Seleziona una pagina

Una parte di questa lettura (Deuteronomio 15:19 16:17) viene letta anche nei giorni di Pasqua e Shavuot. Il rapporto con le feste di pellegrinaggio è evidente nel capitolo 16. Nel fare di questa lettura per Shemini Atzeret, si traccia un collegamento tra Sukkot e questo ottavo giorno di assemblea. Per le congregazioni che celebrano Shemini Atzeret e Simchat Torah lo stesso giorno, questa lettura viene omessa.

14:22. Ogni anno metterai da parte la decima parte di tutto il raccolto della tua semina che sarà portata dal campo.

14:23. Divorerai le decime del tuo grano nuovo, del tuo vino e dell'olio, e i primogeniti dei tuoi armenti e dei tuoi greggi, alla presenza dell'Eterno, il tuo DIO, nel luogo dove Egli sceglierà di stabilire il suo nome, affinché tu possa imparare a venera per sempre il Signore tuo Dio.

14:24. Se la distanza è troppo grande per te, se non riesci a trasportarli, perché il luogo dove il Signore tuo Dio ha scelto di stabilire il suo nome è lontano da te e perché il Signore tuo Dio ti ha benedetto,

14:25. puoi convertirli in denaro. Avvolgi il denaro e portalo con te nel luogo che il Signore tuo Dio ha scelto,

14:26. e spendi i soldi per qualsiasi cosa tu voglia: bovini, pecore, vino o altri inebrianti, o qualsiasi cosa tu possa desiderare. E là banchetterai alla presenza del SIGNORE, tuo Dio, e gioirai con la tua famiglia.

14:27. Ma non trascurare il levita nella tua comunità, perché non ha parte ereditaria come te.

14:28. Ogni tre anni tirerai fuori l'intera decima del tuo raccolto di quell'anno, ma la lascerai nei tuoi risarcimenti.

14:29. Allora il levita, che non ha alcuna parte ereditaria come te, e lo straniero, l'orfano e la vedova nei tuoi villaggi verranno e si mangeranno a sazietà, affinché il Signore tuo Dio ti benedica in tutte le imprese che intraprendi.

15:1. Ogni sette anni eserciterai la remissione dei debiti.

15:2. Questa sarà la natura della remissione: ogni creditore rimetterà il debito che pretende dal suo prossimo; non durerà il suo prossimo né il suo parente, perché la remissione annunziata è dal SIGNORE.

15:3. Puoi battere lo straniero; ma devi rimettere ciò che ti è dovuto dai tuoi parenti.

15:4. Non ci sarà alcun bisognoso in mezzo a voi, poiché il Signore, tuo Dio, ti benedirà nel paese che il Signore, tuo Dio, ti dà in eredità

15:5. se solo ascolti l'Eterno, il tuo DIO, e ti preoccupi di osservare tutta questa istruzione che ti insegno oggi.

15:6. Poiché l'Eterno, il tuo DIO, ti benedirà come ti ha promesso: farai prestiti a molte nazioni, ma tu stesso non ne avrai bisogno; dominerai molte nazioni, ma esse non domineranno te.

15:7. Se invece c'è tra voi un bisognoso, un vostro parente in uno dei vostri insediamenti nel paese che il Signore, vostro Dio, vi dà, non indurire il vostro cuore e non chiudere la mano contro il vostro parente bisognoso.

15:8. Piuttosto, devi aprire la tua mano e prestargli abbastanza per tutto ciò di cui ha bisogno.

15:9. Bada di non nutrire il vile pensiero: Il settimo anno, l'anno della remissione, si avvicina, così che tu sei cattivo con il tuo parente bisognoso e non gli dai nulla. Griderà al SIGNORE contro di te e tu incorrerai in colpa.

15:10. Dona a lui prontamente e non avere rimpianti quando lo fai, perché in cambio il Signore, tuo Dio, ti benedirà in tutti i tuoi sforzi e in tutte le tue imprese.

15:11. Perché non cesseranno mai di essere bisognosi nel tuo paese, per questo ti comando: apri la tua mano al parente povero e bisognoso nel tuo paese.

15:12. Se un tuo compagno ebreo, uomo o donna, ti viene venduto, ti servirà per sei anni e nel settimo anno lo libererai.

15:13. Quando lo liberi, non lasciarlo andare a mani vuote:

15:14. Forniscilo del gregge, dell'aia e del tino, con i quali l'Eterno, il tuo DIO, ti ha benedetto.

15:15. Ricorda che sei stato schiavo nel paese d'Egitto e che il Signore, tuo Dio, ti ha redento; perciò oggi vi do questo comandamento.

15:16. Ma se ti dicesse che non voglio lasciarti, perché ama te e la tua famiglia ed è felice con te

15:17. prenderai una lesina e gliela passerai attraverso l'orecchio nella porta, ed egli diventerà tuo schiavo in perpetuo. Fai lo stesso con la tua schiava.

15:18. Quando lo liberi, non sentirti addolorato; poiché in sei anni ti ha prestato il doppio del servizio di un mercenario. Inoltre, il Signore, tuo Dio, ti benedirà in tutto ciò che farai.

15:19. Consacrerai al Signore, tuo Dio, tutti i primogeniti maschi che sono nati nel tuo gregge e nel tuo gregge: non lavorare il tuo bue primogenito né tosare il tuo primo gregge.

