Seleziona una pagina

Ristampato con il permesso di The JPS Guide to American Jewish History ( Jewish Publication Society ).

Il periodo dal 1881 allo scoppio della prima guerra mondiale segnò un periodo di organizzazione in generale per gli ebrei in America. Il semplice aumento della popolazione ebraica, con esigenze sociali, religiose ed economiche senza precedenti, richiedeva un nuovo modello di leadership comunitaria. Il modello autocratico europeo di leadership comunitaria non funzionerebbe in una società democratica. La fornitura frammentata di servizi sociali alla comunità di immigrati in espansione ha portato a duplicazioni e contese.

Al servizio dei bisogni comuni

Con l'inizio del secolo, gli aiuti arrivavano da un gran numero di agenzie filantropiche, prima da quelle fondate da ebrei ricchi e affermati e poi da europei dell'est che avevano iniziato ad avere successo in America. Una volta che si sono sentiti stabiliti ea proprio agio nella loro nuova patria, si sono uniti per aiutare i fratelli appena arrivati. Hanno creato le proprie istituzioni a New York, tra cui la Hebrew Sheltering Home e il Beth Israel Hospital.

Fuori New York, i dibattiti sul servizio ai bisogni degli immigrati hanno consumato le comunità ebraiche in tutto il paese. In che misura le organizzazioni comunali ebraiche esistenti erano responsabili dei bisogni dei nuovi arrivati? A Boston, la capacità della United Hebrew Benevolent Association di fornire un aiuto finanziario significativo fu rapidamente superata dal numero di immigrati, che nel 1900 aveva quasi triplicato la popolazione ebraica della città.

Lavorando insieme, la popolazione ebraica tedesca consolidata e gli europei dell'Est sbarcati in precedenza hanno istituito agenzie che hanno collaborato tra loro per aiutare i nuovi arrivati. Le crescenti esigenze di raccolta fondi e coordinamento di disparate agenzie umanitarie portarono alla formazione del movimento della Federazione ebraica a Boston (nel 1895) e in altre città.

Aiutare gli immigrati

La più importante delle organizzazioni di auto-aiuto fu fondata nel 1909. Filiali dell'organizzazione furono aperte nelle principali città, con rappresentanti HIAS ai moli e alle stazioni ferroviarie per accogliere gli immigrati e guidarli attraverso la burocrazia spesso confusa e talvolta pericolosa.

David Alpert, il direttore del BIAS di Boston, intrattenne buoni rapporti con i funzionari dell'immigrazione e in un anno, il 1913, riferì che di 5.386 immigrati ebrei a Boston solo 148 furono esclusi. La società ha fornito un rifugio temporaneo sicuro, un pasto kosher e, cosa più importante, la capacità di rappresentare i nuovi arrivati ​​davanti alle autorità di immigrazione.

A New York, il rabbino riformista Judah Magnes guidò la lotta per "sviluppare una vera comunità ebraica". Il nome dell'organizzazione ombrello che alla fine è emersa era la Kehillah (la comunità), basata sul modello di kehillah di molte comunità ebraiche dell'Europa orientale familiari ai recenti immigrati. Questo tentativo ha unito gli abitanti dei quartieri alti e quelli del centro in una difficile alleanza per fornire una struttura di governo alla comunità ebraica di New York.

Di primaria preoccupazione all'epoca era la condizione spaventosa degli ebrei indigenti appena arrivati ​​dall'Europa, che vennero in America con il sogno di una vita migliore ma si trovarono invece in situazioni che mettevano in pericolo non solo la loro salute, ma la loro stessa sopravvivenza. Nel 1917, dopo alcuni successi iniziali, in particolare nella riforma dell'istruzione e nella lotta alla criminalità, la Kehillah fu assorbita dalla Federazione per il sostegno delle società filantropiche ebraiche di New York.

Definizione dell'identità ebraica

Fu nell'area dell'educazione ebraica che la Kehillah lasciò un segno indelebile assumendo l'educatore Samson Benderly per dirigere il suo Bureau of Jewish Education. "Quello che vogliamo in questo paese", ha dichiarato Benderly, "non sono ebrei che possano mantenere con successo la loro ebraicità in pochi grandi ghetti, ma uomini e donne che sono cresciuti in libertà e possono affermarsi dove sono".

Sostenendo la visione quasi universale dei fondatori della Kehillah nei quartieri alti, Benderly ha esortato i genitori a sostenere le scuole pubbliche ea considerare le scuole diurne un danno al rafforzamento dell'esperienza ebraica in America.

In un certo senso, la Kehillah di New York si era ispirata al modello americano delle federazioni di comunità ebraiche organizzate per la prima volta a Boston. Lo scopo era quello di fornire un'unica agenzia di raccolta fondi in ogni comunità per eliminare la duplicazione degli sforzi da parte di organizzazioni caritative e culturali disparate che erano sorte nel corso degli anni. La federazione locale non solo ha ridotto i costi di raccolta fondi dei singoli enti di beneficenza, ma ha anche portato alla formazione di un'organizzazione ombrello per coordinare le buone opere di gruppi separati.

Tutte le federazioni locali che si sono formate in tutto il paese hanno potuto fare ciò che nessuna singola agenzia potrebbe fare; potrebbero esaminare congiuntamente i requisiti e valutare i servizi di tutte le agenzie partecipanti e assegnare i fondi dove i bisogni erano più urgenti e dove si poteva avere il maggiore impatto.

I primi leader della Federazione svilupparono metodi di raccolta fondi unici che si basavano sulla sollecitazione personale di amici e colleghi di lavoro, metodi ancora in uso oggi. Nel giro di decenni, le federazioni erano diventate gli "indirizzi centrali" per le rispettive comunità ebraiche.

kosher

Pronunciato: KOH-sher, Origine: ebraico, aderente al kashrut, le leggi alimentari ebraiche tradizionali.

Come si chiama una comunità ebraica

Tuttavia, ogni denominazione comprende se stessa come parte di una più ampia comunità ebraica, che chiamiamo con il suo termine ebraico, Klal Yisrael, letteralmente "la Comunità di Israele".

Quali sono i 4 gruppi nel giudaismo

Un nuovo sondaggio del Pew Research Center rileva che quasi tutti gli ebrei israeliani si identificano con uno dei quattro sottogruppi: Haredi ("ultra-ortodossi"), Dati ("religiosi"), Masorti ("tradizionali") e Hiloni ("secolare") .

Quante organizzazioni ebraiche ci sono

Rappresentiamo con orgoglio 146 Federazioni indipendenti e una rete di 300 comunità più piccole in tutto il continente.

Qual è la struttura organizzativa del giudaismo

L'ebraismo non è gerarchico. Non c'è nessun rabbino capo negli Stati Uniti o in nessuna città degli Stati Uniti Il sabato è il Jewish Sabbath ( Shabbat in ebraico e Shabbos in yiddish), il giorno di riposo.