Seleziona una pagina

Rabbini Senza Frontiere

Rabbis Without Borders è un forum dinamico per esplorare le questioni contemporanee nel mondo ebraico e oltre. Scritto da rabbini di diverse denominazioni, punti di vista e parti del paese, Rabbis Without Borders è un progetto di Clal The National Jewish Center for Learning and Leadership.

Mi è stato appena diagnosticato un cancro al seno. Quindi, c'è quello. In un certo senso, non è certo una sorpresa dato che mia madre è morta di cancro al seno e a una delle mie sorelle è stato diagnosticato quando aveva 40 anni. Ci sono 5 donne in 3 generazioni nella mia famiglia, ora inclusa me, che hanno o hanno avuto un cancro al seno. La buona notizia è che ho tutte le ragioni per credere che sarò un sopravvissuto. Hanno preso il cancro presto. La massa è piccola. È una prognosi eccellente. Credo che seguirò le orme di mia sorella e avrò una lunga vita davanti a me con mio marito e i miei figli. Ti prego, Dio, prego continuamente.

Mentre i dottori sono ottimisti, non camminano nei miei panni. Non hanno visto mia madre soffrire quando il cancro ha metastatizzato il suo fegato e poi la sua colonna vertebrale. Non l'hanno vista morire in ospedale, seduti con lei, tenendole la mano. Non l'hanno addolorata, l'hanno ancora addolorata, come faccio io oggi. Penso di aver sempre aspettato una diagnosi. Ora che è successo, provo un misto di paura, ansia e sollievo. Ora tocca a me nella nostra famiglia combattere questa lotta. E combatterò. E trarrò vantaggio dalla forza della mia famiglia, dei miei amici e dei miei colleghi. Sono umiliato dalle loro offerte di sostegno e dalle loro preghiere. Tante preghiere. Ti prego, Dio, prego continuamente.

Prego per la mia salute e benessere futuri. Prego per mio marito che abbia forza continua e buona salute. Prego per i miei figli affinché crescano in un mondo sicuro. Prego che abbiano una vita lunga e sana, piena di gioia e amore. E penso a cosa voglio che sia la mia eredità.

Ho sempre pianificato questo momento, in un certo senso. In occasione della nascita di ciascuno dei miei figli, ho scritto loro una lettera. Volevo che leggessero quando erano più grandi della gioia e dell'amore che provo per loro come loro madre. Ho messo le lettere in un posto sicuro e ho deciso di scriverne una nuova in occasioni significative. Al momento della nuova occasione, do loro la vecchia lettera che ho scritto in precedenza e ne scrivo una nuova da salvare e consegnare al momento della prossima occasione speciale. Una nuova tradizione intrisa di fede, amore e speranza. Voglio che i miei figli sappiano sempre quanto sono fantastici e quanto li amo.

Un giorno, tra molti, molti, molti anni, spero che la mia eredità sarà quella dell'amore. Spero di aver insegnato ai miei figli lezioni di civiltà e giustizia sociale. Spero che vivranno vite apportando cambiamenti positivi per tutta l'umanità. Spero che ci saranno persone a cui ho aiutato, insegnato, ispirato a prosperare nei loro stessi viaggi. Spero di lasciare questo mondo un po' meglio per averci vissuto.

I nostri saggi insegnarono: Pentiti un giorno prima della tua morte (Avot 2:10). Una frase strana con un significato significativo. Un po' come una vecchia versione di YOLO. Vivi solo una volta, quindi fai attenzione a come trascorri ogni giorno. Non esitare mai a esprimere le tue speranze, desideri e amore per coloro che ti sono cari. Lavora continuamente per trasmettere i valori che desideri insegnare.

Questo è quello che ho intenzione di fare. Trascorrerò del tempo di qualità con la mia famiglia. Difenderò ciò che credo sia giusto e giusto. Ci sarò per gli altri. Vivrò ogni giorno con la consapevolezza che è sia un dono di Dio che una sfida a non sprecare quel dono. Rifletterò e pregherò affinché il mio tempo qui sulla terra sia una benedizione per coloro che ho incontrato lungo la strada. Ti prego, Dio, ti prego.

Il rabbino Melinda Mersack è il direttore di jHUB, che offre nuovi modi per le coppie e le famiglie interreligiose di esplorare comodamente la cultura ebraica nel mondo moderno, un programma della Federazione ebraica di Cleveland e del Jewish Education Center di Cleveland e un affiliato InterfaithFamily. Il rabbino Mersack è orgoglioso di essere un Rabbis Without Borders Fellow e un Brickner Fellow del Religious Action Center of Reform Judaism. Il rabbino Mersack frequenta ogni anno il campo estivo come docente in visita ed è un sostenitore del dialogo interreligioso e della giustizia sociale. Ha conseguito una laurea presso la Washington University di St. Louis, e un Master in lettere ebraiche e l'ordinazione presso l'Istituto ebraico di religione dell'Unione ebraica.

Qual è la preghiera di guarigione più potente

Chi è il santo che preghiamo per il cancro

San Pellegrino, OSM -il santo patrono dei malati di cancro.

Come augurare a qualcuno una buona guarigione dal cancro

Ecco a te: spero che tu diventi più stabile, più forte e migliore ogni giorno. 22. Volevo solo scriverti una nota per augurarti amore e forza in questo momento difficile. Ti mando pensieri sani!

La preghiera aiuta con il cancro

Secondo il risultato ottenuto da questo studio, i pazienti affetti da cancro possono superare la loro malattia attraverso la preghiera, e possono anche trionfare sul cancro attraverso la fiducia in se stessi e controllarlo, acquisendo una maggiore conoscenza della loro malattia e diventando più fiduciosi nel loro futuro.