Seleziona una pagina

Schnorrer è una parola yiddish che significa mendicante o scroccone. È anche un argomento/bersaglio popolare dell'umorismo ebraico. Di seguito sono riportati alcuni esempi.

Il nervo!

Chernov, lo schnorrer di Pietrogrado, aveva un ricchissimo mecenate che, per qualche oscura ragione, aveva preso in simpatia il piccolo mendicante nervoso. Ogni anno dava a Chernov uno stipendio generoso, mai inferiore a 500 rubli. Un anno, tuttavia, il ricco gli diede solo 250 rubli.

Qual'è il significato di questo? chiese l'insolente schnorrer. Questa è solo la metà di quello che mi hai dato!

Mi dispiace, Chernov, ma devo tagliare le mie spese quest'anno, si scusò l'uomo ricco. Mio figlio ha sposato un'attrice e io sto pagando tutte le bollette.

Bene, di tutta la faccia tosta [nervo]! ruggì Chernov, impazzendo. Se tuo figlio vuole sostenere un'attrice sono affari suoi. Ma come osa farlo con i miei soldi!


Il diamante

Lo schnorrer itinerante è arrivato nella piccola comunità lituana nel tardo pomeriggio di venerdì e gli è stato detto dal parnes locale [rappresentante della comunità] che le sue possibilità di essere prenotato per il Sabbath erano molto scarse. Tutti, a quanto pareva, avevano già accolto un povero per Shabbes [il Sabbath].

Vuoi dire che non c'è nessuno che mi dia un posto dove dormire e qualcosa da mangiare? chiese amaramente lo schnorrer.

Ebbene, riconobbero il parnes , qui c'è un uomo di nome Landau, il magnate della città. Nessuno gli è stato ancora assegnato. Ma Landau è il peggior avaro della città. Non avrebbe mai accolto un estraneo a casa sua.

Dimmi solo dove abita, disse il mendicante con sicurezza. So come trattare con il suo tipo.

Nel giro di pochi minuti bussò coraggiosamente alla porta del ricco. Un servo uscì e gli offrì un rame.

Non voglio carità, dichiarò altezzoso lo schnorrer. Sono venuto a trovare Reb Landau per lavoro.

Il servo lo introdusse rapidamente alla presenza del ricco. Cosa posso fare per lei? chiese educatamente.

Reb Landau, cosa potresti offrirmi per un diamante impeccabile grande come un uovo?

Non posso dirlo con disinvoltura, rispose il ricco borghese con una dimostrazione di studiata disinvoltura, sebbene i suoi occhi fossero sporgenti per l'avidità. Resta con me sabato, riposati un po' e poi parla bene di affari.

Odio importi, ma dal momento che insisti

Per tutto quel sabato lo straniero fu intrattenuto regalmente. Il padrone di casa fece in modo che il suo ospite non uscisse di casa nemmeno per un minuto, temendo che potesse essere avvicinato da qualcun altro. Quando finalmente il sabato fu passato, l'ospite affrontò l'argomento che era stato in cima alla sua mente.

Ora, vediamo il diamante.

Diamante? Quale diamante? chiese innocentemente lo schnorrer, mentre si alzava per lasciare i locali.

Hai detto di avere un diamante grande come un uovo, scattò Landau, un sospetto nascente che gli fece arrossire il viso.

Mio caro uomo, non ho detto una cosa del genere! gli ricordò lo schnorrer. Tutto quello che ho chiesto è stato quanto offriresti se ne avessi uno. Un uomo non può fare una domanda accademica?


Perché discriminare?

Uno shammes [custode della sinagoga] stava guardando fuori dalla porta aperta delle sinagoghe quando vide un volto familiare. All'improvviso gli venne in mente dove aveva già visto l'uomo. Si precipitò fuori e colpì il passante.

Imbroglione! Ladro! gridarono gli shammes. Solo ieri ti ho visto mendicare davanti a una chiesa cattolica. Oggi mendichi all'ingresso di una sinagoga. Cosa sei, cattolico o ebreo?

Un ebreo, deglutì il mendicante. Ma in questi tempi difficili, chi può guadagnarsi da vivere con una sola religione?


L'erede

Due fratelli, Ganseh e Mishpocheh, che non potevano o non volevano lavorare per il loro pane quotidiano, visitavano regolarmente la residenza dei Rothschild dove, una volta al mese, ricevevano 100 marchi ciascuno.

È successo che Ganseh è morto, quindi Mishpocheh ha fatto la solita chiamata da solo. Il tesoriere di famiglia che erogava fondi ai poveri gli porse i soliti 100 marchi.

Solo un minuto per spennare il pollo! Mishpocheh protestò. Cos'è questo affare da 100 marchi? Ho diritto a 200, e quando un uomo ha diritto ha diritto, quindi consegnalo!

Intitolato niente! ribatté il tesoriere. Tuo fratello, Ganseh, è ​​morto. I suoi 100 marchi vengono ritirati.

Cosa intendi con ritirato? lo schnorrer disse gelido: Chi sono i miei fratelli eredi me o Rothschild?


Pollo Freddo

Poi c'è la storia dello schnorrer che si dava fastidio chiamando ogni sera a casa di un ricco mercante, giusto in tempo per la cena.

