Seleziona una pagina

Rabbini Senza Frontiere

Rabbis Without Borders è un forum dinamico per esplorare le questioni contemporanee nel mondo ebraico e oltre. Scritto da rabbini di diverse denominazioni, punti di vista e parti del paese, Rabbis Without Borders è un progetto di Clal The National Jewish Center for Learning and Leadership.

Shavuot è diventato il Rodney Dangerfield delle festività ebraiche. Non ottiene rispetto. Forse anche peggio del non ottenere il rispetto che merita questa festa, è spesso completamente ignorata dalla comunità ebraica.

Mentre Shavuot è uno dei tre festival di pellegrinaggio insieme a Pasqua e Sukkot, sembra passare in secondo piano nell'importanza della vita di molti popoli ebrei. Anche se nessuna famiglia ebrea americana permetterebbe che il Memorial Day o il Fathers Day trascorrano senza una corretta osservanza, Shavuot semplicemente non sembra tenere conto delle vite di molte famiglie ebree non ortodosse. Quest'anno, Shavuot è arrivato in ritardo sul calendario, proprio lo scorso fine settimana dopo che molte scuole ebraiche diurne e sinagoghe ebraiche avevano già concluso l'anno. Anche negli anni bisestili, come l'attuale anno solare ebraico, Shavuot arriva troppo presto per ricevere un trattamento adeguato nei campi estivi ebraici, che storicamente hanno insegnato ai giovani ebrei a osservare Tisha BAv.

Chiedi alla maggior parte degli ebrei di identificare quale festa è quella con matzah e diranno tutti Pasqua. Chiedi loro qual è quella quando costruiamo capanne temporanee nel cortile sul retro dove mangiare per una settimana e identificheranno correttamente Sukkot. Chiedi loro qual è la festa in cui celebriamo la ricezione della Torah e alcuni potrebbero rispondere Simchat Torah, il secondo giorno di Shemini Atzeret quando torniamo di nuovo all'inizio delle letture settimanali della Torah (in Israele, Simchat Torah è Shemini Atzeret). Anche le festività ebraiche di minore importanza come Hanukkah e Purim ricevono molta più attenzione di Shavuot.

Quest'anno, ho davvero notato come Shavuot stia perdendo l'osservanza nel mondo ebraico non ortodosso. Mentre ho assistito al calo delle presenze a Shavuot negli ultimi dieci anni, quest'anno ho effettivamente sentito da amici ebrei (e persino colleghi) che Shavuot non è nel radar di molti ebrei. Nonostante sia caduto di sabato sera quest'anno, quando è difficile trovare una scusa per non andare in sinagoga e rimanere alzati fino a tardi per imparare la Torah, molti ebrei hanno evitato questa tradizione annuale. Il primo giorno (gli ebrei riformati nella diaspora e gli ebrei israeliani osservano solo un giorno di Shavuot) si è verificato una domenica in cui le famiglie non dovevano lavorare o andare a scuola eppure ho sentito da rabbini di tutto il paese che quest'anno la partecipazione era davvero bassa a Servizi Shavuot.

Inoltre, sono rimasto sorpreso dal fatto che quest'anno a Shavuot mi sia perso giocare in un triplo colpo di testa di softball (sì, tre partite) con la mia squadra. E gioco nel campionato Bnai Brith! Quando ho detto ai miei compagni di squadra che mi sarei perso tutte e tre le partite (un double-header più un gioco di trucco a pioggia) a causa di Shavuot, ho avuto sguardi vuoti. Questi sono tutti uomini ebrei che non avrebbero mai pensato di perdere i servizi di Rosh Hashanah o un seder pasquale.

In uno dei momenti più ironici della mia vita, ho appreso che un'uscita di golf di beneficenza in cui gioco spesso si sarebbe svolta il secondo giorno di Shavuot quest'anno. L'uscita, una raccolta fondi per la Michigan Jewish Sports Foundation, si chiama The Hank Greenberg Memorial Golf Invitational. È in memoria di Hank Greenberg, il giocatore della Hall of Fame Detroit Tigers che notoriamente evitò di giocare una partita importante a fine stagione perché caduta su Rosh Hashanah. Greenberg ha scelto di andare in sinagoga piuttosto che unirsi ai suoi compagni di squadra per la partita. Quando ho parlato con il direttore di questa organizzazione, ha spiegato che non avevano altra scelta che programmare l'uscita di golf a Shavuot quest'anno per soddisfare il programma del figlio di Hank Greenberg, Steve. Ho conosciuto Steve Greenberg nel corso degli anni ed è un uomo meraviglioso e un leader visionario nel mondo dello sport professionistico. Tuttavia, l'ironia non è stata persa su di me. Hank Greenberg ha messo al primo posto una festa ebraica e ora l'Hank Greenberg Memorial Golf Invitational si svolgerà in una festa ebraica. Naturalmente, questo non ha impedito a dozzine di uomini ebrei, tra cui l'ex giocatore di baseball ebreo della Major League Shawn Green e un nuovo giocatore ebreo della squadra di football dei Detroit Lions, Geoff Schwartz, dal giocare in una partita di golf. Sono sicuro che la maggior parte dei partecipanti non si è nemmeno resa conto che si trattava di una grande festa ebraica.

