Seleziona una pagina

Molte persone sono sorprese di scoprire che diventare bar/bat mitzvah avviene automaticamente quando un ragazzo ebreo raggiunge l'età di 13 anni e/o una ragazza 12. La cerimonia che oggi occupa il centro della scena è in realtà un ripensamento storico, con prove di osservanza solo da un periodo compreso tra il XIV e il XVI secolo. Poiché la cerimonia segna il raggiungimento della maggiore età, molti ebrei tradizionali la osservano il sabato immediatamente successivo al compleanno del bambino.

Per i rabbini, il significato di questo momento che cambia la vita risiede nel nuovo stadio del bambino di sviluppo fisico, intellettuale e morale. Consideravano 12 e 13 anni come l'età in cui rispettivamente le ragazze ei ragazzi non erano più interamente soggetti agli impulsi, ma cominciavano a sviluppare una coscienza. Il termine bar/bat mitzvah che significa obbligato a eseguire le mitzvot ebraiche (comandamenti) riflette le nuove capacità e responsabilità del bambino.

Sebbene la cerimonia che afferma collettivamente il raggiungimento della maggiore età dei bambini sia di origine medievale, ci sono prove nella letteratura rabbinica che il padre potrebbe aver recitato una benedizione quando il bambino ha raggiunto la maggiore età. Questa benedizione, chiamata baruch sheptarani, ringrazia Dio per aver liberato il padre dalla responsabilità del comportamento del bambino, segnalando un passaggio di controllo e quindi di responsabilità da genitore a figlio

Sviluppo del Bar/Bat Mitzvah

Lo sviluppo relativamente tardivo della cerimonia del bar mitzvah deriva probabilmente dai cambiamenti nelle usanze comuni riguardo alle attività rituali che un bambino poteva svolgere. Secondo il Talmud, che fu completato intorno al VI secolo d.C., i ragazzi potevano compiere molti atti rituali, ad esempio indossare i tefillin (filatteri), ogni volta che avevano sviluppato le competenze necessarie ed erano in grado di comprendere il significato dei rituali. Successivamente questa finestra di opportunità si chiuse e ai bambini non fu permesso di eseguire questi rituali fino a quando non avessero raggiunto la maggiore età. A questo punto, una cerimonia che celebrava la prima rappresentazione di questi rituali ha cominciato ad avere un senso.

La cerimonia del bat mitzvah osservata nei movimenti liberali è avvenuta molto più tardi. È nato da un più ampio focus sociale sui diritti delle donne, con il primo bat mitzvah americano avvenuto nel 1922. Il concetto di una cerimonia di bat mitzvah all'interno del giudaismo tradizionale è molto più recente. Poiché la legge ebraica limita le responsabilità religiose di una donna principalmente ai comandamenti che non sono vincolati nel tempo (il che significa che non devono essere eseguiti in un momento particolare), l'attività ebraica di una donna si è verificata principalmente all'interno del regno privato e familiare piuttosto che in quello pubblico e comunitario . Poiché alle donne non era richiesto di eseguire alcuna mitzvot palese e visibile come lo erano gli uomini, una cerimonia aveva poco senso. Eppure alla fine del 20° secolo, quando le donne osservanti sono diventate più istruite dal punto di vista giudaico, anche loro stanno premendo per creare rituali significativi per il bat mitzvah.

Poiché i rabbini non specificavano requisiti rituali per la cerimonia del bar/bat mitzvah, ad eccezione della benedizione dei genitori, i ruoli svolti dal bar/bat mitzvah al servizio e persino i tempi del servizio stesso possono variare notevolmente. Il tipico bar/bat mitzvah si svolge durante il servizio mattutino del Sabbath, dove il bambino viene chiamato a pronunciare le benedizioni sulla Torah, la sua prima aliya. I bambini possono leggere la Torah; cantare l'haftarah, la porzione profetica settimanale; condurre parte o tutto il servizio della congregazione; e offrire un'interpretazione personale della porzione settimanale della Torah, chiamata dvar Torah. Il bar/bat mitzvah assume ruoli simili quando la cerimonia si svolge in un giorno festivo, a Rosh Chodesh il primo giorno del nuovo mese ebraico, di lunedì o giovedì mattina o in un pomeriggio di sabato. La Torah non viene letta il venerdì sera e verrebbe letta dalle ragazze osservanti solo durante un servizio di preghiera femminile.

