora è spesso chiamata la danza nazionale di Israele. Tuttavia è stato portato in Israele da ebrei dei Balcani, sebbene l'hora originale sia cambiata molto.

Qual è il ballo più famoso in Israele

I balli portati nella Terra Promessa da questi ebrei europei includevano la polka, il rondo e l'hora e fu il terzo di questi che alla fine divenne il "danza nazionale" di Israele. La stessa hora (una danza in cerchio) era ed è ancora oggi una danza iconica nella cultura della danza popolare israeliana.

Che tipo di musica e danza ha Israele

Horah, Temani, Atari e altri ritmi di danza. Questi ritmi di danza hanno spesso forti insoliti e metri asimmetrici. Accompagnano le danze popolari israeliane.

Come si chiama la danza Hava Nagila

Hava Nagila e l'Hora

Nel corso degli anni, a partire da Israele, alla canzone è stato associato anche un particolare tipo di danza chiamata hora. A partire dai collettivi dei kibbutz, si è diffuso in Israele come una danza ebraica immensamente popolare.