Seleziona una pagina

I matrimoni misti sono stati a lungo al centro di coloro che si preoccupavano della continuità nella comunità ebraica. Ma che dire delle prossime generazioni? I figli ei nipoti dei coniugi? Praticano l'ebraismo? E, se sì, che forma assume la loro pratica? Le famiglie interreligiose sono state al centro di due inchieste del 2001 sulla formazione dell'identità religiosa; il seguente articolo illustra i risultati. È ristampato con il permesso di The Jewish Week.

Due nuovi sondaggi stanno facendo luce sulla vita religiosa delle famiglie interreligiose e dei loro figli, ma che tipo di luce dipende da quale parte del dibattito sui matrimoni misti ci si trova.

Sondaggi sui duelli

Un sondaggio sponsorizzato dall'American Jewish Committee ha rilevato che la grande maggioranza delle famiglie sposate miste che si identificano come ebree incorporano sostanziali celebrazioni cristiane nelle loro vite familiari, rispetto solo a una piccola percentuale di famiglie sposate.

Un sondaggio informale e auto-selezione del Jewish Outreach Institute su studenti universitari che sono il prodotto di matrimoni interreligiosi ha rilevato che il 64% degli intervistati è cresciuto ebreo (23% cristiano); che l'81% ora si identifica come ebreo (3% cristiano); e che il 69% frequenta le funzioni religiose ebraiche nel campus, mentre il 6% frequenta le funzioni cristiane. Il sondaggio è stato condotto in collaborazione con il gruppo studentesco Lights in Action.

L'AJCommittee sostiene l'approccio di sensibilizzazione, che promuove il matrimonio coniugale, mentre il JOI sostiene la filosofia di sensibilizzazione allinclusive.

I sondaggi, i primi in quasi due decenni, estendono l'ultimo sguardo alla formazione dell'identità religiosa nelle famiglie miste, che hanno rilevato che il 25 per cento dei bambini provenienti da famiglie interreligiose aveva un'identità esclusivamente ebraica. Quello studio è stato condotto per l'AJCommittee da Egon Mayer, ora direttore della ricerca per la JOI.

Il National Jewish Population Survey del 1990 ha mostrato che un terzo dei bambini in famiglie miste veniva allevato come ebrei. Nell'ultimo decennio, tuttavia, i programmi di sensibilizzazione gestiti dalla comunità ebraica sono stati un settore in crescita.

I nuovi sondaggi rivelano che la maggior parte dei bambini provenienti da famiglie interreligiose si identifica come ebrea quando raggiungono il college, ma che l'aspetto di quell'ebraismo potrebbe essere diverso da qualsiasi cosa mai vista.

L'AJCommittees Department of Contemporary Jewish Life, guidato da Steve Bayme, e la JOI sono impegnati in una tranquilla battaglia su quale approccio avrà il sopravvento sulle organizzazioni comunali e tra i filantropi. I leader di entrambi i gruppi credono che il loro sia l'unico approccio che assicurerà la continuità ebraica.

Forse non sorprende che i sondaggi delle due organizzazioni siano giunti a conclusioni divergenti sulla capacità dei matrimoni interreligiosi di produrre figli con forti identità ebraiche.

Lo studio dell'AJCommittee sulla formazione dell'identità religiosa nelle famiglie interreligiose è stato condotto dalla scienziata sociale Sylvia Barack Fishman della Brandeis University e ha incluso interviste a 254 persone in famiglie miste sposate, conviventi e di conversione. Lo studio, condotto tra la primavera e l'autunno del 2000, ha incluso anche quattro focus group di adolescenti cresciuti in famiglie interreligiose nel nord del New Jersey ea Denver, Colorado.

Il risultato dello studio dell'AJCommittee, secondo Barack Fishman, è che non sappiamo davvero quale sarà l'impatto di questa percentuale di bambini a cui è stata data chiaramente una doppia identità religiosa sulla più ampia comunità ebraica americana.

Nonostante tutte le nostre precedenti speranze e speculazioni che ci fosse una percentuale significativa di bambini in famiglie miste con un'identità esclusivamente ebraica, questa ricerca dimostra che non è così, ha detto.

Risultati

Alcuni risultati chiave dello studio AJCommittee:

Il 63 per cento dei bambini in famiglie miste viene allevato ebreo; il 4% viene cresciuto come cristiano; 19 per cento in due religioni; il 9 per cento divide i bambini, allevando alcuni come ebrei e altri come cristiani; Il 5 per cento alleva figli in nessuna delle due religioni dei genitori.

Le famiglie miste che inizialmente cercano di creare osservanze esclusivamente ebraiche spesso si spostano sempre di più nelle attività cristiane e possono finire con una sorta di miscela sincretistica.

Le madri ebree, in generale, creano molte più famiglie miste identificate dal punto di vista ebraico rispetto ai padri ebrei. Il 72% dei bambini cresciuti come ebrei ha una madre ebrea.

Molti partner ebrei in matrimoni misti riferiscono sentimenti di conflitto personale tra il loro desiderio di crescere figli ebrei e il loro desiderio di essere giusti con i loro coniugi.

I coniugi non ebrei che allevano figli ebrei spesso si sono trovati in seguito risentiti per il fatto di aver rinunciato al Natale e ad altre celebrazioni cristiane.

Sia gli ebrei che i non ebrei nei matrimoni misti tendono a descrivere le attività ebraiche come diverse o religiose mentre chiamano le attività cristiane semplicemente culturali e divertenti.

La religione dell'attuale coniuge è legata agli amici scelti al college.

