Seleziona una pagina

Maimonide, noto anche come Rambam, era un codificatore legale ebreo, un filosofo e un medico. Ha anche scritto un commento sulla Mishnah in arabo. Nella sua introduzione a quel commento, Maimonide spiega la sequenza dei sei sedarim (ordini) della Mishnah trovando parallelismi tra l'ordine dei sedarim e diversi passaggi della Torah. Ristampato con il permesso di Maimonide Introduzione al suo commento alla Mishnah, tradotto e annotato da Fred Rosner, e pubblicato da Jason Aronson.

Quando l'autore della Mishnah ha considerato la sua redazione, ha ritenuto opportuno dividere quest'opera in sezioni e quindi l'ha divisa in sei sezioni.

La prima sezione tratta dei comandamenti relativi alle piante della terra come le leggi sulle miscele proibite, le leggi dell'anno sabbatico, l'Orlah (frutto proibito nei primi anni di produzione degli alberi), le offerte di elevazione, le decime e altre leggi dell'agricoltura i regali.

La seconda sezione tratta delle festività e delle feste, delle loro esigenze e delle loro diverse leggi, di ciò che è proibito, desiderabile e consentito in esse, e di quelle leggi e comandamenti che sono propriamente associati a ciascuna di queste festività.

La terza sezione si occupa delle relazioni coniugali e dell'enumerazione delle leggi relative ai rapporti tra uomini e donne come il matrimonio del Levirato, Halitzah (un fratello sopravvissuto che rifiuta di sposare la moglie del fratello defunto), il documento di accordo matrimoniale, fidanzamenti e divorzi e tutte le che si ritiene necessario precisare per ciascuno di tali commi.

La quarta sezione riguarda le leggi civili e penali, le controversie tra l'uomo e il prossimo, il commercio, i rapporti d'affari, le società immobiliari e simili.

La quinta sezione tratta dei sacrifici secondo le loro diverse leggi e la moltitudine di tipi.

La sesta sezione tratta la questione delle purificazioni e dei loro opposti.

Ognuna di queste sezioni è chiamata Seder (ordine). La prima sezione si chiama Seder Zeraim (semi, agricoltura), la seconda Seder Moed (tempi nominati), la terza Seder Nashim (donne), la quarta Seder Nezikin (danni), la quinta Seder Kodashim (cose sacre) e la sesta Seder Tohorot (purezze) .

[Rabbi Giuda il patriarca] iniziò con Seder Zeraim perché si tratta di leggi specificamente relative alle piante della terra, e le piante della terra rappresentano il sostentamento di tutte le creature viventi. Poiché non è possibile per l'uomo sopravvivere senza consumare cibo, gli sarebbe impossibile servire il Signore in qualsiasi modo. Pertanto, iniziò parlando di precetti riguardanti specificamente i prodotti della terra.

In seguito, discute di Seder Moed perché questa è la loro sequenza nella Torah, come è affermato: Sei anni seminerai la tua terra e raccoglierai il suo aumento; ma il settimo anno lo lascerai riposare e giacere a riposo (Esodo 23:10-11) e subito dopo è detto: Sei giorni farai il tuo lavoro (Esodo 23:12); e questo è seguito da: Tre feste mi celebrerai durante l'anno (Esodo 23:14).

Dopo di ciò ritenne opportuno far precedere le leggi delle donne alle leggi dei danni, per seguire l'approccio divino come nella sequenza delle Scritture che afferma, se un uomo vende sua figlia per essere una serva (Esodo 21:7) , E se gli uomini combattono e feriscono una donna incinta (Esodo 21:22) e solo allora si afferma; se un bue incorna un uomo (Esodo 21:28). Per questo motivo diede a Seder Nashim la precedenza su Seder Nezikin. Il Libro dell'Esodo contiene questi quattro soggetti, vale a dire gli argomenti di Seder Zeram, Seder Moed, Seder Nashim e Seder Nezikin.

Dopo aver descritto l'argomento del Libro dell'Esodo, passò quindi al Libro del Levitico, secondo la loro sequenza nella Torah. E dopo Seder Nezikin fondò Seder Kodashim e poi Seder Tohorot, perché questa è la loro sequenza nella Scrittura. Ha dato la precedenza alle leggi dei sacrifici sulle leggi delle contaminazioni e delle purificazioni, perché le purificazioni sono discusse per la prima volta nella parte della Scrittura: E avvenne l'ottavo giorno (Levitico 9:1ss, mentre i sacrifici sono descritti nei primi otto capitoli della Levitico).

Mishnah

Pronunciato: MISH-nuh, Origine: ebraico, codice di diritto ebraico compilato nei primi secoli dell'era volgare. Insieme alla Gemara, costituisce il Talmud.

Quante sezioni della Mishnah ci sono

La Mishna comprende sei sezioni principali, o ordini (sedarim), che contengono in tutto 63 trattati (massekhtaot), ognuno dei quali è ulteriormente suddiviso in capitoli.

Quanti ordini ci sono nella Mishna

La Mishna è divisa in sei Ordini (Sedarim): Zeraim [semi], leggi relative all'agricoltura; Moed [stagioni], leggi sull'osservanza del sabato e delle feste; Nashim [donne], leggi in materia di voti, matrimonio e divorzio; Nezikim [danni], leggi in materia civile e penale; Kodashim [cose sante],

Quali sono i 6 nomi del Talmud

La Mishnah (legge orale originale scritta) è divisa in sei parti che sono chiamate Sedarim, la parola ebraica per ordine(i).

  • Zera'im (Semi), riguarda le leggi sull'agricoltura, la preghiera e le decime.
  • Mo'ed (Festival), parla del sabato e delle feste.
  • Nashim (Donne), parla di matrimonio, divorzio e contratti – giuramenti.

Quante leggi ci sono nella Mishnah

Tuttavia, le 613 mitzvot non costituiscono un codice formale dell'attuale halakha. Codici di diritto successivi come Shulkhan Arukh e Kitzur Shulkhan Arukh non si riferiscono ad esso. Tuttavia, la Mishneh Torah di Maimonide è preceduta da un conteggio di 613 mitzvot.