Seleziona una pagina

La modernità non ha colpito tutti gli ebrei contemporaneamente o allo stesso modo. La sostituzione o l'integrazione della comunità religiosa con un'affiliazione nazionale come loro principale fedeltà era direttamente collegata alla modernizzazione delle società in cui vivevano.

Gli ebrei che vivono in Francia hanno sperimentato la modernità prima e in modo diverso rispetto ai loro correligionari nello Yemen o in Russia. Tuttavia, la lotta per entrare a far parte del moderno stato nazionale è stata una parte fondamentale del processo per gli ebrei di tutto il mondo. Al centro di questa lotta c'erano questioni di identità, cosa significa essere un cittadino e un ebreo.

La prima età moderna

Gli storici nella loro periodizzazione della storia ebraica sono giunti a riferirsi al processo graduale mediante il quale le condizioni moderne hanno influenzato la vita ebraica come il primo periodo moderno. Queste caratteristiche includono il nazionalismo, il capitalismo, l'aumento della popolazione e, in particolare, l'emancipazione legale (la concessione dei diritti civili) e il liberalismo. Gli studiosi hanno a lungo dibattuto su quali fattori si siano rivelati determinanti nell'inizio sostanziale della storia ebraica moderna.

L'emancipazione e l'ideale di cittadinanza

Le reazioni ebraiche alla promessa della cittadinanza (e quindi dell'emancipazione politica e sociale auspicata) variavano. Molti ebrei abbracciarono la promessa dell'emancipazione, acculturandosi per diventare russi (tedeschi, italiani) di fede mosaica, mentre altri cercarono di cambiare i termini, perseguendo alternative come il sionismo, il socialismo e l'immigrazione in Palestina o negli Stati Uniti. L'Olocausto ha inferto un duro colpo all'ideale di cittadinanza. La distruzione dell'ebraismo europeo ha portato a un riallineamento della leadership ebraica mondiale nel dopoguerra, mettendo Israele e gli Stati Uniti al timone dell'ebraismo mondiale.

Innovazione religiosa e culturale

La libertà degli individui di studiare, esplorare e inventare nel periodo moderno ha portato all'innovazione culturale e religiosa ebraica. L'emergere del denominazionalismo moderno, ad esempio, attesta la varietà di approcci che gli ebrei hanno escogitato come risposta alla domanda di identità. La formazione di nuovi tipi di organizzazioni ebraiche, come le confraternite sinagoghe e le università Hillels, dimostra la ricerca per creare nuovi tipi di comunità religiose.

Festa di Hanukkah a un JCC a Baltimora, 1940. (Michael Jacobson/American Jewish Historical Society)

Rapporti in evoluzione con i non ebrei

La modernità ha portato nuove possibilità di contatto tra gli ebrei ei loro vicini, sia a livello personale che collettivo. Le relazioni sociali tra ebrei e non ebrei divennero molto più comuni. Dai matrimoni misti al dialogo interreligioso, ebrei e non ebrei hanno creato nuove categorie di relazioni e comunità. Questi sviluppi furono accompagnati da un altro fenomeno negativo unico e moderno: l'antisemitismo.

Storia intellettuale

Anche il pensiero ebraico moderno è stato alimentato dalla promessa dell'emancipazione. L'Haskalah, il movimento europeo per l'illuminismo ebraico, è emerso come uno sforzo per far rivivere quelle tradizioni intellettuali ebraiche che erano complementari alla cultura europea. Lo studio accademico dell'ebraismo, il Wiss ensc haft des Judenthums, è nato dall'Haskalah ed ha esaminato la religione ebraica dal punto di vista della teologia, della letteratura e della storia. Ha quindi posto le basi per i futuri filosofi ebrei moderni, come Franz Rosenzweig, Mordecai Kaplan e Abraham Joshua Heschel, per porre domande sull'identità ebraica moderna (ad esempio, per quanto riguarda il particolare e l'universale all'interno del giudaismo e il rapporto tra i concetti di religione , popolo e nazione).

Cambiamenti demografici e geografici

Gli ebrei moderni si muovevano e si moltiplicavano. Alla fine del XVIII secolo, la popolazione ebraica mondiale era di circa 2,5 milioni, la maggior parte dei quali viveva nell'Europa orientale o nell'impero ottomano. Entro la seconda metà del 20° secolo, la comunità ebraica mondiale era stata completamente trasformata, contava 13 milioni con una maggioranza che viveva in Israele e negli Stati Uniti. Questa notevole crescita durante il periodo moderno contribuì all'urbanizzazione degli ebrei e alla diversificazione delle loro attività economiche. Precedentemente relegati a occupazioni commerciali, per lo più meschini commerci, gli ebrei moderni hanno approfittato dell'accesso all'istruzione appena conquistato e dell'opportunità di assumere nuovi ruoli nel mondo degli affari e del lavoro.

Hanukka

Pronunciato: KHAH-nuh-kah, anche ha-new-KAH, una festa di otto giorni che commemora la vittoria dei Maccabei sui Greci e la successiva ridedicazione del tempio. Cade nel mese ebraico di Kislev, che di solito corrisponde a dicembre.

Qual è il pensiero ebraico moderno

Erede dell'immagine biblica della conoscenza, che si basa sui concetti di creazione, rivelazione e redenzione divina, il pensiero ebraico moderno cerca di venire a patti con la sensibilità e le concezioni moderne della verità. Sotto questo aspetto, naturalmente, è sostanzialmente simile al pensiero religioso moderno in generale.

Dove vivono la maggior parte degli ebrei moderni

Più dei quattro quinti di tutti gli ebrei vivono in due soli paesi, gli Stati Uniti (41%) e Israele (41%). Le maggiori quote rimanenti della popolazione ebraica mondiale si trovano in Canada (circa 3%), Francia (2%), Regno Unito (2%), Germania (2%), Russia (2%) e Argentina (tra l'1% e 2%).

Quali sono i cinque principali eventi storici del giudaismo

Potresti dire qualsiasi cosa:

  • La distruzione del Secondo Tempio.
  • L'Inquisizione spagnola.
  • La scrittura del Talmud.
  • L'invenzione della zuppa di matzah.

Chi ha fondato l'ebraismo moderno

Secondo il testo, Dio si rivelò per la prima volta a un uomo ebreo di nome Abramo, che divenne noto come il fondatore del giudaismo. Gli ebrei credono che Dio fece un patto speciale con Abramo e che lui ei suoi discendenti furono persone scelte che avrebbero creato una grande nazione.