Seleziona una pagina

Nel quartiere di New York in cui vivo, i venerdì pomeriggio sono segnati dal richiamo quasi simultaneo del muezzin dalla moschea locale e da un allarme che segna l'imminente avvicinamento dello Shabbat. I negozi di alimentari kosher si trovano adiacenti ai ristoranti messicani ed è probabile che i cartelli vengano affissi in yiddish o spagnolo come in inglese. Ci sono proprietari ebrei che parlano correntemente lo spagnolo e negozi convenienti del Bangladesh che vendono una vasta gamma di prodotti kosher.

New York è così, a volte. La vicinanza fa sanguinare i margini, creando mash-up e ibridi che sarebbero impossibili altrove.

Gli Hip Hop Hoodios, guidati da Josue Noriega (aka Josh Norek) e Abraham Velez, hanno trovato la loro casa nel caos linguistico e musicale della grande città. Impiegando klezmer, salsa, cumbia, rock di chitarra e un cast a rotazione di noti musicisti ebrei e ispanici, gli Hoodios sono onnivori musicali poliglotti, con il loro piatto pieno di suoni freschi. Il colombiano Norek e il portoricano Velez, entrambi nati e cresciuti ebrei, registrano insieme dal 2001, quando sia Norek che Velez erano coinvolti nell'industria della musica latina (Norek come pubblicista, Velez come scrittore).

Hanno attratto un pubblico incrociato non necessariamente limitato agli ebrei nelle loro battute. Come hanno recentemente detto a un intervistatore di NPR, la loro base di fan varia da città a città; la folla degli spettacoli di Los Angeles è stata per lo più chicana, mentre il pubblico di New York è composto principalmente da hipster ebrei. I critici, tuttavia, sono stati uniti nella loro risposta entusiasta al primo album completo degli Hoodios, Agua PaLa Gente (2004), e ai due EP della band. Il loro nuovo album Carne Masada (2009) mette insieme i loro più grandi successi, insieme ad alcuni nuovi brani, ed è ovviamente un prodotto di New York City.

Se il singolo, Times Square (1989), con i suoi ringraziamenti all'ex sindaco di New York City David Dinkins e all'ex difensore del centro dei New York Mets Mookie Wilson, e il suo frastuono di sirene della polizia lamentose, non fossero stati sufficienti indizi, la pura cacofonia sonora di Carne Masada racconterebbe l'intera storia. Le alleanze di Hoodios New York sono profonde. La marmellata dell'Inquisizione che colpisce Ferdinando e Isabella del 1492 si basa sul grido Forget Espana, want New Amsterdam.

Gli Hoodios (il loro nome riecheggia Judios e significa anche fedeltà alla loro cappa prescelta) si descrivono come un collettivo urbano latino-ebraico, il che significa, in pratica, che il loro suono non fa distinzione tra radici ispaniche ed ebraiche, ebraiche e spagnole, brutte battute sui messicani e brutte battute sugli israeliani.

L'ovvio confronto è con i Beastie Boys, che hanno rotto il soffitto di vetro dell'hip-hop, rendendolo accettabile per tre spiritosi ebrei di New York con una netta mancanza di melanina e una predilezione per il rap sul regista di Hong Kong John Woo e il giocatore di baseball degli anni '70 Rod Carew, atteggiarsi a star del rap. Gli Hip Hop Hoodios sono senza dubbio smartaleck stile Beastie, ma la loro tavolozza sonora è più focalizzata su ritmi hip-hop, ritmi latini e campioni ebraici e il loro contenuto lirico è più sbarazzino ebreo. Le Bestie non hanno mai nascosto la loro ebraicità, ma non è mai stata di tanto interesse per loro come lo era per gli altri. Hip Hop Hoodios, in confronto, non può pensare ad altro.

Non la musica ebraica dei tuoi rabbini

L'assoluta densità dei riferimenti ebraici su Carne Masadamusical e lyricalis è schiacciante. Canti religiosi, melodie ebraiche, clarinetti klezmer, stornelli popolari ebrei per bambini: sono tutti mescolati insieme e con molto umorismo. Di scarso effetto educativo, Hoodios preferisce iniettare il loro materiale di partenza con un brivido di cattiveria.