In molte sinagoghe del paese, so che i servizi di Shavuot il primo giorno di vacanza sono stati relegati nella cappella piuttosto che nel santuario più grande. Anche se il primo giorno di Shavuot era una domenica in cui la maggior parte delle persone non lavorava e i bambini non andavano a scuola, nella mia sinagoga ci siamo incontrati nella cappella, non c'erano bambini presenti e i dirigenti della sinagoga erano entusiasti che ci fossero oltre 30 persone in più di l'affluenza prevista di appena 20 persone. In un tipico Shabbat ce ne sono più di 100 ea Rosh Hashanah ce ne sono oltre 600. Per fortuna, il secondo giorno di Shavuot c'è un servizio di Yizkor (memoriale) che garantisce più persone presenti.

La conclusione è che Shavuot è una festa molto importante nel calendario ebraico. È la commemorazione della nostra ricezione della Torah da Dio al Sinai. Contiamo ogni notte dalla Pasqua fino al 49° giorno perché vogliamo prepararci per Shavuot. Dopotutto, è la base della nostra fede la Torah, che studiamo e che aiuta a guidare le nostre vite attraverso la legge e la tradizione. Sono frustrato dal fatto che non prestiamo a Shavuot l'attenzione e il rispetto che merita davvero. L'anno prossimo, riimpegniamoci all'osservanza di Shavuot. Riceverai anche una deliziosa cheesecake!

Hanukka

Pronunciato: KHAH-nuh-kah, anche ha-new-KAH, una festa di otto giorni che commemora la vittoria dei Maccabei sui Greci e la successiva ridedicazione del tempio. Cade nel mese ebraico di Kislev, che di solito corrisponde a dicembre.

Purim

Pronunciato: PUR-im, la festa dei lotti, origine: ebraico, festa gioiosa che racconta la salvezza degli ebrei da un minacciato massacro durante il periodo persiano.

Rosh Hashanah

Pronunciato: roshe hah-SHAH-nah, anche roshe ha-shah-NAH, Origine: ebraico, il capodanno ebraico.

Shabbat

Pronunciato: shuh-BAHT o shah-BAHT, Origine: ebraico, il Sabbath, dal tramonto del venerdì al tramonto del sabato.

Shavuot

Pronunciato: shah-voo-OTE (oo come in boot), anche shah-VOO-us, Origine: ebraico, la festa che celebra la consegna della Torah al monte Sinai, cade nel mese ebraico Sivan, che di solito coincide con maggio o Giugno.

Torah

Pronunciato: TORE-uh, Origine: ebraico, i cinque libri di Mosè.

Le persone lavorano durante Shavuot

Alcuni ebrei prendono parte delle loro vacanze annuali in questo periodo dell'anno, quindi non hanno bisogno di lavorare a Shavuot. Alcune fonti affermano che, secondo l'usanza ebraica, nessun lavoro è consentito a Shavuot tranne cucinare, cuocere al forno, trasferire il fuoco e trasportare oggetti o attrezzature.

Puoi lavorare il secondo giorno di Shavuot

Il secondo giorno di Shavuot è un giorno festivo? Sebbene il secondo giorno di Shavuot non sia un giorno festivo, le aziende e le scuole potrebbero essere chiuse perché cade nella stessa data del lunedì di Pentecoste nel 2022.

Shavuot è un giorno festivo non lavorativo

Come si festeggia Shavuot? Shavuot si osserva astenendosi dal lavoro e partecipando ai servizi della sinagoga.

Cosa puoi fare a Shavuot

Oggi celebriamo Shavuot andando in sinagoga per ascoltare i 10 comandamenti, consumando pasti festivi a base di latticini, rimanendo svegli tutta la notte per imparare e leggere il Libro di Ruth. I pasti e la frequenza alla sinagoga sono consuetudine per ogni festività ebraica.