Seleziona una pagina

I matrimoni misti sono stati a lungo una delle questioni più controverse nella vita ebraica americana moderna e probabilmente quella in cui gli atteggiamenti comunitari sono cambiati in modo più drammatico negli ultimi decenni.

Dal tabù al luogo comune

Al di fuori della comunità ortodossa, è sempre più comune e accettato che gli ebrei americani sposino partner di diversa estrazione religiosa. Il matrimonio era una volta ampiamente visto come un rifiuto della propria identità ebraica e il tabù ultimo. Il tempo era che alcuni genitori interrompevano i contatti con i bambini che si sposavano tra loro o addirittura facevano shiva per loro, il rituale osservato quando una persona cara muore. Un famoso esempio di ciò è nel musical Il violinista sul tetto, quando Tevye evita sua figlia Chava per aver sposato un cristiano ortodosso russo.

Oggi, molti genitori ebrei americani accolgono con favore i generi e le nuore non ebrei e un numero significativo di rabbini non ortodossi officia i loro matrimoni, sebbene il movimento conservatore vieti ancora ai rabbini di farlo. Un numero crescente di ebrei sposati tra loro rimane impegnato nella vita ebraica e cresce i propri figli come ebrei.

LEGGI: ​​Come trovare un rabbino o un cantore per officiare il tuo matrimonio interreligioso

Anche la situazione al di fuori della comunità ebraica è cambiata. Mentre l'antisemitismo e una cultura più ampia, meno aperta al matrimonio interreligioso e interrazziale una volta impedivano alle precedenti generazioni di ebrei americani di sposarsi in gran numero, oggi i matrimoni interreligiosi e interculturali di ogni tipo (non solo quelli che coinvolgono ebrei) sono più comuni, con un 2015 uno studio riporta che quasi il 40 per cento degli adulti che si sono sposati nei cinque anni precedenti hanno un partner di fede diversa.

Impatto dello studio nazionale sulla popolazione ebraica del 1990

I matrimoni misti sono diventati un argomento importante delle preoccupazioni degli ebrei americani negli anni '80 e '90, poiché studi demografici di alto profilo hanno mostrato che il tasso di ebrei che sposavano non ebrei era aumentato notevolmente. In particolare, il National Jewish Population Study del 1990, che riportava che il 52% degli ebrei americani si stava sposando (un'analisi successiva ha indicato che il numero più accurato era il 43%), ha acceso molte discussioni sulla continuità ebraica e sul fatto che la popolazione ebraica in America non sarebbe svanire assimilandosi alla cultura più ampia.

Nei due decenni successivi allo studio, molti leader comunali hanno discusso i meriti di raggiungere e accogliere i sposati misti, rispetto a concentrarsi sugli ebrei sposati. Inoltre, lo studio ha dato vita a un'ampia gamma di iniziative educative ebraiche volte a rafforzare l'identità ebraica e che sono state spesso propagandate come chiavi per prevenire i matrimoni misti. In particolare, molti filantropi e federazioni hanno investito in scuole diurne ebraiche, campi estivi, campus Hillels e, forse in particolare, il programma Birthright Israel, che offre viaggi gratuiti di 10 giorni in Israele.

Il dibattito su come rispondere ai matrimoni misti

All'indomani dello studio del 1990, rabbini e altri leader hanno discusso sul modo migliore per rispondere al gran numero di ebrei già sposati e ai loro figli. Molti, in particolare nel movimento conservatore, temevano che officiare a matrimoni interreligiosi, accettare famiglie interreligiose o consentire a ebrei sposati tra loro di ricoprire posizioni di comando, equivalesse a condonare i matrimoni misti e incoraggiasse solo più ebrei a sposarsi.

Altri hanno affermato che i matrimoni misti non sono qualcosa su cui la comunità ebraica ha alcun controllo. Egon Mayer, un pioniere nel contatto con i coniugi misti e fondatore del Jewish Outreach Institute (in seguito chiamato Big Tent Judaism), nel 2001 ha paragonato notoriamente i dibattiti sui matrimoni misti alla discussione contro il tempo.

Mentre alcuni leader hanno suggerito che i leader ebrei siano più aggressivi nell'incoraggiare i partner non ebrei a convertirsi al giudaismo, altri hanno ribattuto che tali politiche alienerebbero molte persone. Inoltre, mentre gli oppositori dei matrimoni misti indicavano le statistiche che mostravano che gli ebrei sposati tra loro avevano meno probabilità di crescere i loro figli all'interno della fede, e stavano quindi riducendo i ranghi della comunità ebraica, altri sostenevano che il tabù dei matrimoni misti e il continuo torcere le mani sui matrimoni misti stavano allontanando le famiglie coniugate e i giovani ebrei di mentalità liberale, diventando una profezia che si autoavvera.