Il mercante era un uomo gentile, ma la sua pazienza si stava esaurendo. Eppure, cosa poteva fare? La tradizione ebraica richiede che coloro che hanno debbano condividere con coloro che non hanno.

Una sera, quando l'uomo ricco stava intrattenendo una signora a cui era molto affezionato, che avrebbe dovuto bussare alla porta, ma lo stesso Reb Nuisance era il pensionante stellare.

Guarda, sibilò ferocemente il mercante attraverso la porta leggermente aperta, se non ti dispiace, sto intrattenendo un'amica.

Non mi dispiace affatto, disse il nervoso schnorrer. Mangerò in cucina.

Allora dimmi, ti piace il pollo freddo?

Oh, adoro il pollo freddo, non lo vorrei in nessun altro modo, disse entusiasta il mendicante.

Va bene! sbottò il mercante. Torna domani sera. Il pollo è bollente in questo momento!


L'avaro e lo Schnorrer

C'erano due uomini in città che nessuno era mai stato in grado di superare in astuzia: Eisinger il ricco avaro e Fenster lo schnorrer. Nessuno dei due aveva mai messo alla prova il suo coraggio contro l'altro, ma inevitabilmente arrivò il giorno della resa dei conti.

Fenster, l'astuto mendicante, decise di sfidare Eisinger, l'astuto skinflint, a un duello di ingegni. Andò a casa degli avari e, dopo una lunga discussione, lo convinse a prestare una coppa d'argento.

Il giorno successivo, Fenster non solo restituì la tazza, ma ne diede anche una piccola tazza a Eisinger.

A cosa serve la tazza in più? chiese sospettoso il ricco.

Prendilo e non temere, ti appartiene di diritto. Vedi, la scorsa notte la tua tazza grande ha partorito questo piccolo, quindi ho pensato che non fosse più che giusto dartelo.

Un normale schlemiel [stupido], pensò l'avaro. Molto bene, disse ad alta voce, a malapena in grado di nascondere la sua gioia, purché tu sia abbastanza onesto da ammetterlo, sarò abbastanza onesto da accettarlo.

Grazie, disse Fenster. E ora vorrei prendere in prestito un candelabro d'argento per il fine settimana. Aspetto un ospite importante e voglio fare una buona impressione.

Il vecchio tightwad rimase colpito, non solo dall'onestà degli schnorrer, ma anche dalla sua apparente stupidità. Certo, prendilo! Egli ha detto.

Il lunedì successivo, luminoso e presto, Fenster restituì il candelabro, insieme a un candeliere separato.

Il tuo candelabro ha dato vita a questo candeliere, spiegò lo schnorrer.

Eisinger era un uomo troppo furbo per interrogare Fenster sull'assurdità di un oggetto inanimato che portava prole. Ogni volta che potrò essere di servizio in futuro, chiamami, disse gentilmente mentre accettava il regalo del neonato.

Bene, c'è qualcosa che posso usare in questo momento, ha detto Fenster. Domani aspetto mio cognato e, solo per creare uno spettacolo, vorrei prendere in prestito il tuo orologio d'oro tempestato di diamanti.

Il ricco evocò immediatamente visioni di un'immacolata concezione la cui progenie sarebbe stata un orologio da bambino di valore paragonabile al genitore. Consegnò prontamente l'orologio, con l'assicurazione che sarebbe stato restituito la sera successiva. Che stupido ignorante! pensò con disprezzo.

Ma Fenster non restituì il costoso orologio la sera successiva, né la settimana successiva, né il mese successivo. Così l'avaro si recò presso l'umile dimora degli schnorrer per chiedere la restituzione della sua proprietà.

Dov'è il mio orologio d'oro? chiese Eisinger.

Mi addolora dirtelo, spiegò Fenster, ma il tuo orologio si è ammalato ed è morto.

Morto? È ridicolo!

Perché è ridicolo? chiese lo schnorrer con calma. Se una coppa d'argento e un candelabro possono dare figli, come tu stesso hai convenuto, allora perché un orologio non può morire?

Ristampato con il permesso dell'Enciclopedia dell'umorismo ebraico , compilato e curato da Henry D. Spalding ( Jonathan David Publishers ).

faccia tosta

Pronunciato: KHOOTZ-pah, Origine: Yiddish, nervo, sfacciataggine, presunzione, estrema sicurezza.

Cosa significa Schnorrer in inglese

Definizione schnorrer

: mendicante in particolare : uno che spinge gli altri a soddisfare i suoi desideri .

Cosa significa Goniff in yiddish

Definizioni di goniff. (Yiddish) ladro o persona disonesta o mascalzone (spesso usato come termine generico di abuso) sinonimi: ganef, ganof, gonif. tipo di: delinquente, trasgressore. una persona che trasgredisce la legge morale o civile.

Qual è la parola yiddish per mooch

ringhiatore. Yiddish – un dialetto dell'alto tedesco che include alcuni ebraici e altre parole; parlato in Europa come volgare da molti ebrei; scritto in caratteri ebraici. cadger, mooch, moocher, scrounger – qualcuno che mooches o cadges (cerca di ottenere qualcosa di gratuito)

Che cos'è un russatore in yiddish

Settembre 2019) Schnorrer (שנאָרער anche scritto shnorrer) è un termine yiddish che significa 'mendicante' o 'sponger'.