I messaggi dei genitori contano. La maggior parte degli ebrei che hanno sposato altri ebrei avevano genitori che si aspettavano che le loro date fossero ebree. La maggior parte delle persone nello studio che si sono sposate tra loro hanno ricevuto poca o nessuna guida dai loro genitori. Pochi intervistati hanno segnalato un contraccolpo di risentimento contro i genitori che incoraggiavano a frequentare e sposare solo ebrei.

La pressione ha un effetto positivo dimostrato, ha detto Barack Fishman a The Jewish Week in un'intervista da Gerusalemme, dove era in anno sabbatico.

Molti genitori sono riluttanti a sollevare questo problema con i loro figli adolescenti e adulti, ha detto. Parlano ai loro figli di cose su cui provano sentimenti inequivocabili, di scegliere college e carriere, di droghe e di sesso. Ma molti genitori hanno interiorizzato l'idea che c'è qualcosa di sbagliato nell'incoraggiare i propri figli a frequentare esclusivamente ebrei e sposare ebrei, ha detto Barack Fishman.

Vedi la confusione dei genitori che si manifesta nei messaggi che vengono dati, e non dati, ai bambini. Quello che dicono fa una grande differenza.

La comunità ebraica ha davvero bisogno di iniziare a trasmettere questo messaggio, che i genitori devono pensare che sia abbastanza importante di cui parlare e di cui non si sentano ambivalenti, per parlare ai loro figli di varie età, proprio come parlano ai loro figli di sesso in vari età, ha detto.

Giovani adulti

Il sondaggio Web sui figli di matrimoni interreligiosi condotto da Lights in Action per il J0I ha ricevuto 205 risposte da studenti universitari dopo essere stato pubblicizzato l'anno scorso sui giornali dei campus della New York University, della Cornell e delle università della California a Berkley, Maryland, Michigan e Penn.

Questi giovani adulti hanno riferito che:

Il 58 per cento aveva un bar o bat mitzvah e il 17 per cento si battezzava.

Il 63% ha partecipato o sta attualmente partecipando a gruppi giovanili ebrei, mentre il 26% ha partecipato o partecipa attualmente a gruppi giovanili cristiani.

Quasi tutti gli intervistati95 per cento hanno affermato che le differenze religiose nella loro educazione hanno contribuito a sentirsi a disagio nelle sinagoghe.

Il 31 per cento desiderava di aver ricevuto più istruzione ebraica.

Il 20 per cento desidera essere stato educato in una sola fede, mentre il 15 per cento desidera essere stato educato in entrambe le fedi dei genitori.

Questi risultati riconoscono le sfide che sono implicite nel coltivare l'identità ebraica nel contesto del matrimonio interreligioso, ha affermato Kerry Olitzky, direttore esecutivo di JOI. Significa che la comunità potrebbe dover lavorare di più, ma che è anche possibile allevare bambini con forti identità ebraiche in famiglie interreligiose.

La ricerca del focusgroup dell'AJCommittees con adolescenti della stessa fascia di età ha scoperto che molti adolescenti di famiglie miste descrivevano confini religiosi fluidi nelle loro case, con le loro famiglie che celebravano le principali feste religiose sia del giudaismo che del cristianesimo.

Il messaggio è che la religione è una questione di scelta e una scelta che può essere fatta e cambiata tutte le volte che si desidera, ha affermato Barack Fishman nel suo rapporto. Ai bambini viene spesso inviato un chiaro messaggio che le scelte religiose non sono troppo serie o importanti.

Eppure i bambini a volte trovano l'espressione religiosa potente e significativa nonostante la casualità degli ambienti religiosi che li circondano, ha scritto. Ironia della sorte, l'ebraicità è percepita da alcuni adolescenti come preferibile al cristianesimo e anche preferibile al secolarismo o all'ateismo proprio perché è diverso.

Barack Fishman ha affermato che mentre la maggior parte dei figli di famiglie sposate miste può trovare l'ebraismo meno attraente a causa della sua marginalità, per alcuni adolescenti è la particolarità dell'ebraismo che li spinge a impegnarsi per un'identità ebraica.

Dobbiamo prendere sul serio l'imperativo di cercare di aumentare la possibilità che le persone sposino ebrei e stabiliscano famiglie ebraiche, ha affermato.

Come si cresce un figlio interreligioso

4 consigli per allevare bambini interreligiosi

  1. Prendi la decisione prima di dover prendere la decisione. Prima che arrivino i bambini, potresti scoprire che le reciproche differenze religiose si trasformano facilmente nella vita quotidiana.
  2. Comprendere la differenza tra religione e tradizione.
  3. Scegli una casa di culto.
  4. Prendi in considerazione la tua famiglia allargata.

Qual è il significato dell'interreligione

L'interreligione, nel suo senso più elementare, è quando persone o gruppi di diverse visioni e tradizioni religiose/spirituali del mondo si incontrano. Si usa anche 'interreligioso', poiché 'interreligioso' può connotare esclusivamente tradizioni abramitiche.

I matrimoni interreligiosi funzionano

Lo studio ha rilevato che il tasso di matrimoni interreligiosi in America è di circa il 42%. Ma, dice lo scrittore Stanley Fish, molte coppie di fedi diverse che decidono di sposarsi non sanno in cosa si stanno cacciando. "Le coppie interreligiose tendono a sposarsi senza pensare alle implicazioni pratiche delle loro differenze religiose.

Perché i matrimoni interreligiosi falliscono

Le famiglie e le comunità sono, secondo la mia esperienza, quelle da biasimare qui. Il senso di colpa, il disprezzo, il rifiuto e il disprezzo che attribuiscono alle coppie interreligiose possono, e spesso lo fanno, allontanarle facilmente. Quando la famiglia e gli amici del tuo coniuge ti disapprovano, hai dei veri ostacoli da superare.