Discendenza patrilineare: quando i papà sono ebrei, ma la mamma no

Un'altra questione molto dibattuta in merito ai matrimoni misti è quella della discendenza patrilineare, o lo stato dei figli che hanno un padre ebreo e una madre non ebrea. Mentre la legge ebraica stabilisce che si deve avere una madre ebrea o subire una conversione per essere riconosciuti ebrei, il movimento di riforma nel 1982 ha annunciato che avrebbe riconosciuto come ebrei tutti i figli di matrimoni misti cresciuti ebrei, indipendentemente dalla religione della madre. Il movimento ricostruzionista adottò una politica simile tre anni prima, nel 1979.

Né l'Ortodossia né il movimento conservatore accettano la discendenza patrilineare e il rabbinato capo di Israele non riconosce gli ebrei patrilineari come ebrei. (Sebbene tali ebrei siano idonei a immigrare in Israele in base alla Legge del Ritorno, che richiede solo origini ebraiche, affrontano difficoltà nel sposare altri ebrei, nell'essere sepolti nei cimiteri ebraici e con altre questioni religiose. Per ulteriori informazioni su questo argomento e aiutare a navigare in questi questioni, fare clic qui.) Le opinioni divergenti su chi è un ebreo significano che gli ebrei patrilineari che desiderano partecipare a comunità ebraiche più tradizionali, sposare ebrei più tradizionali o immigrare in Israele spesso subiscono conversioni formali.

Leadership contro base

Tra le strette di mano e i dibattiti tra la leadership ebraica, un numero crescente di ebrei di base ha indicato di essere a proprio agio con i matrimoni misti. In uno studio del 2000 dell'American Jewish Committee, più della metà degli ebrei americani intervistati ha affermato di non essere d'accordo con l'affermazione, mi addolorerebbe se mio figlio sposasse un gentile, e il 50 per cento concordava sul fatto che è razzista opporsi ai matrimoni ebraici-gentili.

Inoltre, anche all'interno del movimento conservatore, dove i leader si erano espressi contro gli incontri e i matrimoni misti, uno studio del 2002 sugli ex alunni dei campi di Ramah dei movimenti ha rilevato che solo il 30 per cento usciva con soli ebrei.

LEGGI: ​​La guerra per i matrimoni misti è andata perduta. E adesso?

Entro il secondo decennio del 21 ° secolo, molti osservatori stavano suggerendo che le guerre di matrimoni misti erano finite e che i matrimoni misti avevano vinto.

Officiazione rabbinica ai matrimoni interreligiosi

A dire il vero, resta l'opposizione al matrimonio misto, in particolare tra gli ebrei più tradizionalisti che credono che violi la legge ebraica e minacci il futuro ebraico. Mentre molti rabbini riformatori e ricostruzionisti officiano matrimoni interreligiosi, un numero significativo non lo fa e pochi rabbini co-officiano con clero di altre fedi. Mentre una coorte crescente di rabbini all'interno del movimento conservatore sta cercando modi per accogliere le coppie sposate, il loro movimento impedisce loro ancora di officiare matrimoni interreligiosi. I rabbini ortodossi non officiano ai matrimoni interreligiosi.

LEGGI: ​​I rabbini dovrebbero dire di sì all'officiare ai matrimoni interreligiosi

Tuttavia, mentre la discussione comunitaria sui matrimoni misti era dominata da domande su come scoraggiare al meglio i giovani ebrei dal sposarsi (o, in una versione più positiva, come incoraggiarli a sposarsi all'interno della tribù), si è spostata in gran parte sul modo migliore coinvolgere gli ebrei e i loro partner nella vita ebraica e incoraggiarli a crescere bambini ebrei. Un numero crescente di leader ora parla dei matrimoni misti come di un'opportunità, piuttosto che di una minaccia o di una sfida.

LEGGI: ​​Un numero crescente di rabbini sono figli di matrimoni misti

Mentre alcuni studi demografici continuano a enfatizzare i pericoli dei matrimoni misti per la continuità ebraica, altri hanno indicato tendenze più positive per la comunità ebraica in particolare, un'analisi dello studio del Pew Research Centers 2013 sull'identità ebraica americana ha scoperto che un numero significativamente maggiore di figli adulti di matrimoni misti stanno scegliendo di identificarsi come ebrei ora rispetto al passato e, di conseguenza, negli ultimi due decenni i matrimoni misti potrebbero aver contribuito modestamente all'aumento della popolazione ebraica.

Sfide rimanenti per le famiglie interreligiose

Oggi la maggior parte delle sinagoghe non ortodosse e di altre istituzioni ebraiche affermano di accogliere famiglie interreligiose e incoraggiare i coniugi non ebrei interessati a partecipare pienamente alle loro attività, indipendentemente dal fatto che intendano o meno convertirsi.

