Seleziona una pagina

Rabbini Senza Frontiere

Rabbis Without Borders è un forum dinamico per esplorare le questioni contemporanee nel mondo ebraico e oltre. Scritto da rabbini di diverse denominazioni, punti di vista e parti del paese, Rabbis Without Borders è un progetto di Clal The National Jewish Center for Learning and Leadership.

Stavo parlando con un amico che stava cercando di fare la cosa giusta in una situazione difficile. Stava visitando gli appartamenti di Senior Living con la madre malata che si muoveva e non voleva trasferirsi. Stava cercando di bilanciare l'intervento per conto di sua madre lasciando che sua madre facesse le sue scelte. La mia amica stava facendo tutto il possibile, ma non era ancora sicura di trovare il giusto equilibrio. Non ci sono modi aggraziati attraverso i capitoli disordinati della nostra vita. Quando le ho detto che avrei pregato per la grazia a suo nome, mi ha chiesto: la grazia è ebrea?

Alcune parole, alcune idee, specialmente quando sono coinvolte la religione o la politica, cadono in disgrazia quando vengono associate a qualcos'altro. Grazia è una parola del genere. La grazia è un'idea ebraica? È il termine ebraico biblico Gallina significa grazia ma non ne parliamo molto perché suona così cristiano (che non è di per sé una cosa negativa).

Grazia : Assistenza divina immeritata, una virtù proveniente da Dio (come gentilezza, cortesia, premura).

Siamo, noi umani, una specie così confusa. Sebbene siamo capaci di pensieri elevati e ragionamenti complessi, abbiamo anche il nostro cervello rettiliano associato alle funzioni dei gangli del basilico.

Le funzioni evolutive dei nostri cervelli rettiliani spiegano la nostra gelosia, la nostra rabbia, la nostra aggressività, il nostro egoismo da sopravvivenza. Rappresenta anche le nostre paure, il nostro desiderio di vendetta, la nostra protezione nei confronti della nostra tribù (perché ci sentiamo vicini alle nostre cerchie più piccole e sospettosi degli altri) e il nostro desiderio di base di mantenere ciò che è nostro (il mio esempio preferito dall'infanzia: guarda con il tuo occhi non con le mani).

Certo, siamo anche capaci di gentilezza, di amore, di perdono, di comprensione, di pazienza e di atti di altruismo. Spesso può essere necessario un grande sforzo e volontà per ascoltare la chiamata di questi attributi superiori della nostra umanità al di là del frastuono delle nostre paure e insicurezze che scorrono attraverso i nostri gangli del basilico.

Sembra essere il nostro destino biologico rimbalzare tra le persone che siamo e le persone che vorremmo poter essere sempre. Per quanto ci sforziamo, e per quanto a volte abbiamo successo, ciò che significa ottenere l'equilibrio giusto delle nostre vite è trovare, o più accuratamente accettare la grazia che Dio ci estende. È impossibile per noi bilanciare i nostri sé animali con i nostri sé angelici da soli in ogni momento. Con un semplice esempio: potremmo digiunare durante lo Yom Kippur per essere come angeli, ma inevitabilmente abbiamo fame. Dopotutto siamo esseri umani, con una biologia, una fisiologia, una psicologia che impedisce anche ai più santi tra noi di essere sempre perfetti.

Perché devo sentirmi così oggi
Sono un soldato ma a volte ho paura
Per affrontare le cose che possono
Blocca il sole dai raggi splendenti
E riempi la mia vita di sfumature di grigio
Ma ancora desidero trovare un modo
Quindi oggi prego per la grazia Pray for Grace, Testi di Michael Franti

Non siamo intrinsecamente aggraziati. Possiamo avvicinarci al controllo dei nostri impulsi, ma non ci liberiamo mai del nostro io vile. Siamo destinati ad essere meno che perfetti. L'idea che la grazia sia un tratto umano è un'illusione. La grazia è intrinsecamente divina ed è un dono dell'amore di Dio. Per estensione, la grazia è l'atto di abbracciare l'amore di Dio per il nostro io imperfetto. La grazia è qualcosa che ci è concesso, non come ricompensa per le nostre azioni giuste, ma ogni volta che siamo in grado di ricevere l'amore di Dio anche quando temiamo di non meritarlo del tutto.

Grazia : Assistenza divina immeritata, una virtù proveniente da Dio (come gentilezza, cortesia, premura).

All'interno delle benedizioni sacerdotali descritte nel Libro dei Numeri, parole famose usate ancora oggi per benedire le persone, incluso il venerdì sera i nostri figli è questa frase:

Yaer Adonai Panav Elecha vChuneka
Che il volto illuminato di Dio ti illumini e ti conceda grazia.

È difficile credere in un Dio che ci ama e ci accetta incondizionatamente. Questa è la nostra sfida continua: salvare la grazia non dal cristianesimo, ma dal nostro stesso sospetto che tale accettazione delle nostre imperfezioni sia possibile.

Adonai

Pronunciato: ah-doe-NYE, Origine: ebraico, nome di Dio.

Yom Kippur

Pronunciato: yohm KIPP-er, anche yohm kee-PORE, Origine: ebraico, Il giorno dell'espiazione, il giorno più sacro del calendario ebraico e, con Rosh Hashanah, una delle feste principali.

Cos'è la grazia nella Bibbia ebraica

La parola "grazia" significa letteralmente "favore" In ebraico è CHEN da una parola radice CHANAN – piegarsi o chinarsi in gentilezza verso un altro come un superiore a un inferiore (Strongs 2603)

Il giudaismo crede nella grazia

L'ebraismo, da parte sua, non è meno consapevole della grazia di Dio, ma offre la santificazione attraverso l'appartenenza al popolo ebraico e considerando le scritture come un insegnamento e un'imposizione di una vita di santità.

Qual è il nome ebraico per la grazia di Dio

Chaniel è un nome di origine ebraica che significa "grazia di Dio". '

Qual è il significato originario della grazia

Il nome Grace è di origine latina ed è stato usato per la prima volta come riferimento alla frase "grazia di Dio". I significati di Grace includono fascino, bontà e generosità. Nella mitologia greca, il nome Grace è legato alla bellezza e alla gioia.