Seleziona una pagina

Per molti ebrei americani, il quarto giovedì di novembre è un'occasione per riunirsi con la famiglia, mangiare abbondanti quantità di tacchino e ripieno e forse svenire durante una partita di football pomeridiana.

La maggior parte degli ebrei americani considera il Ringraziamento più simile al 4 luglio che al Natale, privo di associazioni religiose e offre l'opportunità di abbracciare pienamente una tradizione distintamente americana. Le vacanze incentrate sulla gratitudine difficilmente un concetto estraneo al pensiero ebraico fornisce anche una comoda sovrapposizione tra i valori ebraici e americani.

Tuttavia, per una minoranza di ebrei, l'abbraccio di qualsiasi rituale festivo non ebraico pone delle sfide. Nel secolo scorso, le autorità della legge religiosa ebraica furono chiamate a determinare se fosse accettabile che gli ebrei osservanti prendessero parte alle osservanze del Ringraziamento. La questione principale è imperniata su un divieto generale nel diritto ebraico, basato su un versetto del Levitico, che è generalmente inteso come un divieto di copiare le vie dei Gentili. (È questo principio che porta alcune autorità ortodosse a contestare alcuni tipi di piercing.)

Se questo principio si applica al Ringraziamento dipende interamente dal fatto che sia considerata una festa dei Gentili o una laica americana. Il rabbino Moshe Feinstein e il rabbino Joseph Soloveitchik, due delle principali autorità legali ortodosse del 20° secolo, hanno entrambi concordato sul fatto che il Ringraziamento non fosse una festa religiosa, sebbene le loro opinioni non siano universalmente accettate nel mondo ortodosso. Un notevole dissenziente era il rabbino Yitzchok Hutner, che considerava il Ringraziamento innatamente cristiano e proibito agli ebrei.

Ma il consenso generale è che nella legge ebraica non ci sono problemi nel mangiare il tacchino e nell'osservare le altre tradizioni intorno al Ringraziamento, a condizione che non siano interpretate come obblighi, il che implicherebbe una sorta di status religioso. Tuttavia, consentire semplicemente agli ebrei di osservare il Ringraziamento non equivale a incoraggiarli a farlo.

Tra gli ebrei ortodossi haredi, il Ringraziamento non è ampiamente osservato. L'Agudath Israel of America, la principale organizzazione ombrello haredi, programma regolarmente la sua convention annuale per iniziare il giorno del Ringraziamento, forse perché è meno probabile che i suoi membri debbano lavorare quel giorno. E molte istituzioni e scuole ortodosse operano come al solito il giorno del Ringraziamento.

Ma nella più ampia comunità ebraica americana, il Ringraziamento è ampiamente celebrato e persino accolto come un'opportunità per avvicinarsi all'americanità. Nel 19° secolo, non era raro che le sinagoghe tenessero funzioni il giorno del Ringraziamento, come era consuetudine per un certo periodo tra le chiese americane. Lo storico Jonathan Sarna afferma che il Ringraziamento è una delle quattro festività annuali della Pasqua ebraica, Hanukkah e il 4 luglio sono le altre che insieme hanno promosso quello che ha definito un culto della sintesi, l'idea che ebraismo e americanismo si rafforzano a vicenda. Secondo Sarna, nel 1900 furono pubblicati circa due dozzine di sermoni ebraici del Ringraziamento che evocavano questa idea.

Le vestigia di questo rimangono oggi. La Sinagoga Centrale di New York offre un modello di Seder del Ringraziamento sul suo sito web e il Centro di azione religiosa dei movimenti di riforma offre una pagina di risorse per introdurre una coscienza ebraica nelle osservanze del Ringraziamento. Alcuni hanno persino suggerito che i coloni puritani abbiano modellato il Ringraziamento sulla festa di Sukkot, celebrata anche nel periodo del raccolto autunnale. Potrebbe non essere del tutto casuale che la parola ebraica per ringraziamento hodaya non sia troppo dissimile dalla parola ebraica per tacchino: hodu .

Cosa mangiano gli ebrei il giorno del Ringraziamento

Quindi celebrare il Ringraziamento con un pasto speciale è perfettamente normale, anche se quel pasto consiste in piatti come il tacchino kosher macellato ritualmente e ispezionato secondo le leggi kosher, ripieni che includono challah, kugel di patate dolci, cavolini di Bruxelles arrostiti con gribenes e un bicchiere di vino kosher.

Quali feste celebrano gli ebrei

Festività e celebrazioni ebraiche – Elenco

  • Shabbat.
  • Rosh Hashanah.
  • Yom Kippur.
  • Sukkot.
  • Shemini Atzeret.
  • Simchat Torah.
  • Hanukka.
  • Tu B'Shevat.

Quali feste non celebrano gli ebrei

Tuttavia, è molto probabile che gli ebrei che non osservano tutti i giorni festivi siano in sinagoga o alle celebrazioni domestiche e si astengano dal lavoro durante Rosh Hashanah, Yom Kippur, Pasqua e il sabato settimanale.