Seleziona una pagina

Il Talmud ha costantemente sfidato i tentativi di categorizzarlo. La natura legalistica di molte delle sue discussioni, così come la sua importanza per il successivo sviluppo del diritto ebraico, hanno portato molti a descrivere il Talmud come un codice di diritto. Tuttavia, questa definizione ristretta non tiene conto delle storie, delle discussioni teologiche e degli aneddoti che costituiscono gran parte del testo. Inoltre, non possiamo ignorare le differenze strutturali tra il Talmud e altri codici legali ebraici e non.

Vuoi imparare il Talmud con noi? Daf Yomi è un programma per leggere l'intero Talmud un giorno alla volta e My Jewish Learning offre un'e-mail daf yomi per il primo trattato del prossimo ciclo, a partire dal 5 gennaio 2020. Iscriviti qui!

I codici di diritto, che sono progettati per un facile riferimento, generalmente seguono un ordine chiaro e offrono sentenze concise. Al contrario, il testo del Talmud include opinioni di minoranza, divaga dall'argomento previsto e lascia casi irrisolti. In più di 300 casi, il Talmud conclude una discussione con la parola teyku, una dichiarazione che la questione è irrisolta e (come la tradizione successiva intende il termine) non sarà risolta fino all'età messianica.

Teoria, non codice

Senza tentare la mia definizione, necessariamente imperfetta, del Talmud, suggerirò che gli interessi legali del Talmud tendono principalmente allo sviluppo di una teoria giuridica ebraica e non alla codificazione di un corpus di leggi. Il Talmud si occupa principalmente del processo di determinazione di una legge o di un principio giuridico, e non della legge stessa. Per comprendere questo interesse, esamineremo alcuni dei modi in cui il Talmud sviluppa principi generali, affronta leggi problematiche e riconcilia leggi contrastanti.

Il Talmud comprende la Mishnah, completata intorno al 200 d.C., e la Gemara, completata intorno al VI o VII secolo d.C. La Mishnah, che è scritta in ebraico, consiste principalmente di giurisprudenza. Il testo introduce uno scenario, quindi offre una, due o, in rari casi, tre sentenze sul caso in esame. Sebbene un singolo capitolo della Mishnah possa elaborare i vari dettagli di un concetto legale, la Mishnah non include praticamente alcuna discussione oltre alla presentazione di opinioni originariamente opposte e non decide tra sentenze opposte. La Gemara, scritta principalmente in aramaico, discute ed espande la Mishnah, offrendo anche storie e discussioni vagamente correlate.

La Mishnah spesso dettaglia le regole relative a casi specifici, quindi riassume la discussione con un klal un principio generale che può essere applicato ad altri casi. Per esempio:

Chi ruba legna e ne fa vasi, o chi ruba lana e se ne fa vestiti [dopo aver confessato o essere catturato] paga [il proprietario] il costo dell'oggetto al momento del furto [cioè il ladro paga il costo della lana, non del vestito.] Chi ruba una vacca gravida e questa partorisce, o chi ruba una pecora che ha bisogno di tosatura, paga il prezzo di una vacca che sta per partorire o di una pecora che sta per essere tosata. Chi ruba una mucca che in seguito rimane incinta e partorisce, o una pecora che in seguito ha bisogno di tosatura e viene tosata, paga il costo dell'animale al momento del furto. Questo è il klal: tutti i ladri pagano il prezzo dell'oggetto nel momento in cui viene rubato. (Mishnah Bava Kamma 9:1)

La Mishnah offre una serie di casi specifici di furto e riparazione, ma è principalmente interessata a trarre da questi casi un principio generale che servirà come base per decisioni successive. In definitiva, la Mishnah potrebbe anche essere meno interessata a multe appropriate per furto che a maggiori questioni di proprietà e giustizia. Il klal con cui si conclude la Mishnah suggerisce che la proprietà si estende solo alla proprietà sotto il controllo diretto e che l'intenzione di un ladro è il principale determinante della sua punizione. Questi principi possono, a loro volta, essere applicati ad altri settori del diritto civile e penale.

La teoria giuridica non può esistere nel vuoto, ma deve essere perfezionata e rivista in risposta alle esigenze della vita reale. Il Talmud bilancia costantemente l'attenzione alle minuzie legali con il desiderio di mantenere la coerenza del sistema legale ebraico nel suo insieme. In generale, il Talmud deriva formalisticamente leggi specifiche, attraverso il confronto delle fonti, l'interpretazione dei testi e l'inferenza da casi precedenti. Molte discussioni legali hanno un tono teorico solo occasionalmente il testo offre un esempio della legge nella pratica. Alcuni dei casi più interessanti di interferenza del mondo reale nelle discussioni teoriche riguardano leggi che, sebbene tecnicamente accettabili secondo le regole dell'interpretazione legale, causano difficoltà una volta implementate.

Preoccupazioni del mondo reale

In alcuni casi in cui una legge particolare minaccia di minare un'intera parte del sistema legale, i rabbini dichiarano un cambiamento nella legge mipnei tikkun haolam letteralmente, per il bene di sostenere/riparare il mondo. La maggior parte di questi casi ruota attorno a questioni di matrimonio e divorzio e riguarda procedure che, sebbene legalmente valide, possono creare dubbi sullo stato civile di una coppia.