Un tempo di cambiamento

L'anno di preparazione intensiva che precede la cerimonia del bar/bat mitzvah segna un cambiamento nel rapporto e nell'equilibrio di potere tra genitore e figlio insieme agli immensi cambiamenti nella persona fisica e intellettuale del bambino. A livello religioso questi cambiamenti sono riconosciuti dalla benedizione del baruch sheptarani. A livello psicologico, sono i genitori che dovrebbero riconoscerli o stare attenti! Questo periodo è caratterizzato da un'intensa negoziazione, che richiede nuovi modelli decisionali e l'adozione di nuovi ruoli familiari. Quando un bambino salta questo rito di passaggio, è certamente ancora bar mitzvah, ma sembra che l'occasione sia andata perduta per un raggiungimento della maggiore età spirituale che rispecchi le pietre miliari fisiche, intellettuali ed emotive del nuovo adolescente.

Per i convertiti

E che dire dei convertiti che vogliono affermare i loro attaccamenti al giudaismo dedicando più tempo alla cultura ebraica e di coloro che sono arrivati ​​tardi all'osservanza religiosa? Negli ultimi 30 anni circa, una soluzione ha sviluppato una celebrazione tardiva chiamata adult bar/bat mitzvah. Piccoli gruppi di adulti si riuniscono in classi in sinagoga per uno o due anni, studiando storia ebraica, teologia, testi e preghiera e imparando a leggere l'ebraico e cantare la Torah e l'haftarah. Il processo di studio, che crea un forte senso di comunità tra i partecipanti e spesso si traduce in un maggiore coinvolgimento della sinagoga, culmina in una cerimonia bar/bat mitzvah per adulti in cui gli adulti rivendicano pubblicamente la loro eredità spirituale.

bat mitzvà

Pronunciato: baht MITZ-vuh, anche bahs MITZ-vuh e baht meetz-VAH, Origine: ebraico, rito ebraico di passaggio per una ragazza, osservato all'età di 12 o 13 anni.

mitzvà

Pronunciato: MITZ-vuh o meetz-VAH, Origine: ebraico, comandamento, usato anche per significare buona azione.

Torah

Pronunciato: TORE-uh, Origine: ebraico, i cinque libri di Mosè.

Cosa devi fare per diventare un bat mitzvah

Nella pratica ebraica tradizionale, una ragazza che è diventata bat mitzvah deve osservare le mitzvot proprio come qualsiasi donna adulta. Questi includono, ma non sono limitati a, mitzvot come l'accensione delle candele dello Shabbat, il digiuno durante lo Yom Kippur e l'esecuzione di atti di tzedakah (carità).

Quanto tempo ci vuole per preparare un bat mitzvah

In genere i bambini iniziano a studiare per la cerimonia con nove mesi di anticipo e dovrebbero esercitarsi ogni giorno per 10-15 minuti. "È un grande bagaglio di conoscenze che i bambini devono imparare", ha detto Axelrod al telefono la scorsa settimana.

Qual è il costo medio di un bat mitzvah

Mentre molte famiglie tendono a mantenere il proprio budget tra $ 15.000 e $ 30.000 , è molto possibile pianificare un bar modesto o un bat mitzvah per poche migliaia di dollari diventando creativi con le tue risorse.

Cosa non dovresti fare a un bat mitzvah

Come per la maggior parte delle cerimonie religiose, è considerato scortese parlare o scattare fotografie durante i servizi dello Shabbat. Parlare e scattare fotografie, tuttavia, sono generalmente incoraggiati dopo che le funzioni religiose sono terminate e la celebrazione del Bar/Bat Mitzvah è iniziata ufficialmente.