Gli autori originali di The Dreidel Song probabilmente non avrebbero mai previsto il suo uso in un rap chiamato Dicks and Noses, né avrebbero potuto immaginare che l'uso metaforico della parola dreidel da parte di Hoodios avesse un significato, qualcos'altro. Tu mi chiami papà, io ti chiamo ima/voglio portarti subito sul bima, dichiarano su Hoodia Para Mi, immaginando una seduzione in sinagoga. Annunciano che sono alla ricerca di una brava puttana ebrea, quindi ammorbidiscono l'approccio elencando le loro specifiche: soldi da bat mitzvah e fianchi di maternità.

Il sesso è sempre presente su Carne Masada, ma non è l'unica cosa nella mente di Hoodios. No Nose Jobs implora gli ebrei di mantenere i loro magnifici schnoz, chiedendo loro di astenersi dal salvare la comunità e la razza da cui provieni. Ocho Kandelikas è un'interpretazione rap-rock della classica canzone ladino Hanukkah. E Viva La Guantanamera, senza nulla di particolarmente ebraico, fa eco alla cantante cubana di salsa Celia Cruz, e grida alla leggenda della salsa Hector Lavoe, mentre i testi suonano sulla chiusura della prigione americana a Guantanamo Bay.

Questo è il tipo di ebraismo che il tuo rabbino decisamente non approverebbe, ed è proprio ciò che lo rende così divertente. Sono le riflessioni di ragazzi che hanno passato troppe ore accucciati a una scrivania scomoda, ascoltando un insegnante di scuola domenicale che parlava. Ora stanno combattendo divertendosi con ciò che sanno.

Riferimenti culturali

Con Hip Hop Hoodios, lo spagnolo lascia il posto all'inglese, che lascia il posto all'ebraico, con una fluidità da capogiro. Que Pasa in Israele inizia con un divertente confronto tra un messicano che vuole visitare Gerusalemme e l'ufficiale dell'immigrazione israeliano che lo interroga. La canzone è una dichiarazione di fedeltà alle Nazioni Unite per l'hip-hop, il suo stile musicale trascende con aria di sfida tutte le barriere di stato e religione.

Gli stessi bastardi, Hoodios si divertono a sottolineare le assurdità degli altri tentativi litigiosi di purezza culturale. I nonni odiano gli arabi, osservano maliziosamente su Que Pasa, mentre le nostre madri indossano amuleto scarabsan comune in Medio Oriente. La canzone rende omaggio a Israele e alla Palestina, senza alcun bisogno di scuse o recriminazioni. L'hip-hop, almeno il tipo che fanno, non conosce confini.

Non sorprende che, per un gruppo dedito all'impollinazione interculturale e all'alleanza multiconfessionale, gli Hip Hop Hoodios si chiudano con un tributo sbarazzino al presidente Barack Obama, sulle note di Heveinu shalom aleihem. Metà canzone di lode, metà prescrizione politica, Shalom Obama è una degna conclusione per Carne Masada e una sfacciata dichiarazione di orgoglio per il mondo Hoodios che fiorisce fuori dalle loro porte. In un mondo in cui un mezzo kansan e mezzo keniota cresciuto in Indonesia può essere presidente degli Stati Uniti, questi rapper ebrei spagnoli sono solo un'altra faccia del melting pot americano. Sono anche il volto del futuro degli ebrei americani.

Hanukka

Pronunciato: KHAH-nuh-kah, anche ha-new-KAH, una festa di otto giorni che commemora la vittoria dei Maccabei sui Greci e la successiva ridedicazione del tempio. Cade nel mese ebraico di Kislev, che di solito corrisponde a dicembre.

kosher

Pronunciato: KOH-sher, Origine: ebraico, aderente al kashrut, le leggi alimentari ebraiche tradizionali.

mitzvà

Pronunciato: MITZ-vuh o meetz-VAH, Origine: ebraico, comandamento, usato anche per significare buona azione.

shalom

Pronunciato: shah-LOME, Origine: ebraico, pace, o ciao o arrivederci.