In uno di questi casi, la Mishnah osserva che una volta era accettabile che un get (documento di divorzio) identificasse la coppia divorziata con qualsiasi nome con cui fossero conosciuti. Secondo la Gemara, questa pratica creava problemi alle coppie in cui uno o entrambi i partner usavano nomi diversi in città diverse:

Secondo il rabbino Yehuda, Shmuel disse: La gente di un luogo lontano ha inviato la seguente domanda a Rabban Gamliel: ci sono persone che vengono dalla tua città alla nostra che si chiamano Yosef, ma qui passa da Yochanan; o che si chiamano Yochanan, ma qui vai da Yosef. Come possiamo scrivere gittin (plurale di get) per loro? Rabban Gamliel ha fatto un takana (un cambiamento nella legge) che il get deve riferirsi al signor Tal dei tali, e qualunque altro nome possa avere e la signora Tal dei tali, e qualunque altro nome lei possa avere per il bene di tikkun ha-olam (Gittin 34b).

La Gemara esprime preoccupazione per il fatto che un'affermazione che si riferisce alla coppia divorziata con un insieme di nomi non sarà accettata come prova del divorzio in un luogo in cui uno dei partner ha un nome diverso. Le domande sulla legittimità dell'ottenimento possono scoraggiare il nuovo matrimonio o sollevare dubbi sullo stato dei matrimoni successivi e sui figli di quei matrimoni successivi. Il tecnicismo che consente l'uso di soprannomi o pseudonimi nell'ottenere minaccia così la più grande istituzione del matrimonio. I rabbini sacrificano quindi una pratica teoricamente accettabile per garantire la sostenibilità del sistema nel suo insieme.

La realtà interferisce ancora con la pratica teorica del diritto nel noto dibattito tra le scuole di Hillel e Shammai, due prime autorità, sulle parole giuste da dire a una sposa. La scuola di Shammai sostiene che si dovrebbe descrivere la sposa così com'è, mentre la scuola di Hillel sostiene di descrivere la sposa come bella e aggraziata, indipendentemente dal suo aspetto. A sostegno della sua posizione, la scuola di Shammai invoca l'ingiunzione biblica di stare lontano dalla menzogna (Esodo 23:7). Sorprendentemente, la scuola di Hillel risponde non con un versetto biblico opposto, ma con un esempio della vita quotidiana: Se uno comprasse un prodotto difettoso dal mercato, lo lodereste davanti a lui o lo insultereste davanti a lui? Abbiamo detto che bisognerebbe lodarlo. Il Talmud alla fine accetta la posizione della scuola di Hillel. (Ketubot 16b-17a).

Pur riconoscendo il confronto problematico tra una sposa e un prodotto acquistato sul mercato, va notato la natura radicale dell'affermazione della scuola di Hillels secondo cui l'esperienza quotidiana può prevalere anche sul ragionamento legale basato sulla Bibbia. Quando la legge, come derivata dall'esegesi e da altre tecniche accettate, si rivela incoerente con le norme comunitarie, suggerisce la scuola di Hillel, la legge può essere abbandonata per evitare la vergogna di un individuo.

Il Talmud è spesso caratterizzato come eccessivamente interessato alle minuzie legali e alle leggi che dettano ogni area della vita. Come abbiamo visto, il Talmud presta molta attenzione alle singole leggi, ma usa queste leggi come base per derivare principi legali e metodi di ragionamento legale.

Sotto le discussioni tecniche e di dettaglio delle singole leggi si nascondono questioni più ampie sulle categorie giuridiche, sul rapporto tra le singole leggi e il più ampio ordinamento giuridico e sull'interazione tra il mondo teorico del ragionamento giuridico e il mondo concreto della scelta giuridica ed etica . La legge, suggerisce il Talmud, è una negoziazione in continua evoluzione tra il tutto e le sue parti, e tra teoria e pratica.

Il rabbino Jill Jacobs è il rabbino residente del Jewish FundS for Justice. –>

Gemara

Pronunciato: guh-MAHR-uh, Origine: aramaico, un compendio di scritti e discussioni rabbiniche dei primi secoli dell'era volgare. Il Talmud comprende Gemara e Mishnah, un codice di diritto su cui elabora Gemara.

Mishnah

Pronunciato: MISH-nuh, Origine: ebraico, codice di diritto ebraico compilato nei primi secoli dell'era volgare. Insieme alla Gemara, costituisce il Talmud.

Talmud

Pronunciato: TALL-mud, Origine: ebraico, l'insieme degli insegnamenti e dei commenti alla Torah che costituiscono la base della legge ebraica. Composto dalla Mishnah e dalla Gemara, contiene le opinioni di migliaia di rabbini di diversi periodi della storia ebraica.

Quali leggi ci sono nel Talmud

Abbraccia leggi di purezza, castità, proprietà, contratti, negligenza, danni, relazioni domestiche, crimini, prove – in breve, la gamma della giurisprudenza di base. Il Talmud ha avuto una storia lunga e turbolenta e molto è stato scritto al riguardo.

Qual è la tradizione giuridica talmudica

Il Talmud è l'organo autorevole della legge e della tradizione ebraica ed era. sviluppato dopo la chiusura della Torah intorno al 400 aC Si compone della Mishnah e. la Gemara. La Mishnah è l'insieme delle decisioni legali compilate da Rabbi Judah, il Presidente del Sinedrio (Corte Suprema Ebraica), nel 220 d.C.

Cos'è un Talmud nella Bibbia

Il termine ebraico Talmud ("studio" o "apprendimento") si riferisce comunemente a una raccolta di antichi insegnamenti considerati sacri e normativi dagli ebrei dal momento in cui fu compilato fino ai tempi moderni e ancora così considerati dagli ebrei religiosi tradizionali.

Cos'è il Talmud e perché è importante

Il Talmud contiene insegnamenti rabbinici che interpretano ed espandono la legge della Torah per renderla rilevante per la vita quotidiana degli ebrei nei primi cinque secoli EV. La tradizione rabbinica stabilita nel Talmud è anche chiamata Torah orale. Per molti ebrei il Talmud è sacro e vincolante come la stessa Torah.