15:20. Tu e la tua famiglia ne mangerete ogni anno davanti al Signore, tuo Dio, nel luogo che il Signore avrà scelto.

15:21. Ma se ha un difetto, una zoppia o una cecità, un difetto grave, non lo sacrificherai al Signore, tuo Dio.

15:22. Mangialo nei tuoi insediamenti, l'impuro tra di voi non meno che il puro, proprio come la gazzella e il cervo.

15:23. 0 solo non devi prendere il suo sangue; lo verserai per terra come acqua.

16:1. Osserva il mese di Abib e offri un sacrificio pasquale all'Eterno, il tuo DIO, perché fu nel mese di Abib, di notte, che l'Eterno, il tuo DIO, ti liberò dall'Egitto.

16:2. Immolerai il sacrificio pasquale per l'Eterno, il tuo DIO, dal gregge e dal gregge, nel luogo dove l'Eterno avrà scelto di stabilire il suo nome.

16:3. Non mangerete nulla di lievitato con esso; per sette giorni dopo mangerai pani azzimi, pane di angoscia perché te ne sei andato in fretta dal paese d'Egitto, affinché tu possa ricordare il giorno della tua partenza dal paese d'Egitto finché vivrai.

16:4. Per sette giorni non si troverà lievito presso di te in tutto il tuo territorio, e della carne di ciò che sgozzerai la sera del primo giorno non sarà lasciata fino al mattino.

16:5. Non ti è permesso scannare il sacrificio pasquale in nessuno degli insediamenti che l'Eterno, il tuo DIO, ti dà;

16:6. ma nel luogo dove l'Eterno, il tuo DIO, avrà scelto per stabilire il suo nome, là solo tu immolerai il sacrificio pasquale, la sera, al tramonto, ora del giorno in cui sei partito dall'Egitto.

16:7. Lo cucinerai e lo mangerai nel luogo che l'Eterno, il tuo DIO, avrà scelto; e al mattino puoi riprendere il viaggio di ritorno.

16:8. Dopo aver mangiato azzimi per sei giorni, nel settimo giorno farai una riunione solenne per il Signore tuo Dio: non farai alcun lavoro.

16:9. Conterai sette settimane; inizia a contare le sette settimane in cui la falce viene messa per la prima volta sul grano in piedi.

16:10. Allora osserverai la festa delle settimane per il SIGNORE, tuo Dio, offrendo il tuo contributo volontario, come il SIGNORE, il tuo DIO, ti ha benedetto.

16:11. Gioirai davanti al Signore tuo Dio con tuo figlio e tua figlia, il tuo schiavo e la tua schiava, il levita nelle tue comunità e lo straniero, l'orfano e la vedova in mezzo a te, nel luogo dove il Signore tuo Dio avrà scelto per stabilire il suo nome.

16:12. Tenete a mente che eravate schiavi in ​​Egitto e abbiate cura di obbedire a queste leggi.

16:13. Dopo la raccolta dalla tua aia e dal tuo tino, celebrerai per sette giorni la festa degli stivali.

16:14. Gioirai della tua festa, con tuo figlio e tua figlia, il tuo schiavo e la tua schiava, il levita, lo straniero, l'orfano e la vedova nelle tue comunità.

16:15. Farai festa per l'Eterno, il tuo DIO, sette giorni, nel luogo che l'Eterno avrà scelto; poiché l'Eterno, il tuo DIO, benedirà tutti i tuoi raccolti e tutte le tue imprese, e tu non avrai altro che gioia.

16:16. Tre volte l'anno, nella festa degli azzimi, nella festa delle settimane e nella festa delle capanne, tutti i tuoi maschi compariranno davanti all'Eterno, il tuo DIO, nel luogo che avrà scelto. Non compariranno davanti al Signore a mani vuote,

16:17. ma ciascuno con il suo dono, secondo la benedizione che il Signore, tuo Dio, ti ha concesso.

Questa traduzione inglese è stata ristampata con il permesso di Tanakh: Le Sacre Scritture pubblicate dalla Jewish Publication Society.

Sukkot

Pronunciato: sue-KOTE, o SOOH-kuss (oo come nel libro), Origine: ebraico, festa del raccolto in cui gli ebrei mangiano all'interno di capanne temporanee, cade nel mese ebraico di Tishrei, che di solito coincide con settembre o ottobre.

Torah

Pronunciato: TORE-uh, Origine: ebraico, i cinque libri di Mosè.

Qual è il significato di Deuteronomio 14

Riassumi Deuteronomio 14:3-29 spiegando che Mosè ricordò agli israeliti ciò che era stato loro comandato di mangiare e di non mangiare. Insegnò loro anche la decima. Queste pratiche separerebbero il popolo del Signore dalle altre nazioni.

Il pagamento della decima è obbligatorio nella Bibbia

Il pagamento della decima è obbligatorio per i fedeli cristiani. Un comandamento dell'Antico Testamento, è reso popolare da Malachia 3:10, dove i cristiani sono tenuti a dare il 10 per cento delle loro entrate a Dio attraverso il sacerdote. Il pagamento della decima è obbligatorio per i fedeli cristiani.

Quali sono i quattro tipi di decima

  • Terumah (offerta di sollevamento)
  • Prima decima.
  • Seconda decima.
  • Povera decima.
  • Terumat Maaser.
  • Demai.
  • Luoghi che richiedono la decima.
  • Decima del bestiame.