Seleziona una pagina

Due delle quattro mitzvot tradizionalmente adempiute durante Purim riguardano il cibo: distribuire mishloah manot (doni di cibo) e godersi un pasto festivo nel pomeriggio noto come Seudat Purim. Ci sono molti cibi che sono spesso associati alle celebrazioni di Purim e molti di essi sono progettati per ridicolizzare le storie del famigerato cattivo, Haman.

Hamantaschen

Hamantaschen (Yiddish per le tasche di Hamans) sono il cibo Purim più famoso. Questi biscotti triangolari sono spesso ripieni di semi di papavero, cioccolato, gelatina o altri aromi dolci. Conosciuto come oznei haman (orecchie di Hamans) in ebraico, gli hamantaschen sono comunemente inclusi nel mishloach manot o serviti come spuntino alle feste di Purim.

La tradizione di mangiare hamantaschen a Purim iniziò nella Germania della fine del XVIII secolo, quando i dolci ripieni di semi di papavero erano una prelibatezza popolare. Questi biscotti erano chiamati mohntaschen che si traduce in tasche di semi di papavero. All'inizio del XIX secolo, gli ebrei tedeschi iniziarono a realizzarli appositamente per Purim e li chiamarono hamantaschen perché il nome del cattivo di Purim, Haman, suona come mohn. Giocando con il gioco di parole, si diceva che i biscotti ripieni di semi rappresentassero le tasche di Haman imbottite di mazzette.

Hamantaschen può essere un biscotto difficile da padroneggiare. Scopri come preparare l'hamantaschen perfetto qui.

Più biscotti Purim

I dolci che gli ebrei apprezzano durante il Purim non sono limitati all'hamantaschen. Hadgi badah, un biscotto alle mandorle/cardamomo, è popolare tra gli ebrei iracheni, mentre il maamoul ripieno di pistacchi, datteri o noci è spesso apprezzato dagli ebrei del Libano, dell'Egitto, della Siria e di altri paesi arabi (questo biscotto ha altri nomi, incluso kadeh per ebrei curdi e kleicha per gli ebrei iracheni). In Nord Africa, le comunità ebraiche celebrano il Purim con debla : strisce di pasta sottile avvolte a forma di rosa e fritte fino a doratura, poi imbevute in uno sciroppo di zucchero e ricoperte di noci tritate. La forma arrotolata simboleggia la megillah.

Come l'hamantaschen, altri biscotti Purim evocano la morte di Hamans, come Hamans Fingers, che sono comuni tra gli ebrei sefarditi della Grecia e della Turchia. La pasta fillo viene riempita con mandorle tritate e cannella, quindi arrotolata a forma di dito prima di essere spennellata con margarina e cotta. In Francia, gli ebrei apprezzano i palmiers, che si dice assomiglino alle orecchie di Hamans.

Kreplach

Prima di gustare i biscotti triangolari, molti ebrei ashkenaziti mangiano gli gnocchi di zuppa triangolare ripieni che sono comunemente noti come kreplach. Mentre il kreplach è tradizionalmente ripieno di carne, i vegetariani possono optare per un ripieno di funghi.

Scopri come preparare i kreplach sia carnosi che senza carne qui.

Kulich/Keylitsch

Nelle comunità ebraiche russe, uno speciale dolce challah accompagna il pasto di Purim. A differenza del challah che troverai durante un pasto dello Shabbat, questo Purim challah noto come kulich o keylitsch è molto più dolce che praticamente è una torta. Questo challah a volte è riempito con uvetta o caramelle per renderlo ancora più dolce. A differenza della sua controparte dello Shabbat, il kulich è realizzato utilizzando fili più lunghi, che simboleggiano le corde con cui Haman intendeva appendere Mordechai, ma alla fine furono invece utilizzate per appendere Haman alla fine della Megillah.

In alcune comunità, anche la challah fa la sua comparsa durante il pasto di Purim, ma è a forma di corona e i fili sono riempiti con semi di papavero prima della cottura. Scopri come farlo qui.

Boyoja Ungola

Conosciuto anche come Ojos de Haman , in spagnolo per gli occhi di Hamans, questo pane rotondo viene gustato durante il Purim dagli ebrei marocchini. Al centro del pane vengono poste due uova sode, quindi sulle uova vengono poste strisce di pasta sfoglia a formare una X. Il pane viene cotto e, prima di essere mangiato, vengono strappati gli occhi dell'uovo.

Cavolo ripieno

Mentre alcuni ebrei associano il cavolo ripieno con Simchat Torah o Pesach, il cavolo ripieno è un antipasto tradizionale per Seudat Purim tra gli ebrei provenienti da Lituania, Polonia e Ungheria. Alcuni dicono che il ripieno rappresenti i miracoli nascosti compiuti da Dio durante la storia di Purim.

Qualsiasi cosa semi di papavero

I semi di papavero possono essere trovati in moltissimi piatti dei menu di Purim, dai biscotti arrotolati in Israele ai classici piatti di pasta ungheresi. Alcuni dicono che il consumo di semi di papavero durante Purim onori Esther, che si dice abbia mangiato solo semi di papavero durante i suoi tre giorni di digiuno. Altri fanno risalire l'usanza culinaria alla parola per semi di papavero in tedesco e yiddish, mohn , essendo simile al nome Haman. Le comunità ebraiche persiane utilizzano anche semi di papavero, specialmente nel nan-e berenji, un piccolo biscotto di pasta frolla sormontato da semi neri al centro per simboleggiare le pulci di Hamans.

Noci e Legumi

A un pasto Purim, è comune trovare antipasti, snack e contorni che incorporano ceci, fagioli, lenticchie e una varietà di noci. Questi piatti onorano la leggenda secondo cui Esther non aveva accesso al cibo kosher mentre viveva nel palazzo e viveva interamente di noci, semi e legumi in modo da non violare le leggi del kashrut. Il fassoulyeh bchuderah, uno stufato di fagioli e pomodori siriani condito con cannella, è uno dei tanti piatti che onorano questa usanza.

Ricette Purim da My Jewish Learning e The Nosher

Dolce Hamantaschen

Hamantaschen

Hamantaschen vegano

Hamantaschen senza glutine

Cannoli Hamantaschen

Strada rocciosa Hamantaschen

Hamantaschen ricoperto di cioccolato e spruzza

Hamantaschen di latte e cereali

Hamantaschen al triplo cioccolato

Hamantaschen all'acqua di rose e pistacchio

Tagalog Hamantaschen

Rice Krispies Treats Hamantaschen

Speculos Hamantaschen

Cheesecake al cocco Hamantaschen

Hamantaschen Al Cioccolato Con Ripieno Di Crema Irlandese

Hamantaschen salato

Pizza Hamantaschen con tre ingredienti

Pretzel Bagel Dog Hamantaschen

Feta e porri Hamantaschen

Sushi Hamantaschen

Hamantaschen al rosmarino con marmellata caramellata al balsamico

Altre ricette di Purim

Cocido (stufato di ceci spagnolo)

Torta di mele e semi di papavero

Shishbarak ripieno

Purim

Pronunciato: PUR-im, la festa dei lotti, origine: ebraico, festa gioiosa che racconta la salvezza degli ebrei da un minacciato massacro durante il periodo persiano.

sefardita

Pronunciato: seh-FAR-dik, Origine: ebraico, che descrive gli ebrei discendenti dagli ebrei di Spagna.

Yom Kippur

Pronunciato: yohm KIPP-er, anche yohm kee-PORE, Origine: ebraico, Il giorno dell'espiazione, il giorno più sacro del calendario ebraico e, con Rosh Hashanah, una delle feste principali.

Perché i cibi Purim sono triangolari

Sempre a Purim, gli ebrei mangiano un biscotto al burro ripieno di frutta chiamato Hamantaschen, che ha una forma triangolare per indicare il cappello di Haman. (Alcune comunità ebraiche affermano che i biscotti hanno la forma delle tasche o delle orecchie di Haman, ma li abbiamo sempre associati al suo cappello.)

Mangi challah su Purim

Hamantaschen, i biscotti triangolari con ripieno di frutta, cioccolato o semi di papavero, sono un must su Purim (ma deliziosi in qualsiasi periodo dell'anno). Puoi anche goderti altri classici ebraici come challah e petto di petto.

Cosa mangiano gli ebrei persiani a Purim

L'amore persiano per le erbe e le verdure è evidente nel piatto principale, una festosa zuppa di noodle e fagioli. Per Purim, preparate la zuppa con i legumi del Vecchio Mondo che sarebbe stata a disposizione degli ebrei dell'antica Persia: lenticchie e ceci.

Cosa dovrei servire a Purim seudah

30 eleganti antipasti Purim Seudah

  • Crostini di patate dolci con topping di Rivki Rabinowitz.
  • Involtini di uova di avocado al forno con salsa di tamarindo e anacardi di Sabrina Gornish.
  • Empanadas di carne di Vera Newman.
  • Spiedini di cotolette Terra-Stick di Chanie Nayman.
  • Patate due volte con patatine fritte croccanti in pelle d'anatra di Brynie Greisman.