Rimangono alcune restrizioni, i movimenti riformatori e conservatori non ordineranno rabbini sposati tra loro, sebbene nel 2015 il movimento ricostruzionista abbia revocato una politica che vieta i rabbini sposati. Inoltre, il movimento conservatore non riconosce ancora gli ebrei patrilineari ebrei, ma molti rabbini officiano ancora cerimonie bar/bat mitzvah o matrimoni ebraici di tali persone fintanto che subiscono prima una conversione pro forma. I partner non ebrei, in particolare quelli non bianchi, a volte denunciano una sottile discriminazione o sciovinismo ebraico in contesti ebraici o trovano scoraggiante quando i congregati o i rabbini presumono che tutti nella comunità siano ebrei. Inoltre, non tutte le sinagoghe ammettono partner non ebrei come membri ufficiali.

Indipendentemente dall'accoglienza che ricevono (o non ricevono) dal mondo ebraico, le coppie interreligiose devono ancora affrontare alcune sfide che le coppie ebraico-ebree non affrontano mentre affrontano spesso questioni emotive su come crescere i propri figli e quali tradizioni e festività vogliono osservare come una famiglia. Alcuni sperimentano anche tensioni o pressioni da parte di membri della parte non ebraica della famiglia.

LEGGI: ​​Risorse sul dilemma di dicembre per le famiglie interreligiose

Poiché i matrimoni misti sono diventati più comuni, le famiglie interreligiose non sono più una minoranza all'interno della comunità ebraica e coloro che desiderano essere coinvolti nella vita ebraica organizzata devono affrontare molte meno barriere di una volta. Tuttavia, questa popolazione deve ancora affrontare alcune sfide uniche e resta da vedere come gli alti tassi di matrimoni misti influenzeranno le dimensioni e il carattere della comunità ebraica americana a lungo termine.

Alcune risorse per le famiglie interreligiose

  • InterfaithFamily offre una varietà di servizi per coppie e famiglie interreligiose, incluso l'aiuto per trovare il clero ebraico per officiare o co-officiare ai matrimoni misti. Il suo sito web contiene centinaia di articoli e saggi sulla vita familiare interreligiosa e i suoi uffici locali a San Francisco, Filadelfia, Boston, Chicago, Los Angeles, Cleveland, Atlanta e Washington DC offrono corsi, incontri e altri eventi.
  • Honeymoon Israel offre tour israeliani di gruppo sovvenzionati per giovani coppie sposate (sotto i 40 anni), ebrei-ebrei e interreligiosi. L'obiettivo è accogliere tutte le coppie con almeno un partner ebreo nella comunità ebraica e aiutarle a connettersi con le altre coppie che vivono vicino a loro.
  • Per scoprire come un'ampia varietà di coppie interreligiose lo sta facendo funzionare, dai un'occhiata alla serie di foto di Kvellers Up Close che profila 20 famiglie.

Stai organizzando un matrimonio ebraico? Aiutiamoci! Iscriviti a Breaking the Glass, una serie di email che ti aiuterà a guidarti verso il matrimonio che fa per te!

menora

Pronunciato: muh-NOHR-uh, origine: ebraico, lampada o candelabro, spesso usato per riferirsi alla menorah di Hanukkah, o Hanukkiah.

Gli ebrei possono sposare i loro cugini di primo grado

Ciò che è chiaro è che nessuna opinione nel Talmud proibisce il matrimonio con una cugina o la figlia di una sorella (una classe di nipote), e addirittura raccomanda il matrimonio a quest'ultima, la relazione più stretta tra i due.

Può uno zio sposare sua nipote nel giudaismo

Nelle società che aderiscono a fedi ebraiche o cristiane, tali matrimoni erano talvolta consentiti. Il Talmud e il Maimonide incoraggiano i matrimoni tra zii e nipoti, sebbene alcune delle prime comunità religiose ebraiche, come i sadducei, credessero che tali unioni fossero proibite dalla Torah.

Puoi baciare prima del matrimonio nel giudaismo

La moglie di un uomo gli è permessa. Pertanto, un uomo può fare ciò che vuole con sua moglie. Può impegnarsi in relazioni ogni volta che lo desidera, baciare qualsiasi organo desidera, impegnarsi in rapporti vaginali o di altro tipo, o impegnarsi in intimità fisica senza relazioni, a condizione che non rilasci seme invano.

Può un uomo ebreo sposarsi senza ottenere

Se una persona era sposata con qualcuno del sesso opposto secondo la legge ebraica, quella persona non può risposarsi secondo la legge ebraica senza ottenere . Senza ottenere, sarebbe comunque considerato sposato secondo il diritto ebraico, anche se ha ricevuto il divorzio secondo il diritto statale (diritto civile).