Seleziona una pagina

Il Bedtime Shema o Kriat Shema al Hamitah , è una versione estesa della tradizionale preghiera Shema e viene recitato prima di andare a dormire. (La maggior parte dei siddur, o libri di preghiere, hanno il testo completo elencato nella sezione Weekday Maariv). La Torah prescrive di recitare lo Shema quando ci si corica e quando ci si alza (Deuteronomio 6:7, 11:9).

Al giorno d'oggi, questo si manifesta nell'inclusione della preghiera nei servizi Shachrit (mattina) e Maariv (sera). Tuttavia, in epoca rabbinica si sviluppò un'ulteriore pratica di recitare lo Shema prima di andare a dormire.

Di seguito è riportato il testo inglese completo di Bedtime Shema e un video di un'interpretazione musicale di Bedtime Shema, seguito da una spiegazione delle origini e dello sviluppo delle preghiere.


Trova il testo ebraico completo del Bedtime Shema su Sefaria.


Testo di Bedtime Shema in traduzione inglese

( Ristampato con il permesso di The Rabbinic Assembly da Siddur Sim Shalom: A Prayerbook for Shabbat, Festivals and Weekdays [1985], pp. 245-249)

Lodato sei tu, Signore nostro Dio, Re dell'universo, che porti il ​​sonno ai miei occhi, il sonno alle mie palpebre. Possa essere la tua volontà, Signore mio Dio e Dio dei miei padri, che io mi corichi in pace e che mi alzi in pace. Lascia che il mio sonno sia indisturbato da pensieri inquietanti, brutti sogni e piani malvagi. Possa io avere una notte di sonno tranquillo. Possa io risvegliarmi alla luce di un nuovo giorno, affinché i miei occhi possano contemplare lo splendore della tua luce. Lodato sei tu, Signore, la cui gloria illumina il mondo intero.

Dio è un Re fedele.

Ascolta, o Israele: il Signore nostro Dio, il Signore è Uno.

Sia lodato la Sua gloriosa sovranità per tutto il tempo.

Ama il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutte le tue forze. E prenderai a cuore queste parole che ti comando oggi. Li insegnerai diligentemente ai tuoi figli. Le reciterai a casa e fuori, mattina e sera. Li legherai come un segno sulla tua mano, saranno un simbolo sopra i tuoi occhi e li inscriverai sugli stipiti delle tue case e sulle tue porte. (Deuteronomio 6:4-9)

Aiutaci, Padre nostro, a coricarci in pace; e risvegliaci alla vita, nostro Re. Stendi su di noi il tuo rifugio di pace, guidaci con il tuo buon consiglio. Salvaci per la tua misericordia. Proteggici dai nemici e dalla pestilenza, dalla fame, dalla spada e dal dolore. Allontana le forze del male che ci circondano, proteggici all'ombra delle tue ali. Tu, o Dio, custodiscici e liberaci. Sei un re misericordioso e misericordioso. Custodisci il nostro venire e il nostro andare, donaci vita e pace, ora e sempre.

Lodato il Signore di giorno e lodato di notte, lodato quando ci corichiamo e lodato quando ci alziamo. Nella tua mano sono le anime dei vivi e dei morti, la vita di ogni creatura, il respiro di ogni carne. Nella tua mano affido il mio spirito: mi riscatterai, Signore Dio della verità. Nostro Dio in cielo, afferma l'unità del tuo governo; afferma la tua sovranità e regna su di noi per sempre.

Possano i nostri occhi guardare, i nostri cuori si rallegrino e le nostre anime si rallegrino per la nostra sicura liberazione, quando si dirà a Sion: Il tuo dio è re. Il Signore è Re, il Signore era Re, il Signore sarà Re in ogni tempo. Tutta la sovranità è tua; per tutta l'eternità solo tu regni nella gloria, solo tu sei il re. Lodato sei Tu, Signore e Re glorioso, eterno Sovrano su di noi e su tutta la creazione.

