Seleziona una pagina

Hanukkah è un paradigma del rapporto tra acculturazione e assimilazione. La vittoria finale di Hanukkah fu messa in moto dalla resistenza degli elementi più tradizionalisti, molti dei quali contrapponevano la gente di campagna alla crescente invasione dei valori ellenistici. In molti modi, i ribelli erano in conflitto maggiore con i loro compagni ebrei ellenizzanti che con gli elleni. L'arrogante universalismo nell'ellenismo richiedeva che gli ebrei rinunciassero ai loro distinti modi religiosi per il bene superiore. Molti ebrei erano d'accordo, ma i Pietisti no.

Hanukkah drammatizza la forza positiva del pietismo, della fedeltà indiscussa degli ebrei chassidici al giudaismo. Sfida gli ebrei moderni a rivedere la loro facile accettazione del cosmopolitismo e della cultura sofisticata come superiori al sentimento e al sentimento tribale di essere ebrei. Si chiede se, consciamente o inconsciamente, gli ebrei moderni facciano parte della maggioranza ellenizzante e assimilatrice. Come la crisi dell'Olocausto e le minacce a Israele, costringe le persone ad affrontare la questione: alla fine sono ebrei? In una crisi finale di lealtà, si sceglierebbe la sopravvivenza ebraica?


Quando è Hanukkah 2022? Tutti i dettagli sulla vacanza qui .


Le persone che non considererebbero mai una scuola ebraica diurna per i loro figli perché ciò che è americano viene prima stanno rendendo l'ebraismo una lealtà secondaria. Le persone che sarebbero più sconvolte se il loro figlio sposasse un ebreo ortodosso che se il loro bambino sposasse un gentile, hanno davvero deciso di lealtà primaria. La lezione di Hanukkah è che una forte priorità all'essere ebrei è la chiave per le scelte giuste nella storia ebraica. A volte non si dovrebbe ragionare. Ci deve essere una volontà primordiale per l'ebraicità prima o per la sopravvivenza di Israele prima. Il ragionamento e la volontà di negoziare alcune questioni vengono al secondo posto.

Allo stesso tempo, non basta essere testardi o ignorare la cultura circostante. Questa tattica funziona solo quando gli ebrei sono isolati. Non funzionava nelle grandi città della Giudea nel II secolo a.C. e probabilmente non funzionerà bene nella cultura/società altamente magnetica di oggi.

I Chasidim di quei giorni non avrebbero potuto vincere la battaglia da soli. Nel conflitto, molti ebrei ellenizzanti decisero di sostenere i loro compagni ebrei piuttosto che i greci. Una coalizione vinse la vittoria di Hanukkah, i tradizionalisti uniti agli ebrei in acculturazione che decisero di schierarsi dalla parte ebraica. Anche mentre combattevano la battaglia culturale, i Maccabei e, in seguito, i farisei non si limitarono a rifiutare l'ellenismo. Furono profondamente toccati dal suo individualismo, dai suoi metodi di analisi, dalla retorica letteraria e dai suoi concetti teologici. Hanno assorbito molto, ma hanno dato un tocco tipicamente ebraico alle idee esterne e ne hanno rifiutato molte altre.

Il paradigma della via ebraica implica il passaggio attraverso un'ampia varietà di situazioni storiche e culture sulla via della redenzione. Nessuna sezione è indispensabile; la comunità ebraica può sempre evitare un particolare tratto di strada. Ma in generale, la via ebraica implica la necessità e la volontà di entrare e attraversare molte culture partecipando, imparando, filtrando, incorporando, manipolando. L'esposizione e l'integrazione sono le chiavi per far fronte, anche se la sovraesposizione può portare a un record vuoto o totalmente scuro.

I rabbini approfondirono l'ebraismo per far fronte a una civiltà dinamica, con modelli culturali più sviluppati. In quella risposta, l'ebraismo raggiunse nuove vette di competenza e sviluppò la capacità di nuotare nel mare dell'ellenismo. L'attuale cultura ospitante degli ebrei è ancora più sviluppata, magnetica e stimolante. Gli ebrei e l'ebraismo dovranno dominare il campo. Se eseguita correttamente, l'acculturazione (modernizzazione) è un'alternativa all'assimilazione. Poiché nessun gruppo può offrire tutte le risposte per tutte le situazioni della vita o far fronte a tutte le opzioni della società, diventa molto importante formare coalizioni per coprire il campo, correggersi a vicenda, per dare agli ebrei la forza della varietà e dei numeri.

L'ulteriore lezione di Hanukkah (come Purim) è di non cancellare gli ebrei assimilati. In una resa dei conti (come nel 1967 e nel 1973), molti più ebrei saranno con la causa della sopravvivenza ebraica di quanto appaia in superficie. Una coalizione di ebrei tradizionali, acculturati e assimilatori ha realizzato il miracolo dei Maccabei. Ciò che serve è una coalizione e una simbiosi tra gli ebrei tradizionali, gli ebrei modernisti e gli ebrei assimilati che possono ancora essere raggiunti. Il vero compito è iniziare la guerriglia che svezza le persone dal loro eccessivo assorbimento nello status quo e le libera per un'autentica esistenza ebraica.

Ristampato con il permesso dell'autore da The Jewish Way: Living the Holidays.

Hanukka

Pronunciato: KHAH-nuh-kah, anche ha-new-KAH, una festa di otto giorni che commemora la vittoria dei Maccabei sui Greci e la successiva ridedicazione del tempio. Cade nel mese ebraico di Kislev, che di solito corrisponde a dicembre.

Quali sono alcuni esempi di assimilazione negli Stati Uniti

Uno degli esempi più evidenti di assimilazione è la storia degli Stati Uniti di assorbimento di immigrati provenienti da diversi paesi. Dal 1890 al 1920, gli Stati Uniti hanno visto un afflusso di molti immigrati dai paesi europei e asiatici. Il desiderio di venire negli Stati Uniti era principalmente per scopi economici.

Perché gli ebrei immigrarono negli Stati Uniti nel 19° secolo

Spinti dalle difficoltà economiche, dalla persecuzione e dai grandi sconvolgimenti sociali e politici dell'industrializzazione, sovrappopolazione e urbanizzazione del diciannovesimo secolo, milioni di ebrei europei hanno lasciato le loro città e villaggi e si sono imbarcati nell'arduo viaggio verso la "Terra d'oro" d'America.

Da dove si sono evoluti gli ebrei

Il ceppo etnico a cui gli ebrei fanno risalire originariamente i loro antenati era una confederazione di tribù di lingua semitica dell'età del ferro note come israeliti che abitavano una parte di Canaan durante i periodi tribali e monarchici. Gli ebrei moderni prendono il nome e discendono anche dal regno israelita meridionale di Giuda.

Da dove immigrarono gli ebrei

La stragrande maggioranza degli immigrati ebrei è arrivata dall'Europa principalmente da Polonia, Unione Sovietica, Romania e Lituania, ma circa il 12% proveniva dall'Asia, principalmente Yemen e Iraq. Le quote di immigrazione degli Stati Uniti tenevano fuori gli ebrei.