Seleziona una pagina

Ristampato con il permesso di JOFA, l'Alleanza femminista ebraica ortodossa.

Il rituale dell'accensione delle candele, sebbene incombente sia sugli uomini che sulle donne, è stato storicamente associato alle donne. L'evidenza visiva del ruolo delle donne si trova nelle illustrazioni dei primi periodi. Nell'Europa orientale, le lapidi delle donne erano tradizionalmente incise con immagini di luci o candele dello Shabbat , a volte accompagnate dalle mani di una donna che le benedicevano. Oggi, l'accensione delle candele è una mitzvah osservata da molte donne che non osservano altri rituali religiosi. Mentre molte donne sposate ora condividono in kiddush la benedizione sul vino e la benedizione hamotzi sul pane, alla tavola dello Shabbat, poche sono disposte a rinunciare ad accendere le candele.

Ritornare la luce

Alcune fonti caratterizzano l'accensione delle candele delle donne come una rettifica del peccato di Eva: proprio come la figura biblica ha diminuito la luce del mondo attraverso il suo peccato nel Giardino dell'Eden, le donne possono restituire luce al mondo accendendo le candele dello Shabbat. Ma c'è un altro modo per vedere l'illuminazione delle candele. Coloro che considerano l'illuminazione delle candele come una ricompensa possono rivolgersi a fonti cabalistiche che vedono le donne come portatrici di vita e luce per il mondo.

Come lo stesso Shabbat è un ricordo della creazione, zekher lemaasei bereishit , così una donna che accende le candele dello Shabbat rievoca la creazione di Dio della prima luce, l' ohr haganuz . Attraverso le generazioni, la donna è stata tradizionalmente vista come la regina dello Shabbat, portando luce e Torah nella sua casa e nel mondo. Quando una donna accende candele sulla terra, le candele si accendono nel regno divino, a simboleggiare l'unione e l'armonia tra cielo e terra che si ottiene durante lo Shabbat.

Un tempo per le benedizioni

Pertanto, il momento dell'accensione delle candele è considerato un momento molto personale e di buon auspicio, appropriato per esprimere i sentimenti più intimi. Esistono numerose preghiere individuali e personali di diverse comunità ebraiche da recitare in questo momento. Le donne che recitavano queste preghiere spesso dichiaravano che la loro mitzvah dell'accensione delle candele era equivalente a quella del Sommo Sacerdote nel Tempio.

Prima dell'accensione, molti hanno l'abitudine di mettere le monete in una scatola di tzedakah . Dopo l'illuminazione, ci si copre gli occhi per non godere delle luci fino a quando non viene recitata la benedizione. Sebbene la mitzvah dell'accensione delle candele possa essere soddisfatta con una candela, poiché ciò tradizionalmente consentirebbe l' oneg Shabbat , il godimento dello Shabbat, generalmente accendiamo due o più candele.

Simbolismo

Infatti, una volta che si accende un certo numero come norma, si dovrebbe continuare ad accendere quel numero e non di meno. Accendere due candele ha diversi significati. Le due candele rappresentano le due versioni del comandamento biblico, ricordare lo Shabbat e osservare lo Shabbat, o, secondo la Kabbalah , gli aspetti maschili e femminili della creazione di Dio; alcune prime fonti suggerivano che una candela fosse per illuminare la casa e l'altra per onorare lo Shabbat.

Alcune donne accendono più di due candele. Alcune madri accendono una candela per ogni membro della famiglia. Alcuni illuminano sei per rappresentare i giorni della settimana che precedono lo Shabbat, e altri illuminano sette corrispondenti a tutti i giorni della settimana. Si diceva che i dieci stoppini sulla lampada di ceramica del sabato libico rappresentassero i dieci comandamenti; altri accendono 12 luci che rappresentano le 12 tribù.

C'è una pratica per cui se si dimentica di accendere le candele ogni venerdì sera, si dovrebbe aumentare il numero di candele per sempre. Tuttavia, questa pratica sembra riferirsi alla nozione di accendere una candela come punizione o come rettifica, difficilmente alla gioia e al sentimento di specialita' che la maggior parte delle donne prova quando accende.

mitzvà

Pronunciato: MITZ-vuh o meetz-VAH, Origine: ebraico, comandamento, usato anche per significare buona azione.

Shabbat

Pronunciato: shuh-BAHT o shah-BAHT, Origine: ebraico, il Sabbath, dal tramonto del venerdì al tramonto del sabato.

Un uomo può accendere le candele dello Shabbat

Secondo la legge ebraica, la mitzvah di accendere le candele dello Shabbat cade ugualmente su uomini e donne, ma l'associazione delle donne e l'accensione delle candele dello Shabbat è molto antica.

Perché accendiamo due candele dello Shabbat

Alcuni dicono che le candele rappresentino i due comandamenti di "ricordare" e "osservare" lo Shabbat. Poco prima dell'inizio dello Shabbat, vengono accese due candele che segnano la divisione tra luce e oscurità descritta nella storia della Creazione e viene recitata una benedizione, generalmente dalla matriarca della casa.

Perché una donna accende le candele a Pasqua

Le donne recitano all'unisono:

Possano illuminare il cammino verso la verità, la giustizia e la pace. Mentre accendiamo queste candele, preghiamo affinché tutti coloro che soffrono nel mondo trovino luce in mezzo alle tenebre. Preghiamo perché la nostra esperienza di oggi ci aiuti a rinnovare il nostro impegno ad agire per la giustizia e la libertà.

Qual è la benedizione per l'accensione delle candele dello Shabbat

Benedetto sei Tu, Eterno Dio nostro, Sovrano dell'universo. Tu ci santifichi con i tuoi comandamenti e ci ordini di accendere le luci dello Shabbat. Baruch Atah Adonai, Eloheinu Melech haolam, asher kid'shanu b'mitzvotav v'zivanu l'hadlik ner shel Shabbat.