(Questi versetti biblici ricordano le benedizioni e la protezione di Dio nei tempi antichi 🙂

Allora Giacobbe disse: L'angelo che mi ha riscattato da ogni male benedica i ragazzi. Possano portare avanti il ​​mio nome e il nome dei miei padri, Abramo e Isacco. Possano diventare una moltitudine brulicante sulla terra. E Dio disse: Se ascolterai diligentemente la voce del Signore tuo Dio, facendo ciò che è giusto ai Suoi occhi, ascoltando le Sue mitzvot e osservando tutte le Sue leggi, allora non ti infliggerò nessuna delle malattie che ho portato su gli Egiziani, perché io, il Signore, sono il tuo guaritore. L'angelo del Signore disse a Satana: Il Signore ti rimproveri, Satana. Ti sgridi il Signore che ha scelto Gerusalemme. Quest'uomo non è un marchio strappato dal fuoco? Ecco Salomone portato nella sua cucciolata sessanta degli eroi d'Israele sono la sua scorta. Tutti loro sono abili spadaccini, tutti addestrati alla guerra, ognuno con la sua spada pronta a scongiurare ogni pericolo della notte. Il Signore ti benedica e ti protegga. Possa il Signore mostrarti grazia ed essere gentile con te. Il Signore ti mostri gentilezza e ti dia pace.

Il Guardiano d'Israele non dorme né dorme.

Aspetto la tua liberazione, o Signore.

Il Signore eterno regnò prima della nascita di ogni essere vivente.

Quando tutto fu fatto come Egli aveva ordinato, allora solo Lui era conosciuto come Re.

Quando tutto sarà finito, regnerà solo in una maestà tremenda.

Egli era, Egli è e sarà, glorioso nell'eternità.

Ineguagliabile e unico è Lui, senza nulla da confrontare.

Senza inizio e senza fine. Il suo vasto dominio non è condiviso.

Egli è il mio Dio, il redentore della mia vita, il mio rifugio nell'angoscia.

Il mio rifugio certo, la mia coppa di vita, la sua bontà senza limiti.

Affido il mio spirito alle sue cure, quando mi sveglio come quando dormo.

Dio è con me. Non temerò, corpo e spirito nella Sua custodia.

Bedtime Shema per bambini piccoli in traduzione inglese

( Ristampato con il permesso di The Rabbinic Assembly da Siddur Sim Shalom: A Prayerbook for Shabbat, Festivals and Weekdays [1985], p. 249)

Ascolta, o Israele: il Signore nostro Dio, il Signore è Uno.

Lodato il Signore di giorno e lodato di notte,

lodato quando ci corichiamo e lodato quando ci alziamo.

Affido il mio spirito alle sue cure, quando mi sveglio come quando dormo.

Dio è con me, non avrò paura, corpo e spirito nella sua custodia.

Interpretazione musicale dello Shema della buonanotte

Fonti talmudiche per lo Shema della buonanotte

La fonte dello Shema prima di coricarsi può essere trovata nel Talmud, dove il rabbino Yehoshua ben Levi afferma che si dovrebbe recitare lo Shema prima di coricarsi, anche se veniva recitato anche con le preghiere serali (Berakhot 4b). Nello spiegare la fonte biblica della pratica, Rav Assi porta un versetto del libro dei Salmi, Quindi trema e non peccare più; meditalo sul tuo letto e sospira (Salmi 4:5).

La notte era considerata un momento di vulnerabilità, quando la propria anima tornava a Dio. Nel tentativo di comprendere la motivazione per dire lo Shema in questo momento, Rav Yitzchak afferma: Se uno recita lo Shema prima di andare a letto, i demoni sono tenuti lontani da lui (Berakhot 5a). Il consenso generale dei rabbini dal tempo del Talmud al tempo dei codici halakhici (legali) è che recitare questo Shema offre non solo lode a Dio, ma una richiesta di protezione di Dio dai pericoli e dai demoni che possono emergere di notte.

Durante il periodo geonico, il siddur (libro di preghiere) di Rav Amram Gaon del IX secolo registra che si dovrebbe recitare una liturgia significativamente più lunga piuttosto che semplicemente la prima riga dello Shema. Questa forma più lunga divenne la base per il tradizionale Shema prima di coricarsi usato ancora oggi. Tuttavia, quando si discute della natura del Kriat Shema al Hamitah, Rav afferma che una persona può semplicemente recitare la prima riga dello Shema e adempiere all'obbligo per l'intero Shema della buonanotte (Berakhot 13b), e questa è diventata una pratica popolare.

Selezioni liturgiche

La versione estesa dello Shema della buonanotte è composta da una combinazione di selezioni dalle preghiere quotidiane, in particolare dal servizio di Maariv, intervallate da versetti biblici e altre liturgie prescritte. Molti dei brani recitati sono tratti dai commentari dello Shema prima di coricarsi nel Talmud.

