Seleziona una pagina

La mensa

La mensa è un tributo a tutto ciò che è un campo notturno ebraico. Ospitato dalla Foundation for Jewish Camp (FJC), questo blog è scritto da campeggiatori, ex studenti, genitori e professionisti del campo ed è un luogo in cui parlare di genitorialità, divertimento del campo, progetti, artigianato, ricette e altro, tutti legati all'ebraismo vacanze, tradizioni e, naturalmente, campeggio!

Miriam Shwartz è la co-direttrice del JCC Ranch Camp nella Foresta Nera del Colorado.

Abbiamo appena superato i 10.000 piedi sul mio volo di ritorno in Colorado. Ho trascorso l'ultima settimana a conferenze in campeggio a New York e nel New Jersey e, sebbene sia esausta, sono anche rinvigorita ed entusiasta di tornare in ufficio e pianificare questa stagione estiva dei campi. La mia testa è piena di idee da condividere con la mia squadra del campo, oltre a domande difficili a cui dobbiamo rispondere per portare il nostro campo al livello successivo.


Negli ultimi giorni ho partecipato a circa 40 ore di seminari su una varietà di argomenti relativi alla gestione di un programma stellare (ebraico), ma qui voglio condividere con voi parte dell'apprendimento che ho portato via dall'ultimo presentazione a cui ho partecipato prima di uscire. A regalarlo è Molly Barker, la fondatrice di Girls on the Run, un programma nazionale che dà potere alle ragazze attraverso l'atto della corsa e della riflessione. Spero che tu possa trovare un significato in questo messaggio e che tu sia in grado di portare via qualcosa da incorporare nel tuo lavoro e/o nella tua vita familiare, come intendo fare io stesso.

Ecco il messaggio che mi ha colpito

Al centro, ognuno di noi ha una scintilla divina, un'energia che è unicamente nostra. Questo potrebbe essere indicato come la nostra neshama (anima) in ebraico. Troppo spesso lungo il nostro viaggio di vita, la nostra scintilla interiore viene sminuita da coloro che ci circondano come e dalla società nel suo insieme, che poi può lasciare il posto a un dialogo interiore negativo. Quello che dobbiamo fare e per cui lottare è trovare uno spazio nella nostra vita in cui tutti i nostri dovere e dovere di essere serviti dagli altri e da noi stessi cedano al nostro potere interiore. In altre parole, dobbiamo trovare la forza per non lasciare che gli altri definiscano lo spirito che è il nostro io.

Ecco alcuni principi su cui vivere da Molly e Girls on the Run:

  • Riconosci e dedica del tempo ai tuoi doni e talenti.
  • Circondati di altri che ti equilibrano e si complimentano con te.
  • Abbraccia il flusso e riflusso della vita.
  • Crea uno spazio intenzionale per il tuo lavoro e la tua vita personale.

Credo che questi principi siano realmente vissuti all'interno dell'ambiente del campo. Spesso sento il personale e i campeggiatori dire che amano il campeggio perché è un luogo in cui possono essere semplicemente se stessi. Al campo, sia i campeggiatori che il personale sono in grado di entrare in sintonia con la loro essenza fondamentale, il loro neshama; siamo in grado di fornire un luogo in cui le persone sentono che la loro scintilla interiore non solo è riconosciuta, ma è nutrita per brillare. Anche se ci sono molte grandi abilità e cose da portare a casa che il campo offre, credo che questa sia forse l'abilità più importante di tutte.

Qual è il significato di neshama

Sostantivo. neshama (neshamas plurale) (ebraismo) L'anima. (Ebraismo) Uno degli aspetti cabalistici dell'anima, relativo all'intelletto e alla consapevolezza di Dio.

Neshama è un vezzeggiativo

È un termine affettuoso, usato più o meno allo stesso modo di motek o neshama. Motek/Mami – le versioni ebraiche di "tesoro" e "miele". Neshama – un modo comune e affettuoso per rivolgersi o salutare qualcuno vicino a te, neshama significa letteralmente "anima".

Qual è la differenza tra Ruach e Neshama

Come spiega Paul MacDonald, mentre neshamah significa "il respiro di un essere animale", ruach si riferisce al "potere o forza dietro il vento o il respiro".

Come si scrive neshama in ebraico

נשמה – anima – Tavole di coniugazione ebraiche.