Seleziona una pagina

I rabbini talmudici sono eloquenti sul valore del tefillin. Il Talmud [babilonese] (Rosh Hashanah 17a) definisce un peccatore in Israele con il suo corpo come un teschio che non indossa tefillin.

Eppure, anche nel periodo geonico [dopo la canonizzazione del Talmud] vi era un certo lassismo nell'osservanza del tefillin. Alcuni dei geonim [principali studiosi del periodo] e furono seguiti dai Tosafot ([commentatori del XII-XIV secolo] al passaggio) osservarono che la denuncia talmudica si applica solo a coloro che rifiutano di indossare i tefillin per motivi irreligiosi, ma se un uomo non indossa i tefillin perché crede di non aver raggiunto la purezza del corpo e della mente richiesta per indossarli, non è affatto peccatore. È noto che il rabbino Moses di Coucy viaggiò attraverso la Spagna e la Francia nell'anno 1237 in una missione di predicazione in cui esortava gli ebrei di queste terre a indossare i tefillin, sostenendo che i peccatori richiedono ancora di più questo segno di fedeltà alla legge divina.

Il risultato è stato che gli ebrei ortodossi, sebbene non indossino più i tefillin tutto il giorno, poiché non credono di avere il grado di purezza per farlo, li indossano per la preghiera e i tefillin sono diventati una delle indicazioni dell'Ortodossia. La maggior parte degli ebrei riformati, tuttavia, non indossa il tefillin, interpretando, come facevano i Caraiti, i riferimenti alla fasciatura del braccio e della testa come puramente figurativi. Gli ebrei conservatori indossano i tefillin, come gli ortodossi.

Nel corso dei secoli, ai tefillin sono state date varie interpretazioni simboliche. Ad esempio, il tefillin della testa, il tefillin della mano e l'indossare quest'ultimo di fronte al cuore sono stati tutti presi per suggerire che la testa, il cuore e la mano devono essere tutti messi in gioco al servizio di Dio. Il fatto che ci siano quattro sezioni sulla testa tefillin e solo una nella mano tefillin è stato inteso per trasmettere l'idea che le opinioni possono differire ma la pratica ebraica dovrebbe essere uniforme. Che i tefillin della mano debbano essere coperti con la manica della camicia, mentre i tefillin della testa siano scoperti è stato inteso come un suggerimento che le emozioni religiose e le azioni benevole di un uomo dovrebbero essere private per lui e non ostentate per dimostrare la sua pietà e generosità . Nella Kabbalah, nei tefillin vengono lette varie idee mistiche: che, ad esempio, rappresentano sulla terra i dettagli delle Sefirot in alto.

Sotto l'influenza della Kabbalah, la seguente meditazione appare in molti libri di preghiere da recitare prima di indossare i tefillin:

Ora sono intento all'atto di indossare i tefillin, in adempimento del comando del mio Creatore, che ci ha comandato di deporre i tefillin, come è scritto nella Torah, e tu li legherai come segno sulla tua mano , e saranno per frontali tra i tuoi occhi. All'interno di questi tefillin sono poste quattro sezioni della Torah, che dichiarano l'assoluta unità di Dio, e ci ricordano i miracoli e le meraviglie che ha operato per noi quando ci ha fatto uscire dall'Egitto, anche Colui che ha potere sul più alto e il più in basso per trattare con loro secondo la sua volontà. Ci ha comandato di imporre il tefillin sulla mano come memoriale del Suo braccio teso; di fronte al cuore, per indicare il dovere di sottoporre al suo servizio i desideri ei disegni del nostro cuore, benedetto Egli sia; e sulla testa sopra il cervello, insegnando così che la mente, la cui sede è nel cervello, insieme a tutti i sensi e le facoltà, deve essere soggetta al Suo servizio, sia benedetto Lui. Possa l'effetto del precetto così osservato essere di prolungarmi lunga vita con sacre influenze e santi pensieri, libero da ogni avvicinamento, anche nella fantasia, al peccato e all'iniquità. Possa l'inclinazione al male non trarre in inganno o allettarci, ma possiamo essere portati a servire il Signore come è nei nostri cuori. Amen.

Ristampato con il permesso di The Jewish Religion: A Companion, pubblicato da Oxford University Press.

Cabala

Pronunciato: kah-bah-LAH, a volte kuh-BAHL-uh, Origine: ebraico, misticismo ebraico.

Talmud

Pronunciato: TALL-mud, Origine: ebraico, l'insieme degli insegnamenti e dei commenti alla Torah che costituiscono la base della legge ebraica. Composto dalla Mishnah e dalla Gemara, contiene le opinioni di migliaia di rabbini di diversi periodi della storia ebraica.

tefillin

Pronunciato: tuh-FILL-in (i breve sia in fill che in), Origine: ebraico, filatteri. Sono le scatolette contenenti le parole dello Shema che tradizionalmente vengono avvolte intorno alla testa e al braccio durante le preghiere mattutine.

Cos'è un tefillin e qual è il suo significato nel rituale

filatterio , ebraico tefillin , scritto anche tephillin o tfillin , nella pratica religiosa ebraica, uno dei due piccoli astucci a forma di cubo di pelle nera contenenti testi della Torah scritti su pergamena, che, secondo Deuteronomio 6:8 (e affermazioni simili in Deuteronomio 11: 18 ed Esodo 13:9, 16), devono essere indossati da uomini

Come si usa il tefillin nell'adorazione

I tefillin sono indossati principalmente da uomini ebrei ortodossi durante la preghiera del mattino. I tefillin sono costituiti da due scatole di cuoio che contengono le parole dello Shema. Gli ebrei legheranno una delle scatole al loro braccio con la cinghia di cuoio a cui è attaccata e legheranno l'altra scatola alla loro testa.