Dopo un passaggio introduttivo in cui si informa Dio che perdonerà chiunque abbia fatto un torto a quella persona durante il giorno, la preghiera inizia con una benedizione ordinata dai rabbini del Talmud, Birkat HaMapil, o la benedizione di colui che porta uno fino a dormire. La preghiera afferma: Lodato sei tu, Adonai nostro Dio, che governa l'universo, portando il sonno ai miei occhi e il sonno alle mie palpebre (Berakhot 60b). Chiede anche a Dio di proteggere l'individuo affinché possa coricarsi in pace e arrivare in pace, sperando che il giorno successivo porti nuova luce, perché la gloria di Dio illumina il mondo intero.

La sezione centrale inizia la tradizionale prima riga dello Shema. È seguito dal primo paragrafo completo, noto (per la sua prima parola) come Vahavta, seguito da altri passaggi liturgici del servizio Maariv. Questi includono la maggior parte della preghiera Hashkiveinu, che chiede protezione, così come parti di Barukh Adonai LOlam. L'unico tema costante tra i versetti è l'idea che Dio dovrebbe proteggerci quando ci alziamo e ci sdraiamo, senza dubbio portando l'attenzione sul fatto che il sonno è uno stato di transizione.

Temi biblici nello Shema della buonanotte

L'ultimo pezzo dello Shema della buonanotte contiene una serie di versetti biblici che invocano la benedizione e la protezione di Dio. Il più notevole è la benedizione di Jacobs ai suoi nipoti Ephraim e Menashe, Possa l'angelo che mi ha redento dal male, benedica questi ragazzi. Possano portare avanti il ​​mio nome e quindi il nome dei miei antenati, Abramo e Isacco. Possano diffondersi in lungo e in largo sulla terra (Genesi 48:16).

Altri versetti biblici offrono una speranza simile per la protezione di Dio in un momento di debolezza. La sezione si conclude con una serie di versetti recitati tre volte ciascuno, inclusa la tradizionale benedizione sacerdotale che viene utilizzata anche nella benedizione dei genitori per i loro figli la sera dello Shabbat (Numeri 6:24-26).

Dopo le parti principali dello Shemà prima di coricarsi, la liturgia si conclude con Adon Olam, comunemente noto per la sua recita alla fine dei servizi sinagogali. Questa aggiunta non si trova nei primi testi dello Shema della buonanotte, ma il rabbino e storico tedesco Ismar Elbogen concluse che Adon Olam fosse una preghiera notturna più antica. La sua ultima riga riassume il tema che si trova durante lo Shema prima di coricarsi: Quando dormo, come quando mi sveglio, Dio è con me; Io non ho paura.

Condividere

>

Adonai

Pronunciato: ah-doe-NYE, Origine: ebraico, nome di Dio.

Shabbat

Pronunciato: shuh-BAHT o shah-BAHT, Origine: ebraico, il Sabbath, dal tramonto del venerdì al tramonto del sabato.

Shema

Pronunciato: shuh-MAH o SHMAH, ortografia alternativa: Shma, Shma, origine: ebraico, la preghiera centrale del giudaismo, proclamando che Dio è uno.

siddur

Pronunciato: SIDD-ur o seeDORE, Origine: ebraico, libro di preghiere.

Talmud

Pronunciato: TALL-mud, Origine: ebraico, l'insieme degli insegnamenti e dei commenti alla Torah che costituiscono la base della legge ebraica. Composto dalla Mishnah e dalla Gemara, contiene le opinioni di migliaia di rabbini di diversi periodi della storia ebraica.

Torah

Pronunciato: TORE-uh, Origine: ebraico, i cinque libri di Mosè.

È lo Shema della buonanotte nella Bibbia

Shemà della buonanotte

Prima di andare a dormire si recita il primo paragrafo dello Shema. Questo non è solo un comandamento dato direttamente nella Bibbia (in Deuteronomio 6:6-7), ma è anche alluso da versetti come "Comunisci con il tuo cuore sul tuo letto" (Salmi 4:4).

Qual è la preghiera Shema in inglese

Ascolta, o Israele: il Signore è il nostro Dio, il Signore solo. Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutte le tue forze. Conserva nel tuo cuore queste parole che oggi ti comando.

Qual è la preghiera della buonanotte

Ora mi metto a dormire, prego il Signore che la mia anima mi custodisca, mi guardi e mi protegga per tutta la notte, e svegliami con la luce del mattino. Dio onnipotente, raggiante di luce, fa risplendere su di me la tua bontà.

Come si dice la preghiera Shema