Seleziona una pagina

Nel pomeriggio del 6 ottobre 1965, i Brooklyn Dodgers ei Minnesota Twins si riunirono sul campo del Metropolitan Stadium fuori Minneapolis per la prima partita delle World Series. Don Drysdale stava lanciando per i Dodgers ed è stato martellato. Nel terzo inning, i Twins hanno segnato sei punti, portando in vantaggio 7-1. Avrebbero continuato a vincere la partita 8-2.

Avrebbe dovuto essere Sandy Koufax sul tumulo quel giorno. L'asso dei Dodgers stava vivendo l'anno migliore della sua carriera nel 1965, guidando le major con 26 vittorie e accumulando 382 strikeout, un record della Major League all'epoca e ancora solo uno in meno rispetto al record di tutti i tempi in una sola stagione detenuto da Nolan Ryan. Koufax aveva anche lanciato una partita perfetta meno di un mese prima, diventando solo il sesto lanciatore dell'era moderna a farlo.

Ma il 6 ottobre 1965 era anche Yom Kippur, il giorno più santo del calendario ebraico. E Koufax ha rifiutato di suonare.

La decisione sarebbe diventata la materia della leggenda ebraica americana. Gli appassionati di baseball ebrei in tutto il paese si gonfiarono di orgoglio al pensiero che una di loro, una star dello sport americano più per eccellenza, avrebbe rifiutato di giocare sul palco più grande dei giochi per convinzione religiosa. E intorno ad esso crebbe rapidamente una mitologia, inclusa l'affermazione (non verificata e probabilmente falsa) che Koufax si fosse presentato nella sinagoga di Minneapolis quel giorno, e la storia (probabilmente vera) che un rabbino gli fece visita al suo hotel dopo le vacanze per offrirgli un paio di tefillin in segno di gratitudine.

Koufax non è stata la prima star del baseball ebrea a saltare una partita a causa di una festa ebraica. Hank Greenberg, lo slugger dei Detroit Tigers, saltò una partita durante la gara di gagliardetti del 1934 perché cadde a Yom Kippur. (I Tigers vinsero comunque lo stendardo.) Ma il rifiuto di Koufax di suonare divenne un grande motivo di orgoglio per gli ebrei americani, che videro che era possibile vivere in due culture contemporaneamente. E poiché Koufax era un ebreo laico, il suo impegno nell'osservare il Giorno dell'Espiazione ebraico equivaleva a una pubblica testimonianza che le restrizioni sui giorni non appartenevano solo agli ortodossi.

E non furono solo gli ebrei a trovare la storia avvincente. Cinquant'anni dopo la serie del 1965, numerose pubblicazioni nazionali, sia ebraiche che non, avrebbero pubblicato reminiscenze sulla decisione di Koufax.

Koufax avrebbe continuato a lanciare in Gara 2, che si è giocata a Minneapolis il giorno successivo, e ha perso 5-1. Ma i Dodgers avrebbero pareggiato la serie sul 2-2 prima del prossimo inizio di Koufaxs, in gara 5. Questa volta, ha consegnato, tenendo i Twins senza reti e dando ai Dodgers il vantaggio. I Twins avrebbero pareggiato di nuovo la serie e Koufax è stato chiamato a lanciare la decisiva Gara 7 con soli due giorni di riposo.

Koufax ha consegnato di nuovo, tenendo i Twins senza reti e consegnando il campionato ai Dodgers. Koufax sarebbe stato nominato il giocatore più prezioso della serie. Ma per molti ebrei americani, la leggenda di Koufax era già stata saldamente stabilita otto giorni prima.

Quando Sandy Koufax non ha giocato a Yom Kippur

World Series e Yom Kippur

Koufax ha rifiutato di lanciare Gara 1 delle World Series 1965 per osservare la festa religiosa ebraica dello Yom Kippur. La sua decisione ha conquistato i titoli dei giornali nazionali, portando il conflitto tra pressioni professionali e convinzioni religiose personali alle notizie in prima pagina.

Quanto velocemente Sandy Koufax ha lanciato una palla veloce

Trovo difficile credere che Koufax nel suo periodo migliore (1962-66) abbia lanciato solo 93 mph. Ha guidato costantemente la lega negli strikeout (un record di 382 nel 1965), aveva una curva devastante ma penso che abbia anche lanciato almeno alla stessa velocità di chiunque altro negli anni '60.

Perché Sandy Koufax ha smesso di lanciare

È stata una grave artrite al braccio sinistro di Sandy Koufax, una volta in una generazione, che ha portato alla fine della sua carriera. In effetti, nell'aprile del 1966 a Koufax fu detto che non poteva andare un'altra stagione, ma lo fece proprio: vincendo 27 partite in carriera con una ERA di 1,73 la migliore in carriera.

Sandy Koufax ha lanciato una partita perfetta nelle World Series

Koufax ha eliminato 14 battitori avversari, il numero più alto mai registrato in una partita perfetta, e eguagliato solo dal lanciatore dei San Francisco Giants, Matt Cain, su .

Il gioco perfetto di Sandy Koufax.

Chicago Cubs Dodgers di Los Angeles
0 